Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Secondo i ricercatori della UC San Francisco, essere sospesi da scuola, inviati per un richiamo nell’ufficio del preside o allontanati dall’aula, provoca un forte calo della media dei voti e conseguenze sulla salute mentale, soprattutto per i ragazzi appartenenti alle minoranze etniche.

20231026 prov 5

Lo studio, pubblicato su JAMA Network Open, ha analizzato i registri scolastici di 16.849 studenti dalle classi dalla prima media alla prima superiore in un grande distretto scolastico urbano in California dal 2014 al 2017. Studenti neri che avevano un provvedimento di allontanamento da un'aula o sospensione – nell’anno 2014-2015 hanno visto un calo significativo nelle votazioni entro la fine del ciclo di studi triennale.

Stesso effetto per gli studenti latini e i nativi indiani d'America e dell'Alaska.

Gli studenti neri avevano dieci volte più probabilità di ricevere un provvedimento disciplinare rispetto agli studenti bianchi, e gli studenti latini tre volte più probabilità. Il distretto scolastico analizzato non consente le espulsioni definitive, quindi non ce n'erano da esaminare.

"I provvedimenti di sospensione o di allontanamento dall’aula danneggiano tutti coloro che li ricevono, ma danneggiano drasticamente quelli appartenenti a gruppi minoritari, e in particolare le comunità nere e latine" ha affermato Meghan D. Morris, PhD, professore associato di epidemiologia e biostatistica all'UCSF e autore senior dello studio.

"Questi eventi sono un altro modo per rafforzare i sistemi e le condizioni di razzismo che già si verificano all'interno delle classi, dell'ambiente scolastico e dell'ambiente comunitario più in generale".

Poiché questi provvedimenti disciplinari riflettono un razzismo radicato, dovrebbero essere considerati esperienze avverse dell'infanzia (ACE) che mettono gli studenti a maggior rischio di malattie croniche come il diabete e l'asma, nonché di malattie mentali, ha affermato Camila Cribb Fabersunne, prima autrice e professore associato della UCSF nel dipartimento di pediatria.

"Questi studenti subiscono discriminazioni nel modo in cui viene applicata la disciplina scolastica. Quando gli studenti vivono un trauma in un luogo che dovrebbe essere una sorta di santuario - un luogo dove pensano di essere al sicuro dal razzismo e dove gli adulti li sostengono - questo ha un impatto profondo su di loro".

Proprio come i pediatri esaminano i problemi di attenzione e le difficoltà di apprendimento durante le visite sanitarie, devono effettuare lo screening per le espulsioni chiedendo ai giovani se sono stati mandati a casa o espulsi da scuola – e intervenire in tal caso, sostengono i ricercatori.

20231026 prov 6

"I pediatri dovrebbero chiamare la scuola e chiedere ai responsabili perché è stata intrapresa l'azione disciplinare. Dovrebbero spiegare che il comportamento dello studente può riflettere cose difficili che accadono al di fuori della scuola e che pratiche come la giustizia riparativa e la mindfulness sono risposte più efficaci".

Gli studenti neri e latini vengono sospesi a tassi più elevati rispetto agli studenti bianchi e ricevono punizioni più severe per comportamenti analoghi.

Ricerche precedenti mostrano che le espulsioni non prevengono i disagi in classe; infatti, sono legate a maggiori interruzioni nello studio, esclusione da parte dei compagni e assenze ingiustificate.

In età adulta, i ragazzi che hanno ricevuto questi provvedimenti hanno maggiori probabilità di avere difficoltà di inserimento sociale e comportamenti devianti. Il livello dei voti, nel frattempo, diventa a sua volta un elemento sfavorevole, la ricerca ha dimostrato che la qualità dell’istruzione è fondamentale per le opportunità socioeconomiche in età adulta, hanno scritto gli autori.

I pediatri dovrebbero incoraggiare le scuole a adottare pratiche positive e non escludenti per affrontare il comportamento degli studenti, come la meditazione, la formazione sulle competenze socio-emotive e la giustizia riparativa, che enfatizza la risoluzione dei problemi e la cooperazione per guarire e prevenire danni agli altri.

Inoltre, i pediatri dovrebbero sostenere l’aumento dei finanziamenti e del sostegno che le scuole ricevono per fornire servizi di supporto socio-emotivo basati sui traumi.

"Non credo che i pediatri siano sufficientemente indignati e reattivi in rapporto a questo tema. Se vogliamo l'equità sanitaria, dobbiamo sostenerli a livello individuale, scolastico e locale, perché queste pratiche disciplinari sono diffuse e danneggiano la salute mentale dei nostri ragazzi" concludono i ricercatori.

"Il potere e il privilegio del camice bianco sono reali e dovremmo usarlo sempre per prevenire discriminazione, razzismo e ingiustizie tra i ragazzi in un ambiente come quello scolastico. Sono fattori avversi che avranno conseguenze negative di lungo periodo per chi li subisce e per l’intera comunità".


Riferimento bibliografico

Camila Cribb Fabersunne, Seung Yeon Lee, Dannielle McBride et alii.
Exclusionary School Discipline and School Achievement
for Middle and High School Students, by Race and Ethnicity
.
JAMA Network Open, 2023.