Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

L’espressione della gratitudine è un comportamento che viene promosso dai blog e dalle riviste che si occupano di benessere. Lo fanno perché, sostengono, la gratitudine fa bene all'anima e aiuta anche il corpo.

20190212 gratitudine 2

Negli Usa esistono oggi varie riviste e pubblicazioni dedicate a specifiche forme di gratitudine, si possono anche scaricare app che ricordano di annotare i propri ringraziamenti.

"Penso che negli ultimi anni ci sia stata una maggiore tendenza a concentrarsi sulla gratitudine" afferma la psicologa Laurie Santos, che insegna in un corso sulla scienza del benessere e della felicità a Yale.

"Riviste, app e prodotti analoghi possono ricordarci di prenderci del tempo per essere grati" spiega la Santos. "Ma è anche importante ricordare che la gratitudine è gratuita".

Mettere per iscritto la propria gratitudine sembra dare i suoi frutti: esiste un crescente corpo di ricerca sui benefici della gratitudine. Gli studi hanno scoperto che ringraziare e anche tenere il conto dei ringraziamenti fatti, può aiutare le persone a dormire meglio, a ridurre lo stress e a migliorare le relazioni interpersonali.

All'inizio di quest'anno, uno studio ha rilevato che mantenere un diario dei ringraziamenti diminuiva il "materialismo" e rinforzava la generosità tra gli adolescenti.

In un altro studio di qualche mese fa, prosegue l’esperta, anche gli studenti delle scuole superiori a cui è stato chiesto di tenere un diario di ringraziamento hanno poi riferito di mangiare in modo più sano, riducendo il consumo di junk food.

Esistono inoltre evidenze che l’espressione della gratitudine potrebbe ridurre il rischio di malattie cardiache e abbassare i sintomi della depressione, in alcune persone.

Ecco perché la gratitudine è una “materia” molto importante nella classe “di felicità” della professoressa Santos.

"È una delle pratiche vincenti nel campo della psicologia positiva" spiega, perché richiede pochissimo tempo e "i suoi benefici sono tanto potenti".

Fare liste di ringraziamenti è un modo per accedere a questi benefici. Si può ringraziare Dio o l'universo. Si può mantenere privata la propria gratitudine o condividerla con gli altri. Il modo migliore per accedere ed esprimere gratitudine può essere diverso da persona a persona.

Agli studenti della professoressa Santos, oltre di tenere diari di ringraziamento, viene chiesto di scrivere una lettera di ringraziamento e poi di leggerla ad alta voce al destinatario. "Posso dimostrare che avvengono miglioramenti misurabili nel benessere anche un mese dopo averlo fatto" afferma la Santos.

Ciò che funziona per alcune persone potrebbe non funzionare per altre.

Per trovare il metodo migliore "ognuno deve pensare a cosa sia giusto e a cosa sembri naturale o significativo per lui" spiega Sonja Lyubomirsky, professore di psicologia all'Università della California, la quale studia fattori come la felicità e la gratitudine.

20190212 gratitudine 3

Alcuni potrebbero scoprire che una dose giornaliera di gratitudine al mattino può essere trasformativa.

"Mi aiuta a sentirmi sveglio e abbondantemente gioioso" dice Sam Khazai, un attore di 38 anni che lavora a New York, il quale utilizza un diario che lo “spinge” a elencare tre cose per le quali è grato ogni giorno.

"So che sembra una sorta di obbligo" osserva. "Ma, praticare la gratitudine, mi suscita a sua volta tanta gratitudine in sé e per sé."

Ci sono stati momenti, tuttavia, quando ha saltato un giorno o anche diversi giorni, in cui si è sentito particolarmente giù di corda. "O anche quando, pur non saltando giorni, ho mentito al mio diario di gratitudine ... l'ho riempito di cose per le quali speravo di essere grato" spiega - ma non si sentiva davvero grato e, forzandosi, di conseguenza si sentiva male.

"La gratitudine è un'emozione molto ricca, ma è anche piuttosto complicata" osserva la Lyubomirsky. "A volte quando esprimi gratitudine, puoi anche sentirti umiliato, in debito con qualcuno o imbarazzato, quindi non è sempre piacevole."

In uno studio la professoressa Lyubomirsky e i suoi colleghi hanno scoperto che annotare i ringraziamenti una volta alla settimana aumentava la felicità, ma farlo tre volte alla settimana no.

"Questo suggerisce che per la maggior parte delle persone, almeno in media, tre volte alla settimana era troppo. E troppa gratitudine può produrre una sorta di ritorno di fiamma".

Mancano ricerche su come gli esercizi di gratitudine influenzino le persone con depressione clinica, ansia o tendenze suicide, spiega la Lyubomirsky.

"Se sei depresso, e ti viene chiesto di esprimere gratitudine ... potresti avere problemi a pensare a ciò di cui sei grato, o potresti sentirti davvero colpevole di non aver ricambiato quella persona a cui sei grato".

In effetti, in tutta la ricerca sui grandi benefici dell'espressione di gratitudine, esiste anche l’evidenza che questo non avviene per tutti. E non è una panacea - non può far scomparire ingiustizia, senso di perdita o dolore.

Ciò che la gratitudine può fare è darci speranza.

"La ricerca dimostra che concentrarsi sul positivo, anziché sul negativo, può migliorare il nostro umore più di quanto ci aspettiamo" afferma la professoressa Santos.

A Oakland, in California, la counselor per la salute mentale Zeyda Garcia è d'accordo con questa posizione. Durante i momenti davvero difficili, come quando aveva perso un lavoro e stava dormendo sul divano della madre della sua amica, sentiva che stava avendo buone ragioni per essere grata.

Ma lei cercava ancora di trovarne altre. "Anche soltanto: Sono grata per il sole che splende o per essere in grado di svegliarmi" confida. Sembrava forzato, affettato e anche un po' falso.

"Alla fine, però, mi ha aiutato" spiega. "In quanto mi ha permesso di dare concretezza a me stessa. Mi ha permesso di ricordare cosa stava andando bene nella mia vita, in un mondo pieno di caos".