Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Gli studenti che hanno ripetuto una classe hanno maggiori rischi di essere vittime di bullismo nei Paesi di tutto il mondo, secondo un nuovo studio realizzato con quasi mezzo milione di studenti e pubblicato su PLOS Medicine.

20211214 grade 1 

Affrontare e prevenire la violenza nelle scuole, compreso il bullismo, è un obiettivo specifico degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Pochi studi che hanno coinvolto campioni di grandi dimensioni hanno esaminato l'associazione tra la ripetizione di classi e la vittimizzazione del bullismo.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati del Program for International Student Assessment (PIA) 2018, che includeva informazioni su quasi mezzo milione di studenti di età compresa tra 15 e 16 anni provenienti da 74 Paesi.

Complessivamente, il 12,25% degli studenti inclusi aveva ripetuto una classe e il 30,32% degli studenti ha riferito di aver subito atti di bullismo almeno un paio di volte al mese durante l'anno precedente.

Gli studenti che avevano ripetuto una classe avevano maggiori probabilità di essere stati vittime di bullismo rispetto ai loro coetanei.

20211214 grade 1a

L'associazione è stata osservata per studenti di 46 diversi Paesi e per studenti di entrambi i sessi. Rispetto ai ragazzi, tuttavia, le ragazze che ripetevano un anno avevano maggiori rischi di essere prese in giro, minacciate, derubate dei loro beni e dileggiate.

Gli autori notano che mentre i risultati supportano una relazione tra le esperienze di ripetizione di un anno scolastico e la vittimizzazione del bullismo, lo studio trasversale non può determinare se tale relazione è causale, o quale sia la direzione della relazione.

Lo studio è stato anche limitato agli adolescenti che frequentavano la scuola al momento del sondaggio e le misure delle esperienze di bullismo e della ripetizione della classe sono state auto-segnalate.

"Questi risultati sono di grande preoccupazione per genitori, insegnanti, presidi e responsabili politici a diversi livelli, specialmente nei Paesi in cui la ripetizione di classi è particolarmente diffusa" affermano gli autori. "La bocciatura è associata alla vittimizzazione del bullismo sia nei ragazzi che nelle ragazze".

 

Riferimento bibliografico:
Qiguo Lian, Chunyan Yu, Xiaowen Tu, Minglin Deng, Tongjie Wang, Qiru Su, Xiayun Zuo. 
Grade repetition and bullying victimization in adolescents:
A global cross-sectional study of the Program for International Student Assessment (PISA) data from 2018

PLOS Medicine, 2021.