Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

In questo ormai lungo periodo in cui le modalità di lezione non in presenza hanno necessariamente portato alla produzione e all’utilizzo di molto materiale di apprendimento registrato, è probabile che molti studenti ne aumentino la velocità di riproduzione per “finire prima” i loro compiti. Quanto imparano, così facendo? Più di quanto si possa pensare, scopre un nuovo studio di psicologia.

20220127 lecture 4

Questa ricerca mostra che gli studenti conservano le informazioni abbastanza bene quando guardano le lezioni fino al doppio della loro velocità effettiva. Lo studio è stato realizzato in ambito universitario, ma i risultati sembra possano essere applicabili anche alle superiori, soprattutto negli ultimi anni.

Le lezioni registrate sono diventate una parte di routine dell'insegnamento nel corso della pandemia e gli studenti spesso cercano di sviluppare quanto più apprendimento possibile in un arco di tempo più breve, guardando le registrazioni al doppio della loro velocità normale o anche di più. Ma la comprensione ne risente?

Sorprendentemente sembra di no, fino a un certo punto. Un nuovo studio della University of California - Los Angeles mostra che gli studenti conservano le informazioni abbastanza bene quando guardano le lezioni fino al doppio della loro velocità effettiva. Ma, una volta superato quel limite, le cose iniziano a diventare sfocate, ha affermato Alan Castel, autore senior dello studio e professore di psicologia all'UCLA.

L'85% degli studenti dell'UCLA intervistati nell'ambito dello studio che ha riferito di aver guardato a velocità accresciuta i video delle lezioni. A partire da questo dato, i ricercatori hanno coinvolto gli studenti in una serie di esperimenti per testare in che modo velocità più elevate influissero sull'apprendimento e sull’acquisizione delle conoscenze.

“Costruire Roma” in meno di 15 minuti

In un esperimento, i ricercatori hanno suddiviso duecentotrenta studenti universitari dell'UCLA in quattro gruppi e hanno fatto guardare loro due video di lezioni da 13 a 15 minuti: uno sull'Impero Romano e un altro sulle valutazioni immobiliari. Un gruppo ha guardato a velocità normale, uno a 1,5 volte la velocità normale, un altro a doppia velocità e l'ultimo gruppo a 2,5 volte la velocità normale. È stato chiesto ai partecipanti di non mettere in pausa i video e di non prendere appunti.

Immediatamente dopo le visualizzazioni, sono stati sottoposti a test di comprensione dei singoli video, ciascuno comprendente venti domande a scelta multipla e con vero o falso. Il gruppo a velocità normale ha ottenuto una media di 26 risposte corrette su 40, mentre il gruppo a tempo doppio ha raggiunto 25 risposte corrette (più o meno lo stesso del gruppo a una volta e mezzo di velocità). Il gruppo a due volte e mezzo velocità non è andato altrettanto bene, rispondendo correttamente solo a circa 22 domande.

Una settimana dopo, agli stessi gruppi sono stati somministrati diversi test relativi ai due video per valutare quello che avevano assimilato. Il gruppo a velocità normale ha avuto una media di 24 risposte corrette su 40, il gruppo a uno e mezzo di velocità e a velocità doppia una media di 21 e gli studenti a velocità due volte e mezzo una media di 20.

"Sorprendentemente, la velocità del video ha avuto scarso effetto sulla comprensione sia immediata che a lungo termine fino a quando gli studenti non hanno superato il doppio della velocità normale" hanno affermato i ricercatori.

20220127 learning 4a

In altri esperimenti, i ricercatori hanno testato varie combinazioni di visualizzazione della velocità e visualizzazione a velocità normale dei due video. Tra i risultati, i seguenti:

Due volte a velocità doppia contro una volta a velocità normale

Un gruppo di studenti ha guardato i video a doppia velocità due volte di seguito e un altro li ha guardati solo una volta a velocità normale. Entrambi i gruppi hanno risposto correttamente a una media di 25 delle 40 domande subito dopo le loro visualizzazioni.

In un esperimento correlato, un gruppo ha guardato i video una volta a velocità normale, mentre un altro li ha visti inizialmente a velocità doppia, poi una settimana dopo di nuovo a velocità doppia. Quando sono stati testati una settimana dopo che il primo gruppo aveva guardato i video (e poco dopo che il secondo gruppo aveva guardato i video una seconda volta), chi ha guardato a velocità doppia ha ottenuto risultati migliori nelle risposte rispetto a coloro che avevano visto a velocità normale.

Velocità di commutazione

Un gruppo di studenti che aveva guardato i video a velocità normale, poi a velocità doppia, ha ottenuto un punteggio leggermente migliore subito dopo le visualizzazioni rispetto a un gruppo che ha guardato a velocità doppia e poi a velocità normale – i risultati sono stati pressoché analoghi. Risultati confermati da altri due gruppi di studenti che hanno seguito la stessa procedura di visualizzazione e sono stati interrogati una settimana dopo la visione.

Le persone generalmente parlano a una velocità di circa 150 parole al minuto e ricerche precedenti hanno dimostrato che la comprensione inizia a diminuire quando il parlato si avvicina al doppio della velocità – pari a circa 275 parole al minuto, ha osservato il professor Castel.

I ricercatori hanno affermato di essere rimasti sorpresi e impressionati dal fatto che gli studenti potessero imparare e conservare le conoscenze anche a velocità più elevate.

"Gli studenti universitari possono risparmiare tempo e apprendere in modo più efficiente guardando le lezioni preregistrate a velocità maggiori se utilizzano il tempo risparmiato per altri studi, ma non dovrebbero superare il doppio della normale velocità di riproduzione.

Sebbene il nostro studio non abbia rivelato svantaggi significativi nel guardare i video delle lezioni fino al doppio della normale velocità, mettiamo in guardia dall'utilizzare questa strategia semplicemente per risparmiare tempo. Gli studenti possono migliorare l'apprendimento se trascorrono il tempo risparmiato in attività come studiare schede didattiche o fare esercitazioni pratiche".

La strategia di accelerare i video potrebbe non essere efficace con materiale del corso particolarmente complesso o difficile, ovviamente. Gli insegnanti che affidano compiti o lezioni con materiale registrato, dovrebbero essere coscienti di queste possibili modalità di fruizione e dovrebbero discutere con i loro studenti dei sui limiti.


Riferimento bibliografico
Dillon H. Murphy, Kara M. Hoover, Karina Agadzhanyan, Jesse C. Kuehn, Alan D. Castel.
Learning in double time: The effect of lecture video speed on immediate and delayed comprehension.
Applied Cognitive Psychology, 2021;