Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Le tendenze all'impulsività nella prima adolescenza sono collegate a una serie di difficoltà più avanti negli anni, compresi il disturbo antisociale di personalità e l’abuso di consumo di alcol. Quando i ragazzi raggiungono il periodo di mezzo dell'adolescenza, potrebbe essere troppo tardi per occuparsene e “curare” l'impulsività, al fine di prevenire lo sviluppo di disturbi comportamentali.

20220915 fury 5 

Ricerche precedenti hanno verificato e mostrato il legame tra l’impulsività e questi disturbi, ma non come tale relazione si sviluppa. Ora, un nuovo studio basato su centinaia di giovani di Filadelfia, seguiti per quasi dieci anni, descrive in dettaglio il complesso percorso che collega l'impulsività, il consumo di alcol e il comportamento antisociale.

I risultati suggeriscono che occuparsi degli adolescenti che mostrano alti livelli di impulsività nella prima adolescenza potrebbe fermare una catena di eventi a cascata che porta al disturbo di personalità antisociale (APD) della tarda adolescenza e al disturbo da uso di alcol (AUD).

"I giovani adolescenti con problemi di controllo degli impulsi sono a rischio di una varietà di esiti avversi, come l'uso di droghe, il comportamento reattivo e il comportamento antisociale" ha affermato il coautore dello studio Dan Romer, direttore della ricerca dell'Annenberg Public Policy Center dell'Università della Pennsylvania.

"Quello che abbiamo scoperto è che si deve iniziare a mitigare l'impulsività prima che inizi a influenzare i comportamenti che portano all'uso di sostanze e all’antisocialità nel comportamento. Una volta che gli adolescenti sono nella direzione di lasciarsi a questi comportamenti, potrebbe diventare più difficile prevenire disturbi più tardi nell'adolescenza rispetto al trattamento dell'impulsività stessa".

Lo studio, pubblicato sul Journal of Adolescent Health, è stato condotto da ricercatori dell'Annenberg Public Policy Center (APPC), dell'Università di Amsterdam, dell'Università dell'Oregon e del Children's Hospital di Philadelphia.

Lo studio

Lo studio si basa sui dati del Philadelphia Trajectory Study, uno studio a sei fasi durante il quale i partecipanti di età compresa tra 10 e 12 anni sono stati intervistati ogni anno dal 2004 al 2010, con un follow-up finale di due anni nel 2012. L'attuale studio si basa su cinque anni di dati auto-riferiti. Durante l'ultima verifica i partecipanti avevano dai 18 ai 21 anni.

I ricercatori hanno affermato che, al meglio delle loro conoscenze, "questo è il primo studio a indagare i collegamenti di mediazione a cascata tra impulsività, consumo di alcol e comportamento antisociale durante l'adolescenza".

20220915 fury 3

Impulsività adolescenziale e comportamento antisociale

I ricercatori hanno scoperto che dalla prima alla metà dell'adolescenza, i cambiamenti nell'impulsività predicevano cambiamenti nel comportamento antisociale e nel consumo di alcol. Ma quando i partecipanti avevano raggiunto la metà e la tarda adolescenza, i cambiamenti nell'impulsività non facevano più prevedere quei comportamenti. A questo punto è il comportamento antisociale che può far prevedere sia un elevato consumo di alcol che i disturbi antisociali della personalità.

"È importante prendere di mira il comportamento antisociale per interrompere la cascata che predice sia il disturbo da consumo di alcol che il disturbo antisociale della personalità", ha affermato l'autrice principale, Ivy Defoe, professore associato all'Università di Amsterdam.

"In effetti, lo studio ha mostrato che l'aumento del comportamento antisociale tra la metà e la tarda adolescenza era legato anche a un aumento dell'impulsività. Ciò è coerente con la teoria che suggerisce che gli individui che mostrano un comportamento antisociale vengono successivamente “etichettati” come "antisociali" o "trasgressori", il che fa sì che ripetano ulteriormente tali comportamenti".

In considerazione dell’attuale emergenza di salute mentale tra gli adolescenti, è fondamentale identificare i giovani con condizioni che possono portare a disturbi successivi. Lo screening per tali condizioni è un modo per avvisare i genitori dei rischi e per indirizzare i giovani a farsi curare.

Come hanno affermato i ricercatori, "Intervenire precocemente è fondamentale per evitare ulteriormente le conseguenze dell'impulsività che sono più difficili da invertire una volta che la psicopatologia si è sviluppata".

Tali interventi, hanno affermato i ricercatori, potrebbero includere formazione alla consapevolezza e interventi basati sulla famiglia in cui i genitori e gli operatori sanitari lavorano per aiutare il loro ragazzo a superare le tendenze impulsive dannose.

La maggior parte dei partecipanti proveniva da famiglie con uno status socioeconomico medio-basso (SES). I ricercatori hanno scoperto che lo stato socioeconomico era un predittore significativo dell'impulsività in ciascuna fase dello studio.

"La ricerca futura potrebbe indagare ulteriormente sui meccanismi attraverso i quali l'esposizione precoce allo svantaggio socioeconomico influenza l'aumentata impulsività durante l'adolescenza, compresi gli impatti sul funzionamento esecutivo del bambino e sui comportamenti genitoriali" hanno concluso i ricercatori.

 
Riferimento bibliografico

Ivy N. Defoe, Atika Khurana, Laura M. Betancourt, Hallam Hurt, Daniel Romer.
Cascades From Early Adolescent Impulsivity to Late Adolescent
Antisocial Personality Disorder and Alcohol Use Disorder
.
Journal of Adolescent Health, 2022.