Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

In condizioni normali il Disturbo da deficit di attenzione / iperattività, o ADHD, caratterizzato da disattenzione e mancanza di concentrazione, può essere gestito in modo efficace con un programma coerente e linee guida chiare per le attività scolastiche quotidiane. Condizione compromessa dalle limitazioni imposte dall’epidemia alla normalità delle attività scolastiche.

20201214 adhd 3

Dall’inizio dell’interruzioni della normalità scolastiche, programmi coerenti e linee guida chiare sono mancate alla maggior parte delle famiglie e degli studenti.

Uno studio recente mostra che i ragazzi con ADHD, che in alcuni Paesi occidentali arrivano quasi al 10% degli studenti, stanno attraversando un periodo particolarmente difficile per adattarsi a questa nuova “normalità”.


ADHD durante la pandemia: il problema

Quest'anno, quando le scuole e le attività extra-scolastiche sono state sospese da un giorno all’altro, i ragazzi di tutte le età si sono trovati improvvisamente a dover affrontare la perdita di attività sociali e fisiche, l'introduzione dell'apprendimento online e un totale ribaltamento della loro vita quotidiana.

Questo sarebbe un cambiamento difficile per qualsiasi ragazzo, quelli con condizioni problematiche preesistenti come ADHD, autismo e disturbi d'ansia hanno faticato pesantemente per adattarsi alla mancanza delle attività strutturate e delle routine di cui hanno così fortemente bisogno.

Non sorprende che uno studio condotto in Cina durante l'apice della pandemia abbia scoperto che alcuni comportamenti correlati all'ADHD siano peggiorati durante il blocco.  

Cosa sta causando esattamente il peggioramento di questi comportamenti quando che i ragazzi sono a casa?

"I giovani con ADHD in genere sono favoriti dall’avere una struttura di attività routinaria e prevedibile, che consente loro di comprendere ed essere consapevoli delle loro aspettative quotidiane in modo coerente", afferma Shivani Chopra, psichiatra e fondatrice del “Premier Mind Institute” nella California del Sud.

In assenza di questi elementi strutturali dall'inizio della pandemia, i ragazzi con ADHD devono affrontare sfide immense in tutti gli aspetti della vita: è più facile distrarsi durante una chiamata Zoom che in un ambiente dal vivo, la casa è molto più rumorosa e più caotica di una classe durante il tempo di apprendimento, e il numero di cose che attirano l'attenzione di un ragazzo a casa è molto maggiore (animali domestici, videogiochi, fumetti, dispositivi digitali ecc.).

In effetti, due delle aree in cui i ragazzi con ADHD hanno fatto più fatica, secondo lo studio, sono l'attenzione e la routine. I genitori coinvolti nello studio hanno evidenziato un comportamento molto peggiorato dei figli in queste due aree, rispetto al solito, probabilmente un risultato diretto del contesto drasticamente diverso causato dalla pandemia.


Di cosa hanno bisogno i ragazzi con ADHD?

In generale, hanno bisogno esattamente di ciò che un ambiente scolastico fornisce: struttura, routine e coerenza. "Dato che molti genitori stanno cercando di lavorare da casa e hanno poca esperienza con l'apprendimento online, molti non sono in grado di fornire un ambiente coerente e strutturato per riprodurre ciò che il loro ragazzo potrebbe aver ricevuto mentre era a scuola" dice la ricercatrice.

20201214 consapevolezza 1

Questi ragazzi hanno in particolare bisogno, quotidianamente, per attivarsi al meglio, di:

Attività fisica
I ragazzi con ADHD stanno bene in ambienti attivi.

Vari studi ribadiscono l'importanza dell'esercizio quotidiano per ridurre i sintomi dell'ADHD e migliorare la funzione cognitiva.

Le misure di sicurezza necessarie prese durante la pandemia hanno purtroppo impedito loro di avere la quantità di esercizio quotidiano di cui hanno bisogno.

Apprendimento individualizzato
Molti ragazzi hanno piani educativi individualizzati,  che spesso includono supporto individuale e aiuto per materie particolari. Questo può essere difficile da replicare a casa, soprattutto quando i genitori sono anche impegnati nelle loro attività lavorative.

Un ambiente privo di distrazioni
In un ambiente scolastico, i ragazzi con ADHD hanno spesso l'opportunità di imparare in piccoli gruppi, separati da una grande classe piena di studenti. Sia che ciò avvenga in fondo alla stanza, in un corridoio o da qualche altra parte, questo risulta estremamente vantaggioso per gli studenti con ADHD, che possono avere difficoltà a prestare attenzione o impegnarsi completamente quando fanno parte di un grande gruppo (o mentre partecipano a una lezione via zoom).

Un programma coerente
Con poche eccezioni, i ragazzi sanno cosa aspettarsi quando si siedono alla scrivania, come prima cosa al mattino. L'ambiente scolastico è strutturato in modo da sembrare molto simile ogni giorno, o almeno ogni settimana. Senza questo, gli studenti con ADHD hanno difficoltà a gestire il loro tempo e tendono a distrarsi rapidamente.

Aiuto con i cambiamenti
I cambiamenti sono difficili per la maggior parte delle persone e l’adattarsi a questa pandemia non fa certo eccezione. Con così tanti grandi cambiamenti in corso, i ragazzi con ADHD possono attraversare un momento particolarmente difficile con i più piccoli cambiamenti nella vita, come spostarsi da un oggetto di studio all'altro o persino nelle modalità di iniziare la loro mattina.

Questo periodo di grandi cambiamenti provoca nei ragazzi con ADHD momenti di rabbia. Infatti, almeno il 30% dei genitori nello studio cinese ha indicato una frequenza molto più alta di scoppi di rabbia nei loro figli durante la pandemia.

Cosa possono fare i genitori per aiutarli
Tutti concordano sul fatto che questi tempi senza precedenti non sono stati facili per nessuno. E i genitori che lavorano e che cercano di aiutare i ragazzi con bisogni speciali hanno probabilmente il compito più difficile di tutti. Ma questo non significa che non possano farcela. Ci sono molti modi in cui i genitori possono alleviare alcune delle difficoltà incontrate dai figli con ADHD.

Stabilire una routine di base
Non occorre sforzarsi per far sì che ogni giorno sia esattamente lo stesso. Basta semplicemente stabilire una routine di base che includa l'ora della scuola, il tempo per divertirsi e anche il tempo per l'esercizio fisico.

Per far sì che funzioni, occorre coinvolgere in questo i ragazzi, chiedendo il loro aiuto.

“Consiglio spesso di scrivere un programma generale su una lavagna in uno spazio comune della casa con indicazioni chiare, brevi e semplici in modo che un ragazzo possa anticipare gli eventi della giornata. Ovviamente, mentre si progetta con lui questo programma, occorre lasciare una certa flessibilità nei tempi" suggerisce la dottoressa Chopra.

Muoversi
L'esercizio fisico è importante per tutti, ma è fondamentale per i ragazzi con ADHD. "L'esercizio fisico è un ottimo modo per loro di bruciare energia e temperare alcuni comportamenti iperattivi. Inoltre, l'esercizio fisico aumenta i neurotrasmettitori della dopamina e della norepinefrina, che sono le sostanze chimiche che prendono di mira i farmaci stimolanti.

Anche con i requisiti di distanziamento sociale in atto, i ragazzi possono fare passeggiate o correre con i genitori o giocare in cortile, se ne hanno uno a disposizione. Se ci si trova in ​​un appartamento, si può provare lo yoga o con i video di esercizi per una sessione di allenamento al chiuso.

Stare in rapporto con l'insegnante del proprio figlio
Se un ragazzo ha disturbo da ADHD ed era seguito in modo speciale a scuola, ci sono buone probabilità che il suo insegnante sarà più che disposto a fornire ulteriore aiuto quando necessario. "Se non si è a conoscenza del tipo di attenzione che il ragazzo riceve a scuola, si può contattare la scuola o l'insegnante per avere una spiegazione delle strategie di apprendimento, ambientali e comportamentali che la scuola stava usando per aiutare il ragazzo nel suo percorso".

Parla con il ragazzo
"Durante questo periodo tumultuoso, dobbiamo avere conversazioni aperte e oneste sul Covid-19 per annullare lo stress causato da qualsiasi disinformazione. Esprimere le emozioni, limitare il tempo davanti alla televisione o al computer e mantenere le routine familiari il più possibile potrebbe aiutare ad alleviare i sintomi di ADHD, depressione e ansia" spiega la ricercatrice.

Cosa significa per un genitore
In questa situazione difficile, è importante essere pazienti con se stessi, oltre che con i propri figli. Non esiste un genitore perfetto e ognuno sta facendo il meglio che può nella situazione in cui si trova. Prendersi del tempo per se stessi, anche se sono solo pochi minuti, darà la spinta di cui si ha bisogno per aiutare un figlio a farcela in questo difficile contesto.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca