Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

I figli in un modo o nell’altro riflettono quello che sono i padri, al di là delle eredità genetiche. Secondo una nuova ricerca, alla depressione adolescenziale e ai problemi comportamentali dei ragazzi, che sono in tutto il mondo in aumento in questo periodo storico, contribuirebbe anche la depressione paterna.

20220714 relaz 4

Questo avverrebbe indipendentemente dal fatto che padri e figli siano geneticamente imparentati.

"Molte ricerche si concentrano sulla depressione all'interno di famiglie biologicamente correlate" ha affermato Jenae Neiderhiser, membro professore di psicologia e sviluppo umano e studi sulla famiglia alla Penn State. "Ora stanno diventando disponibili ulteriori informazioni e prove per le famiglie adottive e le famiglie miste".

I ricercatori hanno esaminato le variazioni naturali nella parentela genetica tra i genitori e i loro figli adolescenti nelle 720 famiglie che partecipano allo studio NEAD (Nonshared Environment in Adolescent Development). Oltre la metà di quelle famiglie contengono un genitore acquisito che cresce i figli.

Madri, padri e figli hanno risposto ciascuno alle domande per misurare i sintomi della depressione, i comportamenti e il conflitto genitore-figlio.

I ricercatori hanno quindi esaminato l'associazione tra i sintomi della depressione paterna e i sintomi comportamentali del ragazzo in una serie di schemi di correlazione.

Neiderhiser e Alex Burt, professore di scienze cliniche alla Michigan State, insieme ai loro colleghi, hanno scoperto che la depressione paterna era associata alla depressione adolescenziale e ai problemi comportamentali degli adolescenti.

Questo si è verificato senza avere come fattore causale il fatto che i padri e i loro figli fossero geneticamente correlati.

20220714 relaz 4a

"I risultati hanno indicato chiaramente la trasmissione ambientale della depressione e dei comportamenti tra padri e figli" ha affermato Burt, che collabora a progetti con Neiderhiser dall'inizio degli anni 2000.

"Inoltre, abbiamo continuato a ritrovare queste associazioni in un sottoinsieme di famiglie “miste” in cui il padre era biologicamente imparentato con un ragazzo partecipante ma non con l'altro, il che è stata un'importante conferma dei nostri risultati.

Abbiamo anche scoperto che gran parte di questo effetto sembrava essere una funzione del conflitto genitore-figlio.

Questo tipo di riscontri si aggiunge alle evidenze che il conflitto genitore-figlio gioca un ruolo come predittore ambientale dei comportamenti degli adolescenti".

Secondo Neiderhiser, sebbene i risultati fossero attesi, i ricercatori pensavano che gli effetti sul comportamento e sulla depressione dei giovani sarebbero stati maggiori nelle coppie genitore-figlio geneticamente correlate.

"Sarebbe importante fare più studi sulle famiglie allargate e miste.

Tendono a essere un ‘esperimento naturale’ sottoutilizzato da cui potremmo imparare di più per comprendere e districare l'impatto dei fattori ambientali e della genetica sulle famiglie".


Riferimento bibliografico
S. Alexandra Burt, D. Angus Clark, Jenae M. Neiderhiser.
Illuminating the origins of the intergenerational transmission
of psychopathology with a novel genetically informed design
.
Development and Psychopathology, 2022