Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

La crescita economica è spesso indicata come un modo per aumentare il benessere delle persone ma un nuovo studio suggerisce che potrebbero esserci buone ragioni per mettere in discussione questa ipotesi.

20210218 gratis 2

I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte delle persone nelle società in cui il denaro gioca un ruolo minimo ha riportato un livello di felicità paragonabile a quello riscontrato nei Paesi scandinavi che tipicamente hanno il più livello al mondo di benessere economico.

La crescita economica è spesso indicata come un modo sicuro per aumentare il benessere delle persone nei Lo studio è stato condotto da McGill e dall'Istituto di scienze e tecnologie ambientali presso l'Universitat Autònoma de Barcelona (ICTA-UAB)

I ricercatori si sono proposti di scoprire come le persone valutano il loro benessere soggettivo nelle società in cui il denaro gioca un ruolo minimo e che di solito non sono inclusi nei sondaggi sulla felicità globale.

Hanno scoperto che la maggior parte delle persone ha riportato livelli di felicità notevolmente elevati. Ciò era particolarmente vero nelle comunità con i livelli di disponibilità monetaria più bassi, dove i cittadini hanno riportato un grado di felicità paragonabile a quello riscontrato nei paesi scandinavi, che ne hanno i più elevati.

Misurare la felicità

Per esplorare come la disponibilità monetaria influisca sul senso di benessere delle persone, i ricercatori hanno trascorso del tempo in diverse piccole comunità di pescatori, con diversi gradi di “ricchezza”, nelle Isole Salomone e in Bangladesh, due paesi a bassissimo reddito.

Per alcuni mesi, con l'aiuto di traduttori locali, hanno intervistato più volte i cittadini delle aree rurali e urbane. Le interviste, che si sono svolte sia di persona che tramite telefonate in momenti inaspettati, sono state progettate per ottenere informazioni su quello che costituiva la felicità per i soggetti di studio, nonché per avere un senso dei loro stati d'animo passeggeri, del loro stile di vita, delle attività di pesca, del reddito familiare e del livello di integrazione nel mercato.

In tutto, i ricercatori hanno intervistato 678 persone, di età compresa tra i venticinque e i primi cinquant'anni, con un'età media di circa 37 anni. Quasi l'85% dei partecipanti allo studio era di sesso maschile. Il numero sproporzionato di uomini nello studio era dovuto al fatto che le norme culturali in Bangladesh rendevano difficile intervistare le donne. Nelle Isole Salomone, le risposte alle domande dello studio di uomini e donne non erano significativamente differenti.

Tuttavia, questo non è necessariamente applicabile alla situazione in Bangladesh, poiché le realtà sociali e gli stili di vita di uomini e donne differiscono molto. Ulteriori ricerche dovranno valutare se le norme sociali legate al genere abbiano un impatto sull'associazione trovata in questo studio.

Le prime fasi della “monetizzazione” delle attività svolte possono essere dannose per la felicità.

I ricercatori hanno scoperto che nelle comunità in cui il denaro era più utilizzato, come nel Bangladesh urbano, i residenti riportavano livelli di felicità inferiori.

20210218 gratis 2a

"Il nostro studio suggerisce possibili modi per raggiungere la felicità che non sono correlati a redditi elevati e ricchezza materiale" afferma Eric Galbraith, professore presso il Dipartimento di Scienze della Terra e Planetarie della McGill e autore senior dello studio.

"Questo è importante, perché se replichiamo questi risultati altrove e possiamo individuare i fattori che contribuiscono al benessere soggettivo, potrebbe aiutarci ad aggirare alcuni dei costi ambientali associati al raggiungimento del benessere sociale nelle nazioni meno sviluppate".

"In situazioni sociali meno “monetizzate”, abbiamo scoperto che le persone hanno riferito che una percentuale maggiore di tempo trascorso con la famiglia e il contatto con la natura sono i fattori responsabili della loro felicità".

"Ma con l'aumento della monetizzazione, abbiamo scoperto che i fattori sociali ed economici comunemente riconosciuti nei Paesi industrializzati hanno giocato un ruolo più importante. Nel complesso, i nostri risultati suggeriscono che la monetizzazione, soprattutto nelle sue fasi iniziali, quella di sviluppo di un mercato, può effettivamente essere dannosa per la felicità".

È interessante notare che, mentre altre ricerche hanno scoperto che la tecnologia e l'accesso alle informazioni provenienti da culture lontane con stili di vita diversi possono influenzare il senso del proprio benessere delle persone offrendo standard con cui le persone confrontano la propria vita, questo non sembrava essere il caso in queste comunità.

"Questo lavoro si aggiunge alla crescente consapevolezza che i supporti importanti per la felicità non sono in linea di principio legati alla produzione economica" concludono i ricercatori.

"Quando le persone si sentono a proprio agio, sicure e libere di godersi la vita all'interno di una comunità forte, sono felici, indipendentemente dal fatto che stiano guadagnando o meno".

Indicazioni preziose sia per i genitori che per gli adolescenti, e per tutti coloro che svolgono un ruolo educativo, per improntare percorsi di confronto che aiutino i ragazzi a svincolarsi da modelli “semplici” e precostituiti di accesso a una possibile felicità


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della McGill University.
Riferimento bibliografico:
Eric D. Galbraith et alii.
Happy without money: Minimally monetized societies
can exhibit high subjective well-being
.
PLOS ONE, 2021.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca