Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Mentre gli psicologi temono che la pandemia di coronavirus stia scatenando anche un'epidemia di solitudine, una nuova ricerca di Harvard conferma che i sentimenti di isolamento sociale sono in aumento e indica che i più colpiti sono gli adolescenti e i giovani adulti.

20210304 colpiti 1

Nei risultati recentemente pubblicati di uno studio condotto dai ricercatori di Making Caring Common , il 36% degli intervistati a un sondaggio nazionale su circa 950 americani ha riferito di sentirsi soli "frequentemente" o "quasi sempre o sempre" nelle precedenti quattro settimane, rispetto al 25 per cento che ha ricordato di aver avuto problemi seri nei due mesi precedenti la pandemia. Forse la cosa più sorprendente è che il 61% delle persone di età compresa tra 18 e 25 anni ha riportato livelli elevati di malessere.

"Sono rimasto sorpreso dal grado di solitudine tra i giovani", ha detto Richard Weissbourd, psicologo e docente senior presso la Harvard Graduate School of Education (HGSE) che ha contribuito a guidare la ricerca. "Se guardi altri studi sulle persone più anziane, i loro tassi di solitudine sono alti, ma non sembrano essere così alti come per i giovani".

La statistica, di per sé già inquietante, diventa ancora più preoccupante se combinata con i dati di giugno dei Centers for Disease Control and Prevention che mostrano che il 63% dei giovani ha riferito di aver manifestato sintomi sostanziali di ansia e depressione.

"È un gruppo di cui siamo veramente preoccupati", ha detto Weissbourd, che sospetta che siano in gioco diversi fattori.

Gli adolescenti più grandi e i giovani adulti possono essere particolarmente suscettibili a questo malessere perché spesso stanno passando dalle loro "famiglie ereditate alle famiglie scelte", ha detto Weissbourd, il che significa che mancano di connessioni importanti con coloro che possono "essere degli argini importanti contro la solitudine".

Gli studenti fuori casa per studio possono avere difficoltà a adattarsi e provare nostalgia di casa, mentre quelli che non vanno a scuola possono sentirsi scollegati da importanti gruppi sociali o dalla comunità.

I giovani spesso stanno anche prendendo decisioni critiche sulle loro vite e relazioni professionali e personali, il che può aumentare lo stress e il senso di isolamento.

Il nuovo rapporto sottolinea anche il modo in cui tali sentimenti possono portare a una spirale discendente.

Molti giovani che hanno riferito di una grave solitudine hanno anche affermato di sentirsi come se nessuno "si interessasse veramente" a loro.

Il sondaggio suggerisce anche che le persone sole spesso sentono di stare cercando di entrare in contatto o ascoltare altre persone più di quanto le altre persone le stiano contattando o ascoltando.

20210304 colpiti 3

"Queste cose possono diventare controproducenti" ha detto Weissbourd. "Quando ti senti come se stessi provando in modo forte a metterti in contatto mentre le altre persone non ci stanno provando, o ti senti come se stessi per essere rifiutato di nuovo, ti ritiri, il che aumenta la tua solitudine e la tua ansia per le situazioni sociali."

Weissbourd e il suo team sostengono che eliminare la solitudine richiede una solida infrastruttura sociale.

Le scuole possono essere importanti punti di intervento, dove gli insegnanti possono essere formati per mettere in contatto i genitori tra loro e per garantire che ogni studente sia collegato a un adulto della scuola.

I medici dovrebbero anche chiedere informazioni sulla solitudine durante le visite mediche annuali, aiutando a connettere i pazienti che stanno lottando con i supporti sociali; le scuole superiori, le università e i centri per anziani dovrebbero concentrarsi sul collegamento dei giovani con le persone più anziane; e i datori di lavoro dovrebbero verificare con i dipendenti se sono soli e fornire loro risorse che supportano la relazione e il contatto.

Per ridurre ulteriormente lo stigma associato alla solitudine, gli autori raccomandano anche la creazione di campagne nazionali, statali e locali che sottolineano l'importanza di mantenere i legami sociali,

"Abbiamo bisogno di un'istruzione pubblica che rimuova lo stigma della solitudine e cerchi davvero di alleviare la vergogna che può derivarne", ha detto Weissbourd, "perché la vergogna può anche essere controproducente e farti evitare situazioni sociali o nascondere i tuoi veri sentimenti in modi che creano connessioni significative con altri con grande difficoltà".

Weissbourd ha detto che lui e i suoi colleghi considerano la lotta alla solitudine un imperativo morale in una società sempre più "iperindividualistica", dove molte persone scelgono spesso di concentrarsi sul benessere della loro ristretta cerchia di familiari e amici.

“Stiamo sostenendo che c'è una questione morale in termini di salute della nostra comunità e che quelli di noi che sono in grado di farlo dovrebbero cercare di raggiungere le persone che potrebbero essere sole. Se ogni persona che è abbastanza in forma da un punto di vista mentale può impegnarsi a raggiungere e a mettersi in relazione con una persona di cui è preoccupata, anche solo una volta alla settimana, sarebbe già una buona cosa".

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca