Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Qual è il modo migliore per insegnare a scrivere? Gli esperti danno molte risposte a questa domanda - e spesso si contraddicono a vicenda.

20141117 scrivere4

 

In contrasto con le migliaia di studi sui metodi più efficaci per l'insegnamento della lettura e della matematica, esistono relativamente pochi studi rigorosi su quali siano le regole migliori per l'insegnamento della scrittura. Questo è in parte dovuto al fatto che valutare la qualità della scrittura in un modo che possa essere misurato quantitativamente, richiede molto tempo e risulta piuttosto costoso Di solito, per farlo, i ricercatori si avvalgono di una scala con otto punteggi, scrivendo descrizioni e testi di esempio per mostrare ciò cui ciascun punteggio si riferisce. Quindi addestrano team di insegnanti ad utilizzare la scala di valutazione in modo appropriato e coerente. Ma alla fine quello sulla qualità della scrittura resta sempre un giudizio soggettivo. Quello che uno considera ben scritto, un altro, infatti, potrebbe sempre considerarlo scritto male.

 Steve Graham , professore di pedagogia presso l'Arizona State University, ha svolto diverse ricerche sulle modalità di insegnamento della scrittura, cercando di capire quali siano i metodi che davvero funzionano. Per uno studio di prossima pubblicazione, insieme ad alcuni colleghi, il professor Graham ha esaminato circa 250 tra i più importanti studi su come insegnare a scrivere a studenti dalla scuola materna fino al liceo.

L'analisi effettuata da Graham non consente di risolvere il secolare dibattito sul fatto che gli studenti imparino meglio a scrivere naturalmente - solo facendolo – o piuttosto attraverso esplicite istruzioni di scrittura.

Esistono tuttavia pratiche efficaci in merito alle quali la ricerca di Graham si esprime in modo inequivocabile. Purtroppo, molti insegnanti non le utilizzano. "Abbiamo la conferma di cose che sappiamo per certo funzionare, ma che non vengono quasi mai applicate in aula", ha dichiarato Graham.

Ne riportiamo qui tre:

1. Dedicare più tempo allo scrivere 

Per insegnare ai bambini a scrivere bene, è necessario chiedere loro di scrivere molto. Non si diventa un grande calciatore se non si gioca molto a calcio. Esistono prove certe che questo vale anche per la scrittura. Cinque studi effettuati su insegnanti particolarmente bravi nell'alfabetizzazione dei loro allievi, mostrano che i migliori insegnanti chiedono ai loro studenti di scrivere frequentemente. In nove distinti esperimenti effettuati con gli studenti, 15 minuti aggiuntivi di scrittura al giorno dalla seconda elementare fino al termine delle medie, portano concretamente a un miglioramento nei risultati di scrittura. Il settanta per cento degli studi che hanno valutato l'impatto di quote di scrittura “aggiuntiva” rispetto a quella usuale nel corso di studi, hanno riscontrato un miglioramento nella qualità della scrittura degli studenti.

Diversi studi hanno trovato benefici evidenti derivanti dal tempo aggiuntivo di scrittura, rispetto a quello stabilito normalmente dal programma scolastico. Non solo la qualità di scrittura migliora, ma al contempo migliora anche la comprensione nella lettura. Un altro gruppo di studi analizzati da Graham ha dimostrato che la scrittura incrementa la padronanza della materia da parte degli studenti: l'atto di scrivere aiuta a imparare. (Un altro buon motivo per gli insegnanti per astenersi dal facilitare gli studenti consegnando loro note stampate anziché farli scrivere).

Tuttavia, a fronte di questi riscontri, le ricerche indicano che nelle scuole statunitensi dopo la terza elementare, pochissimo tempo viene impegnato scrivendo. Dalla quarta elementare alla seconda media, in generale, solo 20-25 minuti al giorno vengono dedicati alla scrittura, secondo Graham. I compiti scritti raramente vanno al di là della singola pagina; a volte non sono più lunghi di un paragrafo. Questo è ciò che gli insegnanti riportano, e se stanno probabilmente esagerando in qualcosa, è nella “quantità” di scrittura abitualmente da loro richiesta agli studenti.

Perché si scrive così poco? Graham ipotizza che molti insegnanti di lingua sono più appassionati dell'insegnare la letteratura che non lo scrivere. Ma in diverse ricerche gli insegnanti spesso ammettono di non assegnare più compiti di scrittura perché non hanno il tempo di leggere e fornire un riscontro su quelli che spesso risultano alla fine essere testi molto lunghi. Si può forse capirlo pensando a un insegnante delle superiori che abbia una trentina di alunni per classe.

Alcuni potrebbe inoltre sostenere, per giustificarsi, che un piccolo numero di compiti scritti di alta qualità sia preferibile a un gran numero di bassa qualità. Ma, ancora una volta, le risposte degli insegnanti e le osservazioni effettuate in classe, come indicano numerose ricerche, rivelano che agli studenti viene in realtà più frequentemente chiesto di scrivere riassunti e non testi impegnativi. "Non riscontriamo un elevato livello di attività di scrittura che comprendano l'analisi e l'interpretazione", sostiene Graham. "Non si rilevano attività di scrittura di complessità tale da permettere lo sviluppo delle competenze necessarie per andare al college o per trovare un posto di lavoro."

Non è chiaro quale sia l'ideale quantità di tempo da dedicare alla scrittura. Graham, che ha scritto anche una guida alle tecniche di scrittura per conto del Dipartimento della Pubblica Istruzione, raccomanda un'ora al giorno. Ammette di non avere ricerche a sostegno di questa quantità di tempo. Ma a suo sostegno, ricorda che quando la Polonia ha aumentato le lezioni di lingua di oltre quattro ore a settimana, i punteggi nei test internazionali di questa nazione hanno cominciato a migliorare.

 20141117 scrivere2

2. Scrivere con un computer 

Nell'83 per cento dei 30 studi sull'utilizzo di software di elaborazione testi, la qualità di scrittura degli studenti risulta migliorata quando hanno scritto avvalendosi di un computer invece che a mano. L'impatto è stato più grande per gli studenti delle scuole medie, ma anche gli studenti più giovani ne hanno beneficiato. L'ipotesi è che gli studenti si sentano più liberi di modificare e migliorare le loro frasi, perché su un computer è più facile eliminare, aggiungere o spostare del testo. Più si sviluppa l'editing, migliore risulta il testo finale.

Possono sorgere legittime perplessità su come questi studi siano stati realizzati. Coloro che hanno giudicato i testi possono essere stati influenzati dal fatto che questi risultavano più leggibili, se scritti con il pc, perché i caratteri digitati sono più chiari di quelli scritti a mano? Nella maggior parte dei casi, poi, nel corso delle ricerche i saggi scritti a mano sono stati riscritti a computer prima di essere consegnati per la valutazione. In questo modo gli insegnanti che li dovevano valutare non potevano avere idea di quali fossero stati redatti in prima stesura direttamente a computer, e quali invece a mano.

È anche possibile che i correttori ortografici e grammaticali che a volte vengono automaticamente attivati dal software di elaborazione testi, abbiano consentito agli studenti di presentare lavori con meno errori ortografici, più “puliti”, i quali sono stati di conseguenza percepiti come di qualità superiore.

Alcuni insegnanti difendono in modo appassionato l'importanza della scrittura a mano, convinti che l'atto di scrivere imprima neurologicamente ricordi più forti. Esistono alcune prove che prendere appunti a mano sia più efficace per la comprensione e la memorizzazione. Ma se il nostro obiettivo è la scrittura di qualità e non la memorizzazione, sembra che tutto deponga a favore della preferenza della scrittura computerizzata, soprattutto a partire nella scuola media.

Un altro vantaggio per gli insegnanti che credono che gli studenti dovrebbero scrivere non solo per i professori, risiede nel fatto che i file di testo computerizzati sono più facili da condividere con i compagni di classe, offrendo così maggiori opportunità per avere un pubblico di lettori e riscontri reali.

Nonostante queste evidenze, si riscontrano ritardi nell'adozione della tecnologia in classe. Le indagini di Graham mostrano che "troppe scuole usano ancora carta e penna come mezzo primario se non unico di scrittura".

 20141117 scrivere1

3. L'insegnamento della grammatica non funziona

Le regole tradizionali per l'insegnamento della grammatica non sono efficaci. Sei studi effettuati con bambini dalla terza elementare alla seconda media, hanno mostrato che la qualità della scrittura risulta di fatto peggiorata quando ai bambini sia stata insegnata in modo tradizionale la grammatica. I risultati di scrittura degli studenti cui era stata insegnata la grammatica in modo tradizionale erano peggiori rispetto a quelli degli studenti cui non erano state impartite lezioni di questo genere.

Tre studi hanno mostrato che insegnare ai bambini come combinare due frasi semplici in una sola frase complessa ha avuto evidenti benefici in termini di apprendimento. Invece la grammatica tradizionale – diagrammi, frasi o le regole grammaticali di insegnamento - non risulta altrettanto efficace. Graham sospetta che questo accada perché le lezioni di grammatica spesso vengono percepite come scollegate dalla scrittura vera e propria. Lo studioso ha trovato una ricerca che mostra un grande miglioramento nella qualità di scrittura degli studenti quando gli insegnanti fanno esempi dell'uso corretto del linguaggio, mostrando come utilizzare le regole grammaticali nelle frasi che gli studenti stanno scrivendo. Non esistono, in realtà, ad oggi, molti studi sperimentali che stiano cercando procedure innovative ed efficaci per l'insegnamento della grammatica.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca