Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

I numerosi consigli sui comportamenti a tutela della salute che ormai da molte settimane vengono diffusi dalle autorità sanitarie per contenere il contagio, sono efficaci solo se le persone si considerano a rischio. In caso contrario, è probabile che possano intraprendere azioni che possono danneggiare se stessi e gli altri con cui entrano in contatto.

20200415 invulnerabilità 7

I mezzi di informazione hanno riferito spesso negli ultimi giorni di persone che si sono comportate quasi normalmente, violando le indicazioni ricevute.

L'idea che il virus non possa contagioso o davvero pericoloso per sé, è forse più forte nei giovani adulti, in base anche alla costante informazione sul fatto che siano gli anziani ad essere maggiormente a rischio.

Non è necessario essere giovani per accondiscendere a questo tipo di invulnerabilità percepita, tuttavia quella che alcuni psicologi definiscono come "egocentrismo adolescenziale" è una fase che la maggior parte delle persone alla fine supera.

Inoltre, l'invulnerabilità percepita non si applica solo alle epidemie di malattia. Basta considerare il fatto che i decessi dovuti al bere e alla guida sono più alti tra le persone dai 15 ai 24 anni, come riportato dalle più recenti statistiche. Con tutti gli avvertimenti sulla pericolosità pubblica, per non parlare delle conseguenze legali, della guida sotto l'influenza dell’alcol, questo comportamento rischioso persiste soprattutto in quella che è chiaramente una fascia d'età vulnerabile.

Per comprendere le cause dell'invulnerabilità percepita tra adolescenti e giovani adulti, la ricerca sul bere e guidare può fornire utili indicazioni.

Uno studio condotto da ricercatori dell'Università di Angers ha affrontato specificamente questo problema in un'indagine sulla relazione tra atteggiamenti e comportamenti in un campione di giovani adulti francesi. Gli autori hanno basato il loro lavoro su quella che è chiamata la Teoria del comportamento pianificato (TPB), uno degli approcci più ampiamente accettati per comprendere la relazione tra atteggiamenti e comportamenti legati alla salute.

Secondo tale teoria, il comportamento di una persona è predetto direttamente dalle sue intenzioni comportamentali.

Per fare un esempio, se si decide di dover seguire una dieta a basso contenuto calorico, in linea teorica si avranno maggiori probabilità di farlo se questa è davvero la propria intenzione. Tuttavia, la teoria fa notare che le proprie intenzioni possono essere influenzate da tre serie di cause: dai propri atteggiamenti (ad esempio, si crede che il sovrappeso sia dannoso per la salute), dalla propria percezione di ciò che è normativo (gli esperti di salute mettono in guardia contro l’eccesso di peso) e, infine, dal fatto che si creda di poter effettivamente controllare se stessi nell’alimentazione o no.

È quest'ultimo pezzo del puzzle che può rivelarsi un ostacolo. Si sa che un eccesso di peso è dannoso, altre persone sostengono che l’obesità sia un pericolo, ma di fronte a un piatto di patatine fritte e pizza, si sente di non poter resistere all'impulso. Tutti e tre i fattori devono allinearsi, secondo la Teoria del comportamento pianificato, per allontanare da sé quei cibi allettanti.

Gli autori della ricerca francese credevano che tale modello teorico mancasse di una caratteristica chiave per spiegare in modo più completo i fenomeni del bere e della guida nei giovani adulti e che tale caratteristica avesse a che fare con la percezione del rischio, che è essa stessa una funzione dell'egocentrismo adolescenziale.

Secondo le parole degli autori, "L'invulnerabilità percepita, un pregiudizio ottimista, viene descritta come una favola personale di immunizzazione contro i rischi (pregiudizio cognitivo) e di solito gioca un ruolo nell'assunzione del rischio da parte degli adolescenti".

La cosiddetta "favola personale" è un'altra componente dell'approccio della teoria psicologica alla comprensione dell'egocentrismo adolescenziale. La favola personale si riferisce alla narrazione che i giovani costruiscono delle loro vite in cui si vedono come eroi o eroine, e, come tali, non possono essere influenzati dai pericoli che minacciano i comuni mortali. Ciò include, secondo lo studio francese, la capacità di bere e guidare senza subire incidenti.

Il campione online dello studio francese era composto da alcune centinaia di guidatori francesi (71% donne) con un'età media di 23 anni. Quasi un terzo riferiva di aver guidato dopo aver bevuto negli ultimi 12 mesi, gli uomini riferivano maggiori livelli di consumo alcolico. Una percentuale elevata del campione (oltre i 2/3) riteneva accettabile guidare dopo 1 o 2 drink. È stato chiesto loro di completare un questionario impostato secondo la Teoria del comportamento pianificato composta da item specificamente orientati alla guida e al bere (ad esempio, per l’intenzione comportamentale, '' Berrò e guiderò la prossima volta che sarò fuori ad una festa o in un bar con gli amici”).

20200415 invulnerabilità 8

Per misurare l'invulnerabilità percepita, il team di ricerca ha incluso in aggiunta domande appositamente progettate per la guida. Gli autori hanno definito i seguenti tre livelli separati per cogliere quelle che chiamano "tre facce dell'invulnerabilità":

Invulnerabilità del pericolo: è improbabile che rimanga ferito in un incidente.

Invulnerabilità interpersonale: le opinioni degli altri non mi danno fastidio.

Invulnerabilità psicologica: i miei sentimenti non produrranno del male.

Il modello teorico adottato ha permesso agli autori di testare la direzionalità mentre tracciavano i percorsi dagli atteggiamenti al comportamento. Come previsto dai ricercatori, l'intenzione di guidare sotto l'influenza dell’alcol era correlata alle componenti TPB di norme soggettive, atteggiamenti e controllo percepito. L'aggiunta dei comportamenti passati a questo schema, ha ulteriormente aumentato la prevedibilità di chi avrebbe bevuto e guidato, tuttavia il controllo percepito ha avuto il maggiore impatto.

Passando al ruolo dell'invulnerabilità percepita, i punteggi sulla dimensione psicologica si sono dimostrati predittivi della componente delle norme soggettive del modello teorico TPB.

Secondo le parole degli autori, "Queste persone si sentono protette da una favola personale egocentrica e percepiscono gli altri come favorevoli alle violazioni delle regole sul bere e la guida, in conformità con il proprio comportamento".

Anche la dimensione dell'invulnerabilità interpersonale ha avuto un ruolo nelle intenzioni comportamentali, suggerendo che le persone che non si preoccupano di ciò che pensano gli altri si impegneranno in comportamenti più rischiosi. Infine, i punteggi sull'invulnerabilità del pericolo hanno previsto anche intenzioni comportamentali rischiose. Come hanno notato gli autori, i giovani adulti che si percepiscono come invulnerabili, provano una sorta di “illusione di controllo” che li porta a sottovalutare qualunque rischio si possano trovare di fronte.

L'età può essere un fattore predittivo della percezione dell'invulnerabilità, ma persone di tutte le età che si considerano "troppo sane" per ammalarsi, sia per l'attuale pandemia che per malattie croniche, hanno bisogno di qualcuno che faccia scoppiare la loro bolla di controllo illusorio.

Ognuno può agire con le persone che conosce che non seguono le linee guida sulla salute, giovani o meno, continuando a presentare loro le storie vere di persone reali che hanno sofferto le conseguenze del pensare che non potesse accadere loro quello che poi è accaduto.

Una buona dose di informazioni su quanto sta avvenendo può, a questo proposito, servire come una delle migliori inoculazioni di buonsenso disponibili al momento.

In definitiva, tutti hanno, ad un certo punto della loro vita, escogitato una favola personale. Introdurre una nota di realtà in quella favola potrebbe essere il modo migliore per incrinare il mito dell'invulnerabilità.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca