Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Sembra che una buona parte dei ragazzi e delle ragazze sperimenti in modo rilevante cambiamenti e “fluidità” sessuale durante l'adolescenza, tanto che uno su cinque racconta di un cambiamento nell’orientamento, o nell’attrazione sessuale, in questo periodo della sua vita.

20191106 orientation 1a

È quanto dichiara un nuovo studio realizzato da ricercatori della North Carolina State University e dell'Università di Pittsburgh: gli adolescenti sono "eterogenei" quando si tratta di come definiscono e sperimentano il loro orientamento sessuale.

Per studiare come cambia l'orientamento sessuale durante l'adolescenza, i ricercatori hanno analizzato i dati di 744 studenti delle scuole superiori negli Stati Uniti meridionali rurali sulla base di tre componenti: definizioni di identità specifiche, attrazione sentimentale e comportamento sessuale nei confronti di persone dell'altro o del proprio stesso sesso.

Gli studenti sono stati seguiti dal primo al terzo anno delle scuole superiori; durante questo periodo è stato chiesto loro, ogni anno, di compilare un questionario. I dati sono stati raccolti tra il 2014 e il 2016.

Gli studenti erano per il 54% ragazze e per il 46% erano ragazzi. È stato chiesto loro di compilare questionari ogni anno per un periodo di tre anni.

La ricerca ha scoperto che ad un certo punto, durante il triennio, il 19% degli studenti ha riferito di almeno un cambiamento nella propria identità sessuale (auto-definita).

Secondo i ricercatori questa variazione includeva, in particolare, cambiamenti su come gli studenti sono passati dall'identificarsi come eterosessuali a definirsi bisessuali.

I ricercatori hanno scoperto che le ragazze hanno maggiori probabilità di segnalare un cambiamento nell'identità sessuale: il 26% che riferiva di un cambiamento rispetto all'11% degli studenti maschi.

Lo studio ha anche riscontrato differenze tra maschi e femmine per quanto riguarda l'attrazione sentimentale, con il 21% degli adolescenti che ha riferito di cambiamenti rispetto alle persone da cui si sentivano attratti nel corso dello studio. Le studentesse hanno rappresentato la maggior parte di partecipanti allo studio che hanno parlato di questi cambiamenti, rispetto al solo 10 per cento degli studenti di sesso maschile che hanno indicato variazioni nell'attrazione sentimentale.

20191106 orientation 1

"Questo lavoro mette in evidenza la fluidità che molti adolescenti sperimentano per quanto riguarda il modo in cui definiscono la loro sessualità e per le persone da cui si sentono attratti sessualmente" ha dichiarato l'autore principale dello studio. Alcuni adolescenti, inoltre, si sono spostati dal riconoscersi identità e attrazioni sessualmente di minoranza - gay o lesbiche, bisessuali, ecc. al riferire vari gradi di attrazione per persone dello stesso sesso – nel corso dei tre anni.

“Altri hanno invece oscillato tra l'eterosessualità e la definizione di appartenenza alle “minoranze sessuali”. E quando abbiamo esaminato in che misura l'identità, l'attrazione e il comportamento sessuale si sono allineati, abbiamo visto alcune tendenze interessanti ".

Anche tra gli studenti che si sono identificati come eterosessuali, i ricercatori hanno riscontrato una variabilità: studenti sia maschi che femmine riferivano di avere attrazione dal sesso opposto, alcuni nel corso del triennio di rilevazione hanno avuto esperienze con persone dello stesso sesso.

A partire da tali risultati, i ricercatori hanno dichiarato che: “L'adolescenza è un momento di esplorazione dell'identità e l'orientamento sessuale è un aspetto di questa esplorazione. Un punto fermo di questo lavoro, da tener presente, è che il processo di sviluppo dell'identità sessuale è piuttosto sfumato per molti adolescenti.

E, sulla base della ricerca fatta con i giovani adulti, possiamo supporre che questa fluidità dell’identità sessuale per molte persone continuerà fino alla fine dei vent’anni e anche oltre".

Gli autori dello studio hanno anche affermato che è importante notare che i cambiamenti rilevati sono "cambiamenti interiori spontanei" e non possono essere "imposti a un individuo".

Precisano i ricercatori: "Per essere chiari, stiamo parlando di cambiamenti guidati internamente nell'orientamento sessuale. Questa ricerca non suggerisce che questi cambiamenti possano essere imposti a un individuo e non supporta l'idea della cosiddetta terapia di conversione. Esistono ampie prove che la terapia di conversione è dannosa e non influenza l'orientamento sessuale di nessuno".

In futuro, i ricercatori hanno in programma di espandere lo studio, che è stato pubblicato sul Journal of Adolescence, prendendo in considerazione "differenti ambienti sociopolitici".


I dati della ricerca sono disponibili sul sito della North Carolina State University

Riferimento bibliografico:
Stewart, J.L., et al. (2019) Developmental patterns of sexual identity, romantic attraction,
and sexual behavior among adolescents over three years
. Journal of Adolescence.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca