Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Lo stress e i traumi durante l'adolescenza possono portare a conseguenze sulla salute a lungo termine, come i disturbi psichiatrici, che possono derivare da influenze negative sullo sviluppo neurologico dei circuiti cerebrali.

20220519 antistress 1

Un nuovo studio su Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging, pubblicato da Elsevier, ha utilizzato la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per esaminare gli effetti dello stress acuto e della "poli-vittimizzazione", o traumi ripetuti, su tre reti cerebrali negli adolescenti.

"Sebbene gli esiti negativi sulla salute siano stati associati separatamente all'esposizione alla vittimizzazione nella prima infanzia, all'interruzione del neurosviluppo adolescenziale e alle risposte aberranti della rete neurale allo stress acuto, nessuna ricerca precedente aveva esaminato come questi fattori fossero correlati tra loro" ha spiegato Rachel Corr della University della Carolina del Nord a Chapel Hill, NC, USA e autrice principale dello studio.


il gruppo di ricercatori voleva anche indagare
su come la risposta allo stress della rete neurale
fosse influenzata dalla poli-vittimizzazione


“Il nostro studio mirava a mettere insieme questi pezzi del puzzle".

La dottoressa Corr e i suoi colleghi volevano specificamente esplorare "come lo stress acuto influenzi la connettività funzionale delle "reti triple" del cervello", riferendosi alla rete in modalità predefinita, alla rete di salienza e alla rete esecutiva centrale.

Insieme, le tre reti sono fondamentali per il controllo della cognizione, delle emozioni, della percezione e dell'interazione sociale. L'attività aberrante all'interno e tra le tre reti è stata a lungo associata a sintomi psichiatrici.

I ricercatori hanno analizzato i dati di connettività funzionale raccolti in precedenza da 79 bambini e ragazzi di età compresa tra 9 e 16 anni, molti con traumi da poli-vittimizzazione.

20220519 antistress 1a

Per misurare gli effetti dello stress acuto sulla connettività cerebrale, i partecipanti hanno completato un compito durante la scansione fMRI. Nella condizione di controllo, i soggetti hanno completato i problemi di matematica al proprio ritmo ed è stato detto loro che le loro risposte non erano state registrate; nella condizione di stress, i partecipanti hanno dovuto fare i problemi di matematica rapidamente durante il tempo assegnato e hanno ricevuto un feedback negativo sulle loro prestazioni durante il test.

Durante la condizione di stress acuto, i partecipanti hanno mostrato una connettività funzionale alterata tra le tre reti cerebrali. In particolare, i ricercatori hanno riscontrato un aumento della connettività cerebrale tra la modalità predefinita e le reti esecutive centrali e una diminuzione della connettività cerebrale tra la rete di salienza e le altre due reti.

Gli autori postulano che l'insula, una regione del cervello associata all'attenzione diretta verso l'interno, potrebbe mediare i cambiamenti che hanno visto nella connettività cerebrale.


traumi ripetuti possono portare
a una risposta disadattiva allo stress acuto


Il gruppo di ricercatori voleva anche indagare su come la risposta allo stress della rete neurale fosse influenzata dalla poli-vittimizzazione, per la quale gli adolescenti possono sperimentare molteplici forme di vittimizzazione, anche da parte di genitori, coetanei o altri adulti.

Studiando la polivittimizzazione, potrebbero studiare i potenziali effetti cumulativi di esposizioni ripetute sul cervello. I soggetti che hanno subito la poli-vittimizzazione avevano maggiori probabilità di mostrare maggiori riduzioni di connettività cerebrale tra la salienza e le reti in modalità predefinita e l'insula in particolare. Insieme, i risultati suggeriscono che il cervello potrebbe essersi adattato a traumi ripetuti per renderlo meno in grado di reagire a esperienze stressanti.

Una migliore comprensione degli effetti sullo sviluppo neurologico del trauma sul cervello aiuterà i ricercatori ad affrontare meglio i risultati psichiatrici risultanti.

"Questo studio mostra come traumi ripetuti possono portare a una risposta disadattiva allo stress acuto in importanti reti cerebrali funzionali e rivela un potenziale meccanismo attraverso il quale i fattori di stress della vita possono portare a una maggiore vulnerabilità neurale allo stress e alla responsabilità associata a futuri problemi di salute mentale" hanno concluso i ricercatori.


Riferimento bibliografico
Rachel Corr et alii. Triple Network Functional Connectivity During Acute Stress
in Adolescents and the Influence of Polyvictimization
.
Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging, 2022.