Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

"Metti via il telefono!" "Niente più videogiochi!" "Ancora dieci minuti di YouTube e poi basta!". I ragazzi che crescono nell'era di Internet e degli smartphone hanno sentito tutti frasi come queste, spesso pronunciate da genitori ben intenzionati che temono problemi a lungo termine dovuti all’uso eccessivo di tecnologia.

20210114 panico 4a

Una nuova ricerca dell'Università del Colorado suggerisce però che tali restrizioni hanno scarso effetto sull'uso della tecnologia più avanti nella vita e che i timori di una "dipendenza tecnologica" diffusa e duratura possono essere esagerati.

"Molte persone diventano dipendenti dalla tecnologia da adolescenti e rimangono dipendenti da giovani adulti? La risposta dalla nostra ricerca è 'no’” ha detto l'autore principale Stefanie Mollborn, professore di sociologia presso l'Institute of Behavioral Science.

"Abbiamo scoperto che esiste solo una debole relazione debole tra l’utilizzo precoce della tecnologia e una successiva “dipendenza” da utilizzo di dispositivi tecnologici. Quello che facciamo come genitori conta meno di quanto la maggior parte di noi creda".

Lo studio, che analizza una ricerca fatta con quasi mille e duecento giovani adulti, è il primo a utilizzare a esaminare come si evolve l'uso della tecnologia digitale dall'infanzia all'età adulta.

I dati sono stati raccolti prima della pandemia, la quale ha portato a un notevole aumento dell'uso della tecnologia poiché milioni di studenti sono stati costretti a frequentare la scuola e a socializzare online. Tuttavia, gli autori sostengono che i risultati dovrebbero essere di conforto per i genitori preoccupati per il molto tempo aggiuntivo passato dai figli davanti a uno schermo.

"Questa ricerca affronta il “panico” sulle conseguenze di un eccessivo utilizzo di tecnologia che vediamo così spesso. Molte di queste paure erano aneddotiche, ma ora che abbiamo alcuni dati solidi su cui ragionare, non risultano verificate".

Pubblicato in Advances in Life Course Research, lo studio fa parte di un progetto quadriennale volto a esplorare come l'era dell’”Internet mobile” stia davvero plasmando la gioventù.

Dal 1997, il tempo trascorso con la tecnologia digitale negli Usa è aumentato del 32% tra i bambini di età compresa tra 2 e 5 anni e del 23% tra i bambini di età compresa tra 6 e 11 anni, secondo i precedenti documenti consultati dal team di ricerca. Anche prima della pandemia, gli adolescenti trascorrevano mediamente 33 ore a settimana utilizzando la tecnologia digitale al di fuori della scuola.

Per l'ultimo studio, il team di ricerca ha fatto luce su tardo adolescenti e giovani adulti di età compresa tra i 18 ei 30 anni, intervistando una gran quantità di giovani sul loro uso attuale della tecnologia, sul loro uso della tecnologia da adolescenti e su come i loro genitori, o tutori, lo hanno limitato o incoraggiato. I ricercatori hanno anche analizzato i dati del sondaggio da un campione rappresentativo a livello nazionale di quasi milleduecento partecipanti, seguendo le stesse persone dall'adolescenza alla giovane età adulta.

20210114 panico 4

Sorprendentemente, le pratiche genitoriali come fissare limiti di tempo o vietare ai figli di guardare spettacoli durante i pasti non hanno avuto alcun effetto su quanto i soggetti dello studio hanno poi utilizzato la tecnologia da giovani adulti.

I ragazzi sono cresciuti con meno dispositivi in ​​casa o hanno trascorso meno tempo a utilizzare la tecnologia da bambini tendevano a trascorrere un po’ meno tempo con la tecnologia in giovane età adulta, ma statisticamente la relazione causa – effetto è risultata debole.

Cosa determina il tempo che i giovani adulti dedicano alla tecnologia? La vita che conducono nella giovane età adulta, suggerisce la ricerca.

I giovani adulti che frequentano molte persone che come loro hanno figli, trascorrono più tempo con la tecnologia (forse come mezzo per condividere consigli genitoriali). Coloro i cui amici sono single tendono a un uso maggiore rispetto a quelli sposati. Gli studenti universitari, da parte loro, tendono a credere di trascorrere più tempo con la tecnologia di quanto abbiano mai fatto prima o abbiano mai pensato di fare.

"Si sentono come se stessero usando molto la tecnologia ma perché devono farlo, hanno questo comportamento sotto controllo e pensano che in futuro ne utilizzeranno di meno".

Dagli albori dei fumetti e dei film muti alla nascita della radio e della TV, l'innovazione tecnologica ha alimentato il cosiddetto “panico morale” tra le generazioni più anziane, osservano gli autori dello studio.

"Vediamo che tutti ne sono attratti, ci spaventiamo e presumiamo che rovinerà i giovani di oggi".

In alcuni casi, l'eccesso può avere degli svantaggi. Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che gli adolescenti che giocano molto ai videogiochi tendono a fare meno attività fisica.

Ma l'uso della tecnologia digitale non sembra disturbare eccessivamente il sonno tra gli adolescenti, come alcuni avevano temuto, e l'uso dei social media o dei video online non riduce necessariamente l'attività fisica.

In molti modi, gli adolescenti di oggi stanno semplicemente sostituendo una forma di tecnologia con un'altra, fruiscono dello streaming YouTube invece di guardare la TV o mandano messaggi invece di parlare al telefono.

Questo non vuol dire che nessuno diventi mai dipendente, o che i genitori non dovrebbero mai stabilire limiti o parlare ai propri figli dei pro e dei contro, sottolinea Mollborn.

"Quello che questi dati suggeriscono è che la maggior parte degli adolescenti non sta diventando irrevocabilmente dipendente dalla tecnologia. È un messaggio di speranza".

Recentemente lo studioso ha svolto un’indagine con adolescenti e genitori nell'età di COVID-19. È interessante notare che, ha detto, i genitori sembrano meno preoccupati per l'uso della tecnologia dei loro figli durante la pandemia di quanto non lo fossero in precedenza.

"Si rendono conto che i ragazzi hanno bisogno dell'interazione sociale e l'unico modo per ottenerla in questo momento è attraverso i dispositivi digitali. Molti di loro ammettono: 'Cosa faremmo in questa situazione senza computer, connessione smartphone?'".


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della University of Colorado at Boulder.
Riferimento bibliografico: Stefanie Mollborn et alii.
A life course framework for understanding digital technology use in the transition to adulthood.
Advances in Life Course Research, 2020.