Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Per molti adolescenti le sostanze sono un po’ come un frutto proibito o come una forma particolarmente emozionante e liberatoria di libertà. Uno stato di irrequietezza, spesso di malessere, difficoltà a gestire le complesse relazioni con il mondo, una mancanza di obiettivi, confusione esistenziale, possono trovare sollievo nella pericolosa via di fuga della droga.

20201008 priorità 4 

Bere o usare le sostanze può fornire un modo facile per superare le difficoltà del diventare adulti, facendo precipitare nella prigione dell’abuso e della dipendenza.

Perché alcuni giovani finiscono su questa strada pericolosa? Quale ruolo possono svolgere i genitori per prevenirlo?

Alcune ricerche suggeriscono che la legalizzazione estesa della marijuana, realizzata in diversi stati Usa, sia associata a un più alto tasso di consumo tra gli adolescenti sotto i diciotto anni (per i quali non è ancora legale). Un dato preoccupante che indica come il proibito e il desiderio di imitazione e di sperimentazione si intreccinoi. I genitori di ragazzi in questa fase della crescita devono essere molto attenti alla prevenzione.

Mentre l'uso da parte degli adolescenti della maggior parte dei farmaci è diminuito durante la pandemia, l'uso di alcol e cannabis sarebbe aumentato, secondo una ricerca pubblicata dal Journal of Adolescent Health. Tale crescita comprendeva un aumento dell'uso solitario di queste sostanze, che i ricercatori hanno scoperto essere correlato all'aumento delle paure e dei sintomi di depressione provocati dal COVID-19.

Molti altri fattori, tuttavia, possono influire su quando e con che frequenza gli adolescenti fanno uso di droghe o alcol.

La genetica può certamente svolgere un ruolo nel determinare chi è più suscettibile alla dipendenza. Più Dna condivide una persona con un tossicodipendente, secondo alcuni studi, maggiore è il rischio di dipendenza. Anche i figli di tossicodipendenti adottati subito dopo la nascita continuerebbero ad avere un elevato rischio di dipendenza.

Ma anche quello che accade all’interno del contesto familiare ha un impatto sulla probabilità che gli adolescenti sviluppino problemi di uso di sostanze. Questo non è vero solo quando i genitori sono loro stessi dipendenti da droghe, come la marijuana o la cocaina, ma può verificarsi anche quando chi si prende cura di un ragazzo è permissivo riguardo al bere.

I risultati dello studio che valuta l'uso di sostanze durante la pandemia suggeriscono che un numero sorprendentemente elevato di adolescenti ha utilizzato sostanze, nel senso più lato del termine, con i genitori durante la crisi del COVID-19. La conclusione è che quando gli adolescenti consumano sostanze con i genitori, vengono segnalati tassi più bassi uso eccessivo di alcol, cannabis e anche di sigarette o svapo. Tuttavia, gli autori dello studio sottolineano che sebbene i ragazzi tendano a bere con moderazione quando sono con i genitori, ricerche passate hanno scoperto che è più probabile che poi facciano uso di alcol in modo elevato e rischioso quando lo consumano fuori casa.

Un cervello ancora giovane si sta sviluppando e, quindi, è più suscettibile all’effetto delle sostanze. Ma ciò che gli adolescenti e i loro genitori dovrebbero sapere è che quell’uso, fatto spesso in modo impulsivo, può avere un forte impatto sullo sviluppo neurologico. L'uso di droghe può infatti modificare la struttura stessa del cervello in modo permanente.

20201008 priorità 1

Questi cambiamenti nella struttura del cervello possono portare a deficit cognitivi e comportamentali. Ad esempio, uno studio di confronto tra fratelli e sorelle su un migliaio di adolescenti e circa seicento famiglie, ha scoperto che usare la cannabis più frequentemente e iniziare a farlo precocemente, è collegato a prestazioni cognitive peggiori, in particolare per quanto riguarda i test di memoria verbale. Gli autori della ricerca, pubblicata sulla rivista Addiction a settembre, riferiscono che anche un uso moderato di marijuana (circa due volte a settimana, in media) può avere un impatto negativo a livello cognitivo.

La ricerca rileva che i cambiamenti nel cervello dovuti all'esposizione precoce alle sostanze aumentano anche l’abitudine all’assunzione o ricerca di droghe.

Molte influenze ambientali possono spingere gli adolescenti più propensi all’assunzione di rischi, all'uso di droghe. Tali fattori vanno dallo stato economico, al livello di istruzione, fino all'abuso fisico o sessuale .

Certamente, la stabilità familiare gioca un ruolo importante. L’agitazione a casa o lo stress familiare possono aumentare il rischio che un adolescente diventi dipendente dalle droghe. Così come per alcuni altri fattori ambientali, può essere difficile definire o quantificare quello che costituisce uno stress familiare. Il coronavirus ha aumentato lo stress di quasi tutti e ha minacciato la stabilità di molti.

Tuttavia, anche in tempi stabili, non c'è modo di evitare del tutto i conflitti familiari e resta sempre fondamentale costruire un ambiente domestico sereno. Questo include il saper affrontare i problemi di dipendenza da droghe o alcol, che gli stessi genitori si possono trovare a dover sostenere.

Per i genitori che scoprono che i loro figli fanno uso di droghe, non esistono risposte facili. Ma un buon punto di partenza è cercare un aiuto professionale. Sia che si tratti di prevenire il consumo problematico di droghe o di liberarsi dalla dipendenza, le relazioni sane sono una componente fondamentale per riuscirci. È importante che i ragazzi possano poter contare su relazioni sincere e profonde con i genitori.

Quando le persone si sentono isolate o escluse, come lo sono stati tanti adolescenti durante la pandemia, è molto più probabile che abusino di droghe o alcol e abbiano più difficoltà a liberarsi dalla dipendenza.

Mentre si stanno ancora studiando e conoscendo tutti i fattori che rendono la dipendenza così difficile da trattare, si hanno dati sufficienti per capire che il cervello viene modellato da qualcosa che va oltre la biologia individuale. Di tutte queste influenze, forse le più immediate e di forte impatto, e quindi potenzialmente più efficaci per portare a un cambiamento, sono quelle che abbiamo gli uni con gli altri all’interno della famiglia.

Per i genitori alla ricerca di risposte, fare della loro relazione con un figlio una priorità - per quanto difficile a volte possa essere mettersi in relazione con lui - è un ottimo punto di partenza.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca