Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Potrebbe essere ancora solo in quarta o quinta elementare, ma sembra che oggi un bambino preadolescente su dieci sia già curioso di provare a usare alcol o prodotti del tabacco, e che uno su cinquanta sarebbe incuriosito dall’uso della marijuana.

20220707 tween 1

È quello che rileva un nuovo studio, secondo il quale ben il 3% dei quasi 12.000 bambini di 9 e 10 anni intervistati afferma di avere già un amico che fa uso di una di queste sostanze. E, ovviamente, quelli che avevano detto di averlo fatto erano anche molto più curiosi di provare l'alcol o il tabacco e altri prodotti contenenti nicotina.

Contestualmente, quasi il 35% dei genitori ha affermato che i loro figli potrebbero avere un facile accesso all'alcol a casa, mentre percentuali più piccole hanno affermato lo stesso per quanto riguarda il tabacco (7%) o la marijuana (3%).

E circa il 25% dei genitori ha affermato di non aver ancora stabilito regole per i propri figli preadolescenti sull'uso di queste sostanze. Il nuovo studio, pubblicato su Drug & Alcohol Dependence Reports, è stato condotto da un ricercatore dell'Università del Michigan utilizzando i dati di un grande progetto nazionale.

I risultati mostrano notevoli differenze per genere, etnia e reddito familiare in molte delle rilevazioni. In generale, i ragazzi sono risultati più curiosi riguardo alle sostanze rispetto alle ragazze.

I genitori neri erano molto più propensi degli altri genitori ad avere una regola secondo cui i loro figli non potevano usare alcol, tabacco o marijuana, e i genitori a basso reddito erano leggermente più propensi di quelli con reddito medio o alto a stabilire anche loro tale regola.

Parallelamente, i preadolescenti i cui genitori guadagnavano $100.000 o anche di più all'anno avevano molte più probabilità di essere curiosi di provare l'alcol e i loro genitori erano più propensi a dire che era facilmente disponibile in casa. I bambini a basso reddito, con un reddito familiare di $50.000 o meno, avevano una probabilità leggermente maggiore di essere curiosi della nicotina e della marijuana e di averla a disposizione in casa.

In tutti i gruppi, i bambini avevano maggiori probabilità di essere curiosi di alcol o nicotina se i loro genitori dichiaravano che queste sostanze sono facilmente disponibili in casa. Lo stesso valeva per la curiosità della nicotina tra i bambini i cui genitori non avevano stabilito regole specifiche sull'uso del tabacco o di altre sostanze contenenti nicotina.

“Le informazioni ricavate dalla ricerca, potrebbero aiutare gli sforzi futuri per personalizzare messaggi e misure preventive e identificare i bambini più a rischio" afferma Meghan Martz, autrice principale del nuovo studio e assistente professore di ricerca specializzato nello sviluppo dell'uso di sostanze disturbi nel Dipartimento di Psichiatria del Michigan Medicine.

 “Siamo rimasti molto sorpresi dalla percentuale di genitori – oltre il 25% dell'intero gruppo – che non aveva stabilito regole esplicite per scongiurare l'uso di sostanze per i bambini di questa età. Rispetto a tutti gli altri gruppi etnici, i genitori neri erano i più propensi ad aver stabilito regole contro l'uso di sostanze, suggerendo che questo sottogruppo in particolare potrebbe utilizzare strategie protettive precoci".

20220707 tween 1a

"Prima nell'adolescenza un ragazzo inizia a usare queste sostanze, maggiore è il potenziale impatto sullo sviluppo e sul funzionamento del cervello. I loro ambienti domestici e i messaggi dei genitori possono svolgere un ruolo importante a questa età, mentre l'influenza dei coetanei diventerà più importante più avanti nel tempo".

Martz e i suoi colleghi dell'Università del Michigan fanno parte del gruppo nazionale di ricerca che studia migliaia di bambini e genitori per molti anni attraverso un progetto nazionale chiamato Adolescent Brain Cognitive Development Study.

Le nuove scoperte sono tra le prime in assoluto sulla curiosità e l'accesso all'uso di sostanze in questa fascia di età.

Uno studio precedente condotto da altri ricercatori dell'ABCD Study ha mostrato che all'età di nove o dieci anni, un bambino su cinque aveva sorseggiato alcol ma era altrimenti "inesperto delle sostanze" e non aveva usato nicotina, marijuana o maggiori quantità di alcol. Tutti erano consapevoli di cosa fossero queste sostanze.

Nel frattempo, altri ricercatori hanno dimostrato che circa un quattordicenne su cinque ha consumato alcol almeno una volta nell'ultimo anno e che il consumo di tabacco e marijuana riguarda circa un ragazzo di quell’età su dieci.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno anche esaminato se la storia dei membri della famiglia di un bambino presentasse problemi di alcol e se questo avesse attinenza con queste rilevazioni.

L'unico risultato significativo è stato che i genitori di bambini con una tale storia familiare erano molto meno propensi a dire che l'alcol era facilmente accessibile a casa loro, suggerendo che i loro genitori avevano adottato misure per proteggerlo o non lo tenevano in casa.

La dottoressa Martz osserva che le dimensioni dello studio nazionale ABCD e l'imaging cerebrale eseguito mentre i bambini svolgono compiti e test diversi aiuteranno il gruppo di ricerca a studiare come la storia familiare di problemi di alcol possa essere coinvolta in altri modi.

La sua ricerca include anche uno sforzo per studiare come i primi segni che un bambino è vulnerabile a disturbi dell'umore come la depressione o l'ansia, siano correlati con altre indicazioni importanti per l'uso e l'abuso di sostanze.

Indicazioni preziose che sottolineano ancora di più l’importanza dell’impostazione educativa dei genitori, in una fase di sviluppo dei ragazzi nella quale l’influenza e il valore di quanto apprendono in famiglia è ancora l’unica fonte di informazione indicazioni di comportamento. Presto arriverà infatti la grande influenza del mondo esterno alla famiglia e dei coetanei.


Riferimento bibliografico:
Meghan Martz,
"Individual-, peer-, and parent-level substance use-related factors
among 9- and 10-year-olds from the ABCD Study:
Prevalence rates and sociodemographic differences
"
Drug & Alcohol Dependence Reports.