Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

educatori

  • Il confronto tra Alfio Maggiolini e Lamberto Bertolé

    al Convegno Minori e Famiglia tra Crisi e Futuro - 31 gennaio 2014

    Il convegno è stato realizzato con il patrocinio della Fondazione Cariplo

  • Le Esperienze negative

    nel portale 

    Non ci sto dentro

     

     

  • La parola Fiducia

    nel portale 

    Non ci sto dentro

     

     

  • Caschetto d’oro, 12 anni: “È vero, dopo che vado da papà torno dalla mamma e le dico cose bruttissime. Non so neanch’io perché lo faccio. Scatta qualcosa dentro la mia testa, non riesco proprio a controllarmi”. Poi: “…sì, in effetti… sono le stesse cose che dice papà quando litiga con mamma…”.

    20160215 filastrocca poli 2

  • Le frustrazioni e le gratificazioni

    di chi lavora con i ragazzi

    del penale minorile

    nel portale Non ci sto dentro

      20160414 gang3

  • I ragazzi e le comunità

    nel portale Non ci sto dentro

     20160405 ragazzi e comunità 4

  • Le riflessioni sulle implicazioni educativo – pedagogiche della situazione attuale del sistema penale minorile sono inseparabili dalle osservazioni sullo stato di procedure e snodi organizzativi e operativi. Sono infatti seminate in modo trasversale a tutti i punti che ho toccato finora.

    Voglio però a questo punto sottolinearne esplicitamente due aspetti, a loro volta strettamente interconnessi: la condizione dei minori e la condizione degli adulti. I fattori di disequilibrio legati alla crisi economica saranno anche qui espediente per mettere a fuoco motivi permanenti di attenzione e urgenza.

    20140227 intervista 2

  • “Lascia che il tuo io entri intimamente in comunicazione con tutte le tue parti.
    Liberati, per poter avere delle possibilità
    E per usare queste possibilità liberamente e creativamente.
    Per sapere che qualunque cosa sia stata nel passato, è stato il meglio che potevamo fare.
    Poiché essa rappresentava il meglio di ciò che sapevamo
    essa rappresentava il meglio della nostra coscienza.
    Man mano che la nostra conoscenza si amplia, e noi diventiamo sempre più consapevoli,
     entriamo anche più in sintonia con noi stessi.
    E entrando in sintonia con noi stessi possiamo entrare in sintonia con gli altri.”
    (Satir, Banmen, Gomori & Gerger, 1991)

    La disabilità, e in particolare il disturbo psichiatrico, presentano una complessità di problematiche che vanno affrontate con una serie di interventi ad ampio raggio, di tipo socio-sanitario integrato. Accanto al disturbo occorre considerare la qualità di vita del paziente e dei suoi familiari, l’opportunità di vivere integralmente l’ambiente, le relazioni sociali, il lavoro, gli interessi e lo sport.

    20160330 famiglia disabilità psichica - a

  • La relazione d’aiuto: la riattivazione del legame di attaccamento
    Premessa indispensabile e fondamentale per la relazione d’aiuto è l’autentico interesse per la persona, tenendo conto delle sue premesse esistenziali (le precoci esperienze, vissute nella relazione primaria) e dei suoi modi di relazionarsi.

    20160330 famiglia disabilità psichica 3a

  • Le misure alternative

    alla detenzione minorile

    nel portale Non ci sto dentro

      20160502 misure alternative 3

  • La parola Passioni

    nel portale 

    Non ci sto dentro

  • Essere italiani o stranieri 

    nel sistema della Giustizia Minorile

      20160512 italiani e stranieri 2a

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Link amici

Area riservata