Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Partecipare ad attività artistiche e culturali come danza, teatro, lettura e andare ai concerti, sembra che produca un effetto benefico di lungo periodo, per gli adolescenti che lo fanno, riducendo la possibilità che si impegnino in comportamenti antisociali e devianti.

20220426 art 1

È quanto emerge da un nuovo studio realizzato dall'UCL (University College London) e da ricercatori dell'Università della Florida, nel quale i ricercatori hanno esaminato i dati di oltre 25.000 adolescenti negli Stati Uniti che avevano compilato questionari per diversi anni.

Hanno misurato il coinvolgimento complessivo degli adolescenti nelle attività artistiche in base a un'ampia gamma di fattori, dal coinvolgimento nei club scolastici, nelle orchestre, nei cori e nelle lezioni di arte al di fuori della scuola, al fatto che avessero visitato musei o partecipato a concerti o svolto attività culturali e di lettura da soli.

Hanno scoperto che più erano coinvolti gli adolescenti in queste attività, meno era probabile che riferissero di essersi resi responsabili di comportamenti antisociali - che vanno dal comportamento scorretto a scuola, alle risse, a comportamenti delinquenziali come il furto e la vendita di droghe - sia al momento della prima indagine sia uno e due anni dopo, quando è stata ripetuta l’indagine.

Il gruppo di ricercatori ha anche scoperto che gli adolescenti e i giovani più impegnati nelle arti avevano livelli di autocontrollo migliori e che vedevano negativamente il comportamento antisociale, anche questi fattori che promuovono uno sviluppo sociamente positivo.

"Ricerche passate hanno dimostrato che essere coinvolti nelle arti può avere un grande impatto sulla salute mentale e sul benessere degli adolescenti, hanno spiegato i ricercatori. Il nostro studio aggiunge prove sui benefici ad ampio raggio che le arti e la cultura possono avere per i giovani, dimostrando un legame positivo tra le arti e una minore prevalenza di comportamenti antisociali.

"In particolare questi risultati sono rimasti validi anche tenendo conto di fattori come l'età, il sesso, l'etnia, il background socio-economico dei giovani, il background educativo dei genitori, il luogo in cui vivevano e le loro eventuali precedenti esperienza di comportamento antisociale".

"La nostra definizione di impegno artistico e culturale era molto ampia. Comprendeva ballare e recitare nei gruppi scolastici, leggere, andare al cinema, musei, concerti e lezioni di musica, così come altri hobby a cui gli adolescenti hanno preso regolarmente parte.

20220426 art 1a

"Trovare modi per ridurre i comportamenti antisociali tra gli adolescenti è importante perché questi comportamenti possono consolidarsi e continuare nell'età adulta, influenzando l'intera vita di una persona.

"I nostri risultati dimostrano l'importanza di rendere disponibili le attività artistiche e culturali per tutti i giovani, in particolare sulla scia della pandemia di Covid-19, che ha limitato l’accesso e i finanziamenti per queste risorse".

I ricercatori hanno esaminato i dati di due studi longitudinali svolti negli Stati Uniti, il National Longitudinal Study of Adolescent to Adult Health e il National Education Longitudinal Study del 1988, i cui partecipanti erano rappresentativi a livello nazionale. Il gruppo di ricerca ha analizzato i questionari compilati dagli adolescenti e dai loro genitori tra il 1988 e il 2002. L'età media dei partecipanti all'inizio di questi studi era compresa tra i 14 e i 15 anni.

Sebbene i ricercatori abbiano scoperto che l'impegno artistico fosse legato a un minor numero di percezioni positive del comportamento antisociale e a migliori punteggi di autocontrollo, non sono riusciti a concludere che questi fattori fossero causalmente responsabili dell'associazione tra impegno artistico e comportamento antisociale poiché lo studio era osservativo.

Tuttavia, nel considerare i meccanismi attraverso i quali le arti potrebbero ridurre il comportamento antisociale, i ricercatori hanno citato studi precedenti che mostravano miglioramenti derivanti dall'impegno artistico tra cui una maggiore empatia, un comportamento più prosociale, una riduzione della noia e una migliore autostima, nonché una migliore regolazione delle emozioni.


Riferimento bibliografico:
Jessica K. Bone, Feifei Bu, Meg E. Fluharty, Elise Paul, Jill K. Sonke, Daisy Fancourt.
Arts and Cultural Engagement, Reportedly Antisocial or Criminalized Behaviors,
and Potential Mediators in Two Longitudinal Cohorts of Adolescents
.
Journal of Youth and Adolescence, 2022.