Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

La maggior parte dei genitori ammette che parlare con un figlio adolescente a volte è difficile. In alcune circostanze quasi impossibile. Ed è ancora più difficile quando genitori e figli non parlano correntemente, con uguale padronanza, la stessa lingua.

20160622 linguaggio comune

È una realtà che riguarda un numero crescente di famiglie in Italia ma che ha negli Stati Uniti un'incidenza molto rilevante, in considerazione dei grandi fenomeni migratori che hanno riguardato quel paese.

Una nuova ricerca da Iowa State University suggerisce che la barriera linguistica tra genitori e figli può avere conseguenze negative per gli adolescenti, per quanto riguarda l'autocontrollo e il comportamento aggressivo.

Thomas Schofield, autore principale dello studio e professore associato nel dipartimento di sviluppo e famiglia della Iowa State, sostiene che una migliore comprensione di questa dinamica e un miglioramento della qualità della comunicazione migliorare tra genitori e ragazzi possono avere importanti implicazioni sociali.

"Quando gli adolescenti di genitori immigrati sono aggressivi e violenti, noi assumiamo che i genitori stanno facendo qualcosa di sbagliato da un punto di vista educativo, o che la nostra cultura non sia sufficientemente favorevole e accogliente nei confronti degli immigrati. Questo è il motivo per cui sono davvero entusiasta per gli esiti di questa ricerca, che ci propone un punto di vista innovativo e una lettura molto interessante dei limiti della funzione genitoriale" ha dichiarato Schofield.


disciplina positiva e genitorialità calda e affettuosa 
aumentano l’autocontrollo e diminuiscono
l’aggressività negli adolescenti, 
ma solo quando
madre e figlio padroneggiano una lingua comune


"I nostri risultati mostrano che non c'è alcuna necessità di incolpare qualcuno, in questo caso, non ci sono persone o culture malvagie da accusare. Inoltre, la rimozione delle barriere linguistiche esistenti tra gli immigrati e i loro figli, è un obiettivo, una possibile soluzione su cui ci si può concentrare tutti insieme".

In due studi separati, il professor Schofield e i suoi colleghi hanno utilizzato i dati di interazioni osservate tra madri e bambini in famiglie di origine messicana.

In entrambi i campioni di studio, una disciplina positiva e una genitorialità calda e affettuosa ha aumentato l’autocontrollo e diminuito l’aggressività negli adolescenti, ma solo quando la madre e il figlio padroneggiavano da esperti una lingua comune.

Quando esisteva una barriera linguistica e le madri erano dure e distanti, gli adolescenti hanno mostrato un minore autocontrollo e sono risultati più aggressivi. La ricerca è pubblicata nel Journal of Research on Adolescence.

20160622 linguaggio comune a

Non è tanto la comunicazione quotidiana e “spicciola” a costituire un problema. Le barriere linguistiche riguardano le conversazioni più complesse, necessarie per esercitare una genitorialità efficace - per esempio, quando i genitori spiegano e motivano le regole da seguire o quando gli adolescenti  parlano e si confrontano  con i loro genitori circa le loro preoccupazioni.

Schofield sostiene che gli adulti a volte danno per scontata quella comprensione condivisa che si crea attraverso la comunicazione - un processo che tutti i ragazzi invece stanno ancora imparando e cercando di capire (a prescindere dallo specifico background linguistico).

"I genitori vogliono assicurarsi che i nostri ragazzi comprendano perché stiamo facendo quello che stiamo facendo, e in particolare per spiegare loro le nostre azioni, se ci è capitato di essere incoerenti o insensibili. Se gli adolescenti si stancano di sforzarsi di superare questo ostacolo linguistico nel corso della comunicazione con i loro genitori immigrati , nel corso del tempo possono però iniziare a soddisfare questo bisogno di comunicazione con qualcun altro.


se i loro coetanei sono anch'essi figli
di genitori immigrati, 
i ragazzi possono anche iniziare
a vedere questa disconnessione dai loro genitori come la norma


Le persone lo fanno normalmente, in tutti i rapporti: cercano di comunicare e reagiscono in base a quello che succede. Tuttavia smettono di farlo con coloro che non riescono a fare questo passaggio di comprensione linguistica, "sintonizzandosi" con l'altro, e cercano di conseguenza qualcun altro con cui possano farlo" ha dichiarato Schofield.

Gli adolescenti si rivolgono naturalmente, in genere, ai loro coetanei.

Non è che i figli non si sentano amati o percepiscano i loro genitori come cattivi. È semplicemente troppo difficile comunicare con loro su questioni complesse quando esistono barriere linguistiche significative.

"E se i loro coetanei sono anch'essi figli di genitori immigrati, i ragazzi possono anche iniziare a vedere questa disconnessione dai loro genitori come la norma" sostiene il professor Schofield. Questo è il motivo per cui le famiglie possono continuare ad avere problemi e conflitti per diverse generazioni dopo l’immigrazione, anche quando ormai la lingua non è più un ostacolo.

 20160622 linguaggio comune 2

Se futuri studi supporteranno questo legame tra il linguaggio e la genitorialità, Schofield pensa che la soluzione sarà semplice. Basterrà sostenere in modo efficace e continuativo i genitori immigrati nel diventare padroni e abili comunicatori nella lingua di arrivo, e i figli di immigrati nel diventare esperti della loro lingua madre. Cosa semplice in teoria, ma ben più difficile da realizzare. Tuttavia, la necessità di farlo è grande. Più di 16 milioni di ragazzi negli Stati Uniti hanno almeno un genitore immigrato, informa il professor Schofield.

I ricercatori riconoscono che anche quando le famiglie hanno un linguaggio comune, ogni membro può comunque avere una diversa interpretazione delle dinamiche familiari e dei comportamenti. In un documento separato i ricercatori hanno esaminato i feedback e le valutazioni fatte dei genitori da parte dei ragazzi, degli osservatori e dai genitori stessi in diverse ricerche, sia sul proprio comportamento che su quello di chi stavano osservando.

Hanno scoperto che le differenze di interpretazione offrono una maggiore comprensione di ciò che sta realmente accadendo all’interno delle famiglie e come questo abbia delle conseguenze sui ragazzi.


i ragazzi traggono beneficio quando i genitori
sono riflessivi e consapevoli 
di come
vengono percepiti dai loro figli 


Ad esempio, quando i genitori tendono a distorcere in senso positivo o ad esagerare le loro auto-valutazioni – sostenendo ad esempio di essere affettuosi e meno duri di quanto appaia o si creda, anche se il ragazzo e gli osservatori indipendenti affermano il contrario – i ragazzi hanno maggiori probabilità di essere individui depressi e solitari.

Tuttavia, se i genitori sono più critici nei confronti del proprio comportamento (rispetto ad altri che stanno valutando quello stesso comportamento), i ragazzi sono invece persone con una maggiore autostima. I risultati sono pubblicati Journal of Family Psychology.

"Questo non suggerisce che i genitori dovrebbero essere più duri con se stessi, ma che i ragazzi traggono beneficio quando i genitori sono riflessivi e consapevoli di come vengono percepiti dai loro figli e dalle altre persone" ha spiegato Schofield.

"La genitorialità è una relazione, una miscela al 50% del punto di vista di due persone".

I ricercatori in genere fanno una media tra le differenze riportate da genitori, figli e osservatori, oppure si concentrano esclusivamente sui fattori riportati da tutti e tre. Schofield sostiene che in questo studio dimostra che un tale approccio ignora le dinamiche che sono significative per capire cosa accade.

20160622 linguaggio comune 4

Occorre approfondire e verificare questi risultati ottenuti dalla nuova ricerca. La possibilità che le barriere di comunicazione perturbino e ostacolino il processo di genitorialità, diventa particolarmente forte quando i tratta di immigrati con madrelingua molto lontana e differente dall'inglese.

La mancanza di una  percezione corretta del proprio comportamento da parte dei genitori, risulta ancora più fortemente legata con lo sviluppo sociale ed emotivo dei ragazzo all’interno delle famiglie, quando queste risultano composte da immigrati, in particolare se di origini linguistiche neo-latine.

Sono considerazioni che rivestono un grande interesse anche per il nostro paese, in una situazione di immigrazione crescente, con un'area sempre più vasta di adolescenti di seconda generazione che devono confrontarsi con genitori che non sono riusciti a fare il necessario salto culturale e linguistico. 

I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della Iowa State University

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca