Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Negli ultimi due anni, a causa della pandemia e dei relativi lockdown, è stata più volte affrontata e discussa la questione non solo dell'importanza del contatto interpersonale, della vicinanza, delle relazioni libere da vincoli sanitari, ma anche, sul fronte scolastico, dell'indispensabilità della didattica in presenza.

20211213 dad 1

Mai prima d'ora i docenti avevano dovuto cambiare e riprogettare i loro metodi di insegnamento in un periodo di tempo così breve. Le problematiche connessioni Internet, le difficoltà nell'implementazione tecnica e la mancanza di scambio personale hanno reso più difficile il trasferimento delle conoscenze e dei contenuti didattici.

Sembra diversa la questione per gli studenti universitari. Per un'istruzione universitaria di alta qualità, l'insegnamento in presenza è considerato una componente fondamentale estremamente importante. Tuttavia, l'insegnamento digitale porta anche vantaggi e opportunità inaspettati, come dimostra la Commissione per gli studi e l'insegnamento della Deutsche Gesellschaft für Psychologie (Società tedesca di psicologia (DGP)) in un rapporto per Psychologische Rundschau.

In questo studio, la dott.ssa Anne Gärtner della Technische Universität Dresden spiega che l'insegnamento digitale offre agli studenti e ai docenti opportunità nuove e senza precedenti e dà vita a una forma di insegnamento e apprendimento completamente rinnovata.

"Da un lato, la flessibilità in termini di tempo e lo spazio nell'organizzazione del lavoro è uno dei maggiori vantaggi della didattica digitale, in quanto si può risparmiare non solo tempo ma anche costi, ad esempio eliminando gli spostamenti. I docenti hanno maggiore autonomia e possono decidere da soli come gestire il proprio tempo e organizzare i propri seminari e le lezioni. Inoltre, il materiale didattico registrato può essere riutilizzato".

Gli studenti, in questo caso a livello universitario, la pensano allo stesso modo: l'insegnamento digitale consente loro di apprendere al proprio ritmo personale e di ripetere le lezioni registrate tutte le volte che è necessario.

Tuttavia, "l'insegnamento faccia a faccia e i formati digitali non dovrebbero essere messi l'uno contro l'altro" afferma la dottoressa Gärtner.

"L'insegnamento digitale dovrebbe essere visto come un mezzo complementare per migliorare ulteriormente la qualità dell'insegnamento e l'importanza dell'insegnamento in presenza non dovrebbe essere dimenticata".

Perché, anche se l'apprendimento online porta più vantaggi di quanto inizialmente previsto, la mancanza di contatto tra docenti e studenti lascia molte lacune che non possono essere "colmate" online.

20211213 dad 1a

Uno svantaggio evidente, ad esempio, è il requisito di una connessione Internet stabile e dell'attrezzatura tecnica necessaria. Poiché l'insegnamento digitale e la sua implementazione tecnica erano ancora un territorio inesplorato per molti, si è avuta la conseguenza di un aumento del carico di lavoro, soprattutto nel primo periodo.

Inoltre, uno dei principali svantaggi è senza dubbio la difficoltà di rimanere disciplinati, concentrati e motivati ​​davanti al proprio computer da soli per un lungo periodo. Per gli studenti più giovani, in particolare, ciò richiede molta più autodisciplina e organizzazione rispetto ai corsi in presenza.

Per la dott.ssa Gärtner personalmente, lo svantaggio più grande era non sapere se poteva effettivamente raggiungere i suoi studenti nei suoi corsi online: "Tuttavia, si è scoperto che i miei seminari e lezioni online sono stati finora molto ben frequentati e l'interazione e lo scambio sono stati possibile, anche se in una forma un po' diversa. Oltre a questo ha funzionato - il mio seminario digitale ha anche ricevuto un premio per l'insegnamento, di cui sono stato particolarmente contenta - spero ancora di poter presto discutere con gli studenti di nuovo insieme nell'aula seminari e conducono entusiasmanti esperimenti in laboratorio".

La professoressa è anche convinta che l'apprendimento misto (che combina l'insegnamento in aula e quello digitale) potrebbe essere un metodo promettente per l'insegnamento e l'apprendimento in futuro.

Nell'insegnamento faccia a faccia, ad esempio, l'attenzione potrebbe essere posta maggiormente sull'interazione e lo scambio, mentre nelle forme digitali di insegnamento e apprendimento, il materiale può essere lavorato individualmente.

In futuro, sempre più persone vorranno imparare e insegnare online, poiché ora tutti hanno l'opportunità di continuare la propria istruzione sempre e ovunque, in viaggio, in sala d'attesa, in treno o a casa.

Sono indicazioni e valutazioni che ovviamente riguardano gli studenti più grandi, nei percorsi di studio più avanzati.

Potrebbero tuttavia essere applicate e sviluppate anche ai giovani della fase finale delle superiori, salvaguardando l’attenzione all’importanza dell’interazione interpersonale e del valore educativo e formativo del “contesto aula”, con l’insieme di fattori, anche emotivi, che mette in gioco.


Riferimento bibliografico
Anne Gärtner, Mario Gollwitzer, Laura M. König, Ana N. Tibubos. 
Chancen und Herausforderungen digitaler Lehre
Psychologische Rundschau, 2021.