Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Tre decenni fa i ricercatori dello sviluppo infantile hanno scoperto che i bambini di famiglie a basso reddito avevano sentito decine di milioni di parole in meno nelle loro case rispetto ai loro coetanei più benestanti, al momento in cui andavano all'asilo.

soldi 4

Questo "divario di parole" era e continua ad essere collegato a una disparità socioeconomica alla base del rendimento scolastico.

Sebbene limiti e carenze genitoriali siano state a lungo ritenute responsabili del divario, una nuova ricerca dell'Università della California chiama in causa il contesto economico in cui si svolge la genitorialità, in altre parole, il divario di disponibilità economiche.

I risultati, pubblicati sulla rivista Developmental Science, forniscono la prima prova che i genitori possono parlare di meno con i propri figli quando vivono una situazione di scarsità finanziaria.

"Eravamo interessati a cosa succede quando i genitori pensano o sperimentano la carenza di denaro e abbiamo trovato prove che tale tensione potrebbe limitare in modo forte il loro modo di parlare ai loro figli" ha affermato l'autore senior dello studio Mahesh Srinivasan, professore di psicologia all'UC Berkeley.

"I nostri risultati suggeriscono che la formazione genitoriale potrebbe non essere sufficiente per spiegare il divario di rendimento scolastico senza affrontare il problema più ampio della disuguaglianza di reddito".

"Gli interventi governativi esistenti per eliminare il divario linguistico si sono spesso concentrati sul miglioramento delle capacità genitoriali" ha affermato Srinivasan. "Ma i nostri risultati suggeriscono che alleviare i genitori dai loro oneri finanziari, ad esempio attraverso trasferimenti diretti di denaro, potrebbe anche cambiare sostanzialmente il modo in cui interagiscono con i loro figli".

Nel primo esperimento, i ricercatori hanno cercato di osservare come i genitori avrebbero interagito con i loro figli (in questo caso, bambini di 3 anni) dopo che ai genitori era stato chiesto di descrivere i periodi in cui avevano recentemente sperimentato la scarsità di mezzi economici. A un gruppo di controllo di genitori è stato invece chiesto di descrivere altre attività recenti.

Del gruppo di genitori nello studio, quelli del gruppo sperimentale che hanno descritto le loro esperienze di scarsità finanziaria hanno parlato meno ai loro bambini di 3 anni durante le osservazioni di laboratorio rispetto ai genitori che hanno riflettuto su altre forme di scarsità (come non avere abbastanza frutta), o genitori a cui non era stato chiesto di ricordare esperienze di insicurezza o mancanza di risorse.

Il secondo esperimento ha utilizzato i dati esistenti raccolti tramite la tecnologia LENA, piccoli dispositivi "contapassi parlanti" indossati dai bambini che registrano le loro conversazioni e contano le parole che sentono e dicono.

20211028 soldi 4

Come previsto dai ricercatori, le analisi hanno rivelato che i genitori si impegnano in un minor numero di conversazione con i propri figli alla fine del mese, un periodo che in genere coincide con la mancanza di denaro, poiché i genitori aspettano gli stipendi o altre fonti di reddito.

"Poiché abbiamo ricevuto registrazioni dagli stessi genitori in diversi momenti del mese, potevamo essenzialmente usare gli stessi genitori come mezzo di verifica".

"Questo ci ha permesso di individuare davvero le differenze nelle loro modalità di discorso quando avevano più o meno probabilità di accusare difficoltà finanziarie, indipendentemente dalle loro caratteristiche personali".

Il termine "word gap" è stato coniato all'inizio degli anni '90 quando i ricercatori dell'Università del Kansas hanno monitorato le interazioni verbali nelle case di una cinquantina di famiglie per studiare lo sviluppo del linguaggio precoce nei primi tre anni dei bambini.

Ogni giorno, i ricercatori hanno registrato un'ora di conversazione in ogni famiglia, quindi hanno contato tutte le parole che i bambini avevano sentito durante queste fasi di registrazione.

Sebbene alcuni abbiano messo in dubbio la metodologia utilizzata in questo studio, la loro scoperta di base è stata riverificata molte volte, spingendo a richiedere interventi per ridurre la disparità.

"Ci ha colpito che ciò che mancava alla conversazione sulla parola “divario” era la possibilità che la povertà, e le molte esperienze difficili ad essa associate, potesse essa stessa influenzare il discorso dei genitori" ha detto Srinivasan.

I risultati preliminari supportano l'ipotesi dei ricercatori, ma richiedono anche un'analisi più approfondita della relazione tra le preoccupazioni per il denaro e l'impegno verbale dei genitori con i figli, affermano i ricercatori.

"Questa ricerca non significa che i bambini i cui genitori stanno attraversando grandi difficoltà finanziarie siano destinati ad avere vocabolari più ridotti. Il punto fondamentale qui è davvero solo l'importanza di assicurarsi che i genitori abbiano le risorse di cui hanno bisogno per essere a tutti gli effetti genitori".

"Se sei preoccupato di mettere il cibo in tavola stasera, o di racimolare soldi per pagare quella fattura medica, o di capire dove iscrivere tuo figlio a scuola ora che sei stato sfrattato dal tuo quartiere, potresti essere meno propenso a raccontare e a parlare del colore del cielo a tuo figlio mentre viaggiate insieme sull'autobus" conclude lo studio.


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della University of California - Berkeley.
Riferimento bibliografico:
Monica E. Ellwood‐Lowe, Ruthe Foushee, Mahesh Srinivasan.
What causes the word gap? Financial concerns may systematically suppress child‐directed speech.
Developmental Science, 2021.