Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Gli adolescenti che hanno smesso di studiare matematica dopo i sedici anni mostrerebbero uno svantaggio maggiore in termini di sviluppo cognitivo rispetto ai loro coetanei che invece hanno continuato a dedicarsi a numeri e formule.

20210617 matematica 1

È quanto suggerisce uno studio dei ricercatori dell'Università di Oxford, i quali hanno scoperto che i ragazzi che hanno rinunciato alla matematica a quell’età avevano una quantità inferiore di una sostanza chimica fondamentale per lo sviluppo del cervello.

Secondo il documento, la riduzione è stata trovata in una regione chiave del cervello che supporta molte importanti funzioni cognitive, tra cui matematica, memoria, apprendimento, ragionamento e risoluzione dei problemi.

Questa quantità di sostanze chimiche del cervello ha predetto con successo i cambiamenti nei punteggi dei risultati in matematica circa 19 mesi dopo, secondo uno studio sui giovani di età compresa tra 14 e 18 anni.

Ma non c'erano differenze nella sostanza chimica prima che gli adolescenti smettessero di studiare matematica.

In Gran Bretagna e Irlanda del Nord, i sedicenni possono decidere di interrompere gli studi in matematica, a differenza di molti altri Paesi.

I ricercatori del Dipartimento di Psicologia Sperimentale di Oxford hanno esaminato se questa mancanza di educazione matematica negli studenti provenienti da un ambiente simile potesse avere un impatto sullo sviluppo del cervello.

Agli alunni è stato chiesto se avessero smesso di studiare matematica, se avevano più di 16 anni, o se avevano intenzione di smettere, se avevano meno di 16 anni.

Hanno quindi fatto una scansione cerebrale e una valutazione cognitiva, che sono state seguite dopo 19 mesi per esaminare i cambiamenti che potrebbero essersi verificati in funzione dello studio della matematica.

I risultati, pubblicati negli Atti della National Academy of Sciences, suggeriscono che non avere alcuna istruzione in matematica dopo i 16 anni può essere svantaggioso, rispetto ai coetanei che hanno continuato a studiare matematica, in termini di sviluppo cerebrale e cognitivo.

20210617 narcisista 4a

Roi Cohen Kadosh, professore di neuroscienze cognitive presso l'Università di Oxford, ha dichiarato: "Le abilità matematiche sono associate a una serie di vantaggi, tra cui occupazione, stato socioeconomico e salute mentale e fisica.

"L'adolescenza è un periodo importante della vita che è associato a importanti cambiamenti cerebrali e cognitivi.

"Purtroppo, l'opportunità di smettere di studiare matematica a questa età sembra portare a un divario tra gli adolescenti che interrompono la loro formazione in matematica rispetto a quelli che la continuano.

"Il nostro studio fornisce un nuovo livello di comprensione biologica dell'impatto dell'istruzione sul cervello in via di sviluppo e dell'effetto reciproco tra biologia e istruzione.

"Non è ancora noto come questa disparità, o le sue implicazioni a lungo termine, possa essere prevenuta.

“Non tutti gli adolescenti amano la matematica, quindi dobbiamo indagare su possibili alternative, come l'allenamento in logica e ragionamento che coinvolgono la stessa area cerebrale della matematica".

Il professor Cohen Kadosh ha aggiunto: "Siccome abbiamo iniziato questa linea di ricerca prima del Covid-19, mi chiedo anche come il ridotto accesso all'istruzione in generale e alla matematica in particolare (o la sua mancanza a causa della pandemia) influisca sul cervello e sullo sviluppo cognitivo. di bambini e adolescenti in questa fase.

"Anche se non siamo ancora consapevoli dell'influenza a lungo termine di questa interruzione, il nostro studio fornisce un'importante comprensione di come la mancanza di un singolo componente nell'istruzione, la matematica, possa avere un impatto sul cervello e sul comportamento".

Ubiminor