Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Ora che l'anno scolastico è in pieno svolgimento, molti giovani sentono il peso dell’impegno nello studio e delle prove che devono sostenere per non perdere terreno, ma la fatica che provano può dipendere dalla loro idea e sensazione di stress, più che dall’effettivo carico di lavoro assegnato dagli insegnanti.

20190107 stresspositivo 3a

Lo stress non merita tutta la sua cattiva nomea. Gli psicologi concordano sul fatto che, mentre lo stress cronico o da trauma può essere dannosono, lo stress comune e connesso agli impegni quotidiani della vita - come ad esempio il particolare stress prodotto dal dover sostenere una prova importante - è in genere una delle componenti di una vita normale e sana.

In un articolo pubblicato dal Journal of Personality and Social Psychology sugli atteggiamenti mentali nei confronti dello stress,  gli studiosi J. Crum, P. Salovey e S. Achor hanno indicato che la risposta allo stress, di per sé, può mettere "cervello e corpo in una posizione ottimale per l’azione".

Il senso comune tuttavia ritiene che lo stress faccia male e quindi, di conseguenza, che bisognerebbe puntare a ridurlo, prevenirlo o evitarlo. Non può sorprendere pertanto che questa concezione negativa dello stress possa influenzare la genitorialità e anche far sì che gli adolescenti siano stressati per il solo fatto di sentirsi stressati.

"Soprattutto negli ultimi cinque anni" afferma Sarah Huss, direttrice dello sviluppo umano e dell'educazione genitoriale alla Campbell Hall School di Los Angeles, "abbiamo riscontrato un aumento nel numero di genitori che ritengono loro compito proteggere i figli da situazioni stressanti ".

Per ripensare il modo in cui vediamo un fenomeno che è stato ampiamente e erroneamente patologizzato, dovremmo riconoscere che lo stress sano è inevitabile quando operiamo al limite delle nostre capacità.

Sforzarsi al di là dei limiti usuali non sempre fa bene, ma maturazione e apprendimento – fattori chiave dell’impegno scolastico e di molte altre cose nella vita - non possono accadere se non per questa via.

Secondo Jeremy P. Jamieson, professore associato di psicologia all'Università di Rochester che studia come lo stress influenzi le emozioni e le prestazioni, "Evitare lo stress non funziona e spesso non è possibile. Per avere successo e crescere, dobbiamo uscire dalle nostre zone di comfort e affrontare le sfide".

È anche noto che lo stress ha un effetto “irrobustente”. La ricerca mostra che le persone che superano circostanze di vita difficili, godono di livelli di resilienza più elevati della media.

20190107 stresspositivo 3

In breve, raggiungere la padronanza in situazioni sfidanti, ha come conseguenza la costruzione di forza emotiva e stabilità psicologica.

Il modo in cui gli studenti considerano lo stress - se lo vedono come positivo o negativo - ha potenti ripercussioni. Gli studi indicano che di fronte a compiti intellettuali elevati , le persone che credono che lo stress sia uno stimolo, ottengono risultati superiori rispetto a quelle che ritengono lo stress sia un fattore debilitante.

Inoltre, ritenenere che lo stress sia un’utile reazione umana, in realtà cambia il modo in cui il corpo lavora sotto pressione.

I partecipanti alla ricerca i quali credevano che le manifestazioni fisiche dello stress (come avere un battito cardiaco accelerato) in realtà li predisponessero per affrontare meglio le sfide, in condizioni impegnative, rilasciavano livelli più alti di un ormone anti-stress e avevano una risposta cardiovascolare più adattiva di quelli che avevano una visione negativa dello stress.

Fortunatamente, gli studi indicano anche che non è difficile orientare il modo di vedere delle persone verso una considerazione positiva dello stress.

Per fare questo la psicologa Lisa Dalmour, nel suo lavoro con gli adolescenti, paragona gli impegni scolastici a un programma di allenamento per il rafforzamento muscolare.

Tutti capiscono che sollevare pesi fino al punto di cedimento è l'unico modo per far crescere i muscoli; il processo di sviluppo della capacità intellettuale, inclusa la capacità di gestire lo stress che ne deriva, funziona allo stesso modo.

Parlando con gli adolescenti, la psicologa fa notare loro che gli insegnanti dovrebbero assegnare duri allenamenti scolastici, perché è questo che trasformerà i loro allievi da insicuri praticanti di scuola superiore in sportivi forgiati e pronti per l’università.

20190107 stresspositivo 4

Di sicuro, alcuni giorni i ragazzi sentiranno la sfida come facile e, in altri, se ne sentiranno travolti. Ma la Dalmour rassicura i suoi studenti dicendo loro che, se a conti fatti si sentono stressati a scuola e allo stesso tempo ambiscono a essere promossi, passando a una classe superiore, una volta possedute le conoscenze relative a quella che frequentano, questo significa che le cose stanno andando esattamente come devono andare.

I genitori dovrebbero essere più propensi a promuovere una visione positiva dello stress, se ricordano i tempi della loro vita quando nuove e faticose sfide - come avere un bambino, trasferirsi in una città sconosciuta o iniziare un nuovo lavoro – sono diventate via via sempre più gestibili.

Nuovi e più grandi impegni richiedono di crescere, e la crescita è invariabilmente anche un'esperienza stressante. E le scuole hanno come obiettivo proprio la stimolazione della crescita.

Cosa succede, però, se non è sufficiente avere una visione positiva dello stress per offrire agli studenti il conforto di cui hanno bisogno?

In effetti, molti studenti soffrono troppo di quello che per loro dovrebbe essere una buona cosa. Chi trasporta carichi eccessivi non può alleggerirne il peso semplicemente considerando i benefici dello stress.

Tuttavia il problema degli studenti con impegni scolastici che non riescono ad affrontare, raramente è che non sono in grado di farlo. È, piuttosto, che non hanno mai il tempo di riprendersi da una fatica per affrontarne una nuova.

Invece di cercare di diminuire la pressione scolastica, bisognerebbe assicurarsi che gli studenti possano riprendersi da periodi di intensa attività intellettuale, proprio come gli atleti si riposano tra un allenamento pesante e l’altro, ofrfendo loro la possibilità di dedicarsi ad attività ludiche o ricreative.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

Master accompagnare al futro 1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca