Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Si stima che un adolescente su cinque abbia sintomi di un disturbo di salute mentale come depressione o ansia. Il suicidio è la seconda causa di morte tra gli adolescenti. La prima persona con cui un adolescente si confida potrebbe non essere sempre un adulto: i ragazzi potrebbero preferire parlare con un compagno.

20210121 peer 2

Tre quarti dei genitori in una nuova ricerca americana pensano che i coetanei capiscano meglio le sfide e i problemi degli adolescenti, rispetto agli insegnanti o ai consulenti della scuola.

La maggioranza concorda anche sul fatto che i giovani che sono punti di riferimento nelle scuole per il sostegno tra pari a scuola incoraggerebbero i compagni a parlare con i coetanei dei loro problemi di salute mentale, secondo un’indagine svolta dalla Michigan Medicine.

"I coetanei possono fornire un valido supporto ai compagni adolescenti alle prese con problemi emotivi perché possono relazionarsi gli uni con gli altri" afferma Sarah Clark, direttrice del centro per la salute dei giovani.

"Alcuni adolescenti possono temere che i loro genitori reagiscano in modo eccessivo o non capiscano quello che stanno vivendo. Insegnanti e tutor scolastici possono anche avere un tempo limitato per parlare con gli studenti nel mezzo delle loro altre responsabilità".

Ricerche precedenti suggeriscono che quasi la metà degli adolescenti che hanno almeno un disturbo di salute mentale curabile potrebbe non ricevere cure a causa di diversi ostacoli. Ma gli adolescenti che non hanno una condizione diagnosticata possono comunque avere problemi occasionali provocati dalle loro emozioni, dai rapporti tra pari e con i familiari, ansia, impegni scolastici, abuso di sostanze o altri problemi che incidono negativamente sull'autostima.

Questo tipo di situazioni può aumentare il rischio di sviluppare o innescare la depressione durante gli anni della pre-adolescenza e dell’adolescenza, dicono gli esperti.

Alcune scuole hanno istituito “leader di sostegno” tra pari per offrire agli adolescenti canali sicuri per condividere i loro problemi.

Gli adolescenti che fungono da mentori in questi programmi vengono formati con la supervisione di insegnanti, consulenti o professionisti della salute mentale. Sono disponibili a parlare con i loro compagni su base spontanea in un luogo designato a scuola o proponendosi in modo attivo su segnalazione del personale scolastico.

"Abbiamo visto esempi concreti di programmi scolastici che preparano gli adolescenti a essere buoni ascoltatori e a identificare segnali di pericolo di suicidio o altri gravi problemi nei compagni".

"Il ruolo dei mentori di sostegno tra pari è ascoltare, suggerire strategie di risoluzione dei problemi, condividere informazioni sulle risorse e, se appropriato, incoraggiare i loro compagni di studio a cercare aiuto.

Il compito più importante è cogliere i segnali che indicano che lo studente ha bisogno immediato di attenzione e per avvisare gli adulti che sovrintendono al programma. Anche se questo non sostituisce la necessità di supporto professionale, questi programmi offrono ai giovani un modo non minaccioso per iniziare a lavorare sui loro problemi ".

L’indagine, rappresentativa a livello nazionale, includeva le risposte di mille genitori di adolescenti di età compresa tra 13 e 18 anni a domande sulle loro opinioni su programmi come i leader del sostegno tra pari.

Valutare i vantaggi e i problemi del supporto tra pari

La maggior parte dei genitori afferma di vedere vantaggi nei programmi di mentoring tra pari. Il 38% crede che se il proprio ragazzi adolescente stesse soffrendo con un problema di salute mentale, probabilmente parlerebbe con un leader del supporto tra pari e il 41% dei genitori afferma che è possibile che il loro figlio adolescente tragga vantaggio da questa opzione. Un altro 21% afferma che è improbabile che il loro ragazzo cerchi sostegno da un mentore tra pari.

20210121 peer 3

Tuttavia, i genitori hanno espresso alcune preoccupazioni sui coetanei che forniscono supporto per la salute mentale ai compagni adolescenti. Alcuni si preoccupavano che potesse non mantenere riservate le informazioni sui propri figli (62%), se il leader tra pari sapesse quando e come informare gli adulti su un problema (57%), se il leader tra pari fosse in grado di dire se l'adolescente aveva bisogno aiuto immediato in caso di crisi (53%) e se gli adolescenti possano essere formati per fornire questo tipo di supporto (47%).

"Alcune delle maggiori preoccupazioni dei genitori riguardavano se il “peer leader” sarebbe stato in grado di dire se il loro ragazzo adolescente aveva bisogno di un intervento professionale immediato e come avviare i passi successivi" dice la dottoressa Clark.

Nonostante queste preoccupazioni, un terzo dei genitori afferma ancora che "preferisce decisamente" avere un programma per leader di sostegno tra pari attraverso la scuola dei propri adolescenti, mentre il 46% afferma che probabilmente sosterrebbe tale programma.

Un quarto dei genitori afferma anche che la scuola dei loro figli adolescenti ha già un qualche tipo di programma di sostegno tra pari e questi genitori hanno il doppio delle probabilità di favorire tali sforzi.

"Questo suggerisce che il sostegno dei genitori aumenta una volta che capiscono come funzionano i programmi di sostegno tra pari. La maggior parte dei genitori concorda con la logica dei programmi di sostegno tra pari, ma potrebbe essere incerta fino a quando non vedrà concretamente come operano e avvantaggiano gli studenti".

Due genitori su tre, ovvero il 64%, consentirebbero anche ai propri figli adolescenti di essere formati come leader del sostegno tra pari, riconoscendo i benefici per la comunità, la scuola e la crescita individuale del ragazzo.

Tuttavia, circa la metà dei genitori si chiede se ci possa essere una formazione sufficiente e che i loro figli adolescenti si possano sentire responsabili se succedesse qualcosa di brutto a uno studente che utilizzava il programma. Circa il 30% non era sicuro che il proprio adolescente fosse abbastanza maturo da operare come leader del supporto tra pari.

"La maggior parte dei genitori approva la formazione dei propri figli adolescenti come leader del sostegno tra pari, considerandola un'opportunità per sviluppare capacità di leadership e comprendere meglio le diverse sfide che gli adolescenti devono affrontare. Ma molti volevano anche essere rassicurati sul fatto che gli adolescenti in questi ruoli avrebbero avuto la guida e il supporto degli adulti necessari per affrontare situazioni emotive difficili".

"Uno stretto legame con adulti consapevoli è una parte essenziale di qualsiasi programma scolastico di salute mentale tra pari, in particolare per quanto riguarda la prevenzione del suicidio".

La professoressa Clark afferma che quando si tratta di salute mentale dei giovani, "ci vuole un villaggio" per sostenerli e aiutare a identificare i segnali di pericolo che potrebbero essere nei guai.

"Gli adulti nella vita degli adolescenti - inclusi genitori, insegnanti e altri mentori - svolgono ruoli critici durante i periodi difficili. Ma i coetanei possono essere una risorsa ancora inesplorata per aiutare gli adolescenti che hanno bisogno di qualcuno con cui parlare".

I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della Michigan Medicine - University of Michigan.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca