Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Quasi mezzo milioni di ragazzi hanno da poco iniziato il loro primo anno di scuola superiore.  Esiste la possibilità di insegnare loro metodi nuovi e più efficaci per affrontare al meglio  tutto lo stress e l’insicurezza che li attendono?


20161005 social stress 2a

Nuove ricerche lo suggeriscono. Anche se le pressioni accademiche e sociali continuano ad accumularsi e ad aumentare nell’ambito delle scuole superiori, agli adolescenti si possono insegnare efficaci modalità di coping per aggirare le insidie dell’ansia e della depressione.

David S. Yeager, un assistente professore di psicologia presso l'Università del Texas a Austin e voce importante nel crescente sforzo che lo Stato sta facendo per aiutare gli studenti universitari a reggere all’impegno accademico senza lasciare la scuola, ha rivolto la sua attenzione agli adolescenti più giovani per contribuire a rinforzare la loro resilienza in un’età più giovane.

Il suo ultimo studio, pubblicato sulla rivista Psychological Science, ha messo in luce una tecnica sorprendentemente efficace. All'inizio dell'anno scolastico, gli studenti hanno partecipato a un esercizio di lettura e scrittura destinato a infondere un messaggio semplice, quasi banale per aiutarli a gestire la tensione: Le persone possono cambiare.

Gli studenti che hanno completato l'esercizio, successivamente hanno fatto rilevare livelli più bassi di stress, hanno riferito di avere più fiducia nelle loro capacità di coping e hanno raggiunto risultati scolastici leggermente superiori, a fine anno, rispetto ad un gruppo di controllo. Questi risultati sono stati misurati attraverso quello che gli studenti hanno riferito scrivendo in diari on-line e tramite misurazioni cardiovascolari e ormonali.


quando sono stati inevitabilmente investiti da momenti di stress sociale,
hanno avuto a disposizione un'interpretazione rassicurante,
per inquadrarlo e renderlo accettabile


Gli studi effettuati sono per ora di dimensioni ridotte. Circa 60 studenti, reclutati a Rochester, hanno partecipato alla prima prova; la seconda ha coinvolto 205 del primo anno di un liceo nella periferia di Austin, in Texas.

Nel 2017, i ricercatori cercheranno di riprodurre questi risultati su una scala più ampia, in circa 25 scuole superiori in tutto il Paese.

Gli adulti hanno giocato alcun ruolo significativo in questo esercizio, hanno spiegato i ricercatori. Gli studenti hanno sostanzialmente insegnato a se stessi il modo di attutire le difficoltà, e quando sono stati inevitabilmente investiti da momenti di stress sociale, hanno avuto a disposizione un'interpretazione rassicurante, pronta a inquadrare e rendere accettabile lo stress.

John R. Weisz , un professore di psicologia ad Harvard, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha trovato l'approccio efficiente e potente. "Se sei un adolescente e stai facendo esperienza di “ferite sociali”, non è già determinato una volta per tutte il fatto che tu ne sarai sempre un obiettivo. È possibile cambiare" ha sostenuto Weisz. "E nel corso del tempo, anche gli altri possono cambiare. Gli altri possono 'ammorbidirsi' e non essere più così crudeli. Questa è una possibile “svolta” che i ragazzi è importante che imparino, un ottimo insegnamento per loro".

In primo luogo, gli studenti leggono un breve, coinvolgente articolo sulla scienza del cervello, che descrive come la personalità possa cambiare.

Poi leggono aneddoti scritti da persone più grandi sui conflitti avuti nel corso della scuola superiore, e sono sollecitati a riflettere sul modo in cui alla fine siano stati in grado di scrollarsi di dosso questi problemi e di procedere al meglio per la loro strada. Infine, agli studenti stessi è stato chiesto di scrivere consigli incoraggianti per gli studenti più giovani di loro.

20161005 social stress 2

Il dottor Yeager ed i suoi colleghi hanno finora provato questo intervento in cinque scuole. In uno studio, 300 studenti del primo anno delle scuole superiori hanno utilizzato questo stesso metodo; nove mesi più tardi, l'incidenza della depressione, secondo quanto hanno riferito, è stata del 40 per cento in meno rispetto al gruppo di controllo.

Se i risultati rimarrano altrettanto forti dopo i test che verranno fatti nel 2017, il Dr. Yeager ha intenzione di rilasciare gratuitamente tutto il materiale su cui si sono basati gli interventi, attraverso un progetto della Stanford University che fornisce supporto all'apprendimento per gli studenti.

L'ampiezza e la profondità della depressione e dell'ansia adolescenziale è ben definita dalle ricerche.

Uno studio del 2015 ha rilevato che quasi l’11 per cento degli adolescenti ha fatto esperienza della depressione; altri studi presentano percentuali ancora più elevate. Tra il primo anno delle medie e il secondo delle superiori, il tasso di depressione raddoppia per i ragazzi e quasi triplica per le ragazze. E gli studi dimostrano che, mentre una grande percentuale di adolescenti si trova a dover affrontare ogni giorno elevate dosi di stress, il livello delle capacità di coping è debole.

L'intervento del Dr. Yeager suggerisce che se gli adolescenti riescono a mantenere una visione di lungo periodo, possono altresì “combattere” le mortificazioni giornaliere al bar della scuola o al tavolo della mensa. L’insegnamento che ne traggono è: Non sei condannato ad essere escluso per sempre. Né la tua personalità, né quella del tuo tormentatore è congelata e immutabile.


era come se avessero pensato anche a me,
ma non ritenessero che io fossi abbastanza cool per essere invitato


Gli ultimi risultati dello studio del Dr. Yeager sono tratti da due sperimentazioni correlate.

Nella prima, 60 studenti di età tra i 14 e i 17 anni, sono stati esaminati in riferimento all'attività cardiovascolare di base e ai livelli di cortisolo, un ormone dello stress.

Poi metà degli studenti hanno svolto la seguente attività: in primo luogo, hanno letto l'articolo di Science, che era discorsivo e informativo e presentato come una nuova, privilegiata informazione su come potrebbe evolvere la personalità. Più avanti, hanno letto i racconti di persone più grandi che, in effetti, dimostravano con il loro vissuto la tesi dell'articolo.

"Quando ero al primo anno " diceva uno di questi racconti, "Mi sentivo escluso quando tutti venivano invitati a casa di un mio amico e io no. Era come ... se mi avessero dimenticato. O, peggio ancora, come se avessero sì pensato anche a me, ma non ritenessero che io fossi abbastanza cool per essere invitato".

Ma, continuava lo scrivente, "Non importava quanto facesse male, non era destinato a durare per sempre. Alla fine quelli che mi avevano trattato male, si sarebbero resi conto di quanto dolore avevano provocato agli altri e avrebbero deciso di cambiare".

20161005 social stress 4

Quello studente poi si è fatto amici al di fuori della scuola, è stato coinvolto in associazioni sportive e, con il tempo, scrive, "le cose sono decisamente migliorate".

Dopo aver letto l'articolo scientifico e i racconti degli studenti più anziani, gli studenti dello studio sono stati invitati a riflettere sul momento in cui si sono sentiti rifiutati. Poi è stato dato loro un compito di scrittura: Guardando indietro, quale consiglio riguardo al cambiamento vorresti trasmettere agli studenti più giovani?

Infine, sia al gruppo di intervento che al gruppo di controllo sono stati assegnati dei compiti stressanti: Fare un discorso di cinque minuti su quali fattori rendano gli adolescenti popolari e ricercati dai compagni. Poi, contare a ritroso, a voce alta, da 996 – togliendo ogni volta sette.

Dopo di ciò, gli studenti che avevano fatto l’attività preliminare di rinforzo della capacità di coping, hanno mostrato metà della reattività cardiovascolare del gruppo di controllo. Il loro livelli di cortisolo è sceso del 10 per cento. Stavano effettivamente reagendo allo stress. Per contro, i livelli di cortisolo nel gruppo di controllo è aumentato del 45 per cento.

Il Dr. Yeager ritiene utile che i ragazzi acquisiscano capacità di coping al di fuori del contesto scolastico. "Più adulti dicono ai ragazzi come affrontare la loro vita sociale, meno ragazzi vogliono effettivamente fare a questo modo" sostiene Yeager.


se si può cambiare la loro convinzione e farli pensare
che l'intelligenza è malleabile e incrementale,
il loro rendimento scolastico migliorerà


"Stiamo chiedendo ai ragazzi di persuadere altri ragazzi" ha aggiunto. "Questo significa avere rispetto per loro, è motivante. È una possibilità per affrontare questa questione. Poiché far riflettere a questi ragazzi del primo anno su come si siano trovati nella scuola media, li costringe a mettere le cose in prospettiva".

Il secondo studio ha confrontato 205 ragazzi di terza media di un’unica scuola, la metà dei quali hanno fatto l’attività di rinforzo delle capacità di coping. Tutti loro hanno compilato un diario on-line standardizzato per una settimana, indicando gli eventi stressanti di ogni giorno.

Nei giorni indicati come stressanti, gli studenti che avevano fatto l’attività, hanno mostrato una diminuzione del 10 per cento del cortisolo e hanno affermato di essere in grado di gestire lo stress. Al contrario, il gruppo di controllo ha mostrato un aumento del 18 per cento del cortisolo nei giorni di stress e ha affermato di "non essere in grado di gestire" lo stress.

Alla fine dell'anno, gli studenti che avevano seguito l’attività di rinforzo avevano voti leggermente superiori rispetto al gruppo di controllo.

Laurence Steinberg, professore di psicologia dell'adolescenza presso la Temple University, ha affermato che ci sono stati molti dibattiti e confronti su ciò che le scuole possono fare per rafforzare le competenze sociali ed emotive degli studenti.

La ricerca ha dimostrato, ha detto, che "quando i ragazzi credevano che alla staticità dell'intelligenza, pensavano allo stesso tempo che niente potesse essere fatto per cambiare la loro situazione. Ma se si può cambiare la loro convinzione e farli pensare che l'intelligenza è malleabile e incrementale, il loro rendimento scolastico migliorerà".

Il Dr. Yeager, ha aggiunto Steinberg, ha applicato questa idea alla personalità.

"Questo intervento non è un 'esaltatore' di autostima, il quale è un modello fallimentare" ha detto il dottor Steinberg. "Ma aumenta altresì la fiducia dei ragazzi in se stessi, modificando quello che credono in merito alla loro capacità di cambiare".

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca