Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

La parola sensibilità è usata in relazione a una serie di cose diverse: può riferirsi sia ai sensi – cioè alla capacità di percepire il mondo che ci circonda – sia alla tendenza a essere influenzati dalla minima azione o attacco dal mondo esterno.

20220609 hyper 4

Più che "sensibili" alcuni ragazzi vengono etichettati come "ipersensibili". Quelli che rispondono a questa descrizione sono particolarmente emotivi, si commuovono vedendo un film o ascoltano canzoni tristi, ad esempio.

Il termine ipersensibilità, spiegano gli psicologi, è diventato gradualmente più popolare negli ultimi anni e viene spesso applicato, in parte erroneamente, all'iperestesia (una condizione simile al sovraccarico sensoriale) o alle emozioni intense anormalmente frequenti. È preferibile, consigliano alcuni, parlare di sensibilità accresciuta.

La sensibilità può manifestarsi sia internamente, in una reazione fisiologica o un'emozione, sia esternamente, in un movimento di ritrazione, per esempio. In entrambi i casi, è collegato a “trigger” interni (ad es. pensieri) o esterni (ad es. ambiente circostante) noti come stimoli.

Assumendo una varietà di nature, gli stimoli possono essere sociali (ad esempio, una telefonata di un amico, un compagno che si incontra o un estraneo che ci ferma per strada), emotivi (ad esempio, il ricordo di una persona cara o giochi con un animale domestico), fisiologico (p. es., uno stomaco che brontola o un battito cardiaco accelerato) o sensoriale (p. es., uditivo, olfattivo o visivo).

Indipendentemente dalla loro forma, tutti sono continuamente esposti ad essi nella vita quotidiana. Facendo affidamento sulle risorse presenti nel loro ambiente per sopravvivere, gli esseri umani sono tenuti a percepire, assimilare ed elaborare tutti questi stimoli per continuare a adattarsi.

Tuttavia, non tutti reagiscono allo stesso modo a ogni stimolo dato... È bene comprendere e far comprendere ai giovani come si manifestano queste dinamiche. La consapevolezza sulla propria reattività sensibile può essere un elemento importante nello sviluppo di un giovane.

Perché abbiamo diversi livelli di sensibilità?

La maggior parte delle persone reagisce più o meno allo stesso modo quando gli viene presentato lo stesso stimolo, mentre si dice che coloro che mostrano una reazione più forte siano più sensibili. Questa differenza è stata esplorata in una serie di teorie, che sono state consolidate sotto il termine generico di “sensibilità ambientale”.

Quello che viene definito come "ipersensibilità" o "alta sensibilità" nel linguaggio quotidiano. Corrisponde a una maggiore profondità di elaborazione delle informazioni; una maggiore reattività emotiva ed empatia; una maggiore consapevolezza dei sottili cambiamenti nel proprio ambiente; una maggiore propensione alla sovrastimolazione.

Il concetto di sensibilità ambientale può anche essere visto come un tratto di personalità di ordine superiore che comprende e giustifica, in una certa misura, concetti psicologici esistenti come introversione, timidezza, inibizione comportamentale o temperamento reattivo.

Storicamente, spiegano gli esperti, la ricerca sulla sensibilità ambientale si è concentrata principalmente sulla determinazione delle vulnerabilità individuali, che derivano da molti fattori diversi (siano essi genetici, psicologici o fisiologici) e si traducono in una maggiore sensibilità a vari stimoli.

Tuttavia, dato che gran parte della ricerca collega le vulnerabilità a una maggiore sensibilità, la stragrande maggioranza degli studi associa ambienti e condizioni negative (ad es. abusi infantili, genitori insensibili o eventi della vita negativi) con una maggiore sensibilità e i suoi effetti dannosi (ad es. predisposizione a problemi di salute mentale o una scarsa qualità della vita).

Di conseguenza, una maggiore sensibilità è spesso associata a una forma di vulnerabilità che offre pochissimi benefici alla vita quotidiana e incoraggia l'emergere di complicazioni in contesti negativi, tra cui fobia sociale, disturbo evitante di personalità, ansia e depressione, stress auto-percepito, agorafobia, disturbo dello spettro autistico, scarsa regolazione emotiva.

Ma i giovani con una maggiore sensibilità sono davvero predisposti a sviluppare questi effetti negativi?

Un vantaggio adattivo

Uno studio sull'ereditarietà della sensibilità ha rivelato che il 47% delle variazioni individuali di sensibilità sono determinate geneticamente, mentre il restante 53% è dovuto a influenze ambientali.

Ciò significa che la sensibilità è un tratto ereditabile. Se ereditabile, deve quindi presentare qualche vantaggio adattativo (o almeno, non essere debilitante), per quanto minore, essere stato trattenuto dalla selezione naturale nel corso dei secoli.

Inoltre, simulazioni numeriche e ricerche empiriche suggeriscono che una maggiore sensibilità potrebbe essere vantaggiosa, in quanto gli individui all'interno di un gruppo possono fare affidamento sulle loro variazioni di sensibilità per impiegare strategie diverse, adattarsi più rapidamente ai cambiamenti nel loro ambiente ed essere più attenti.

20220609 hyper 4a

Esplorare i potenziali benefici

Una quantità crescente di ricerche ha esaminato in che modo gli ambienti benefici possono influenzare positivamente gli individui con una maggiore sensibilità.

Uno studio sul legame tra maggiore sensibilità e reattività a un programma di prevenzione della depressione tra gli adolescenti ha mostrato che gli individui sensibili erano più reattivi al supporto offerto. Ancora più importante, tali cambiamenti erano notevolmente più evidenti nei soggetti altamente sensibili.

Un altro studio ha rivelato un legame tra maggiore sensibilità e reattività a un programma antibullismo nelle scuole. In questo caso, non solo si è registrato un calo significativo del bullismo, ma il fenomeno è stato osservato quasi esclusivamente tra ragazzi altamente sensibili.

Questi studi suggeriscono, quindi, che gli individui altamente sensibili hanno una migliore capacità di socializzazione, pensiero riflessivo, apprendimento e consapevolezza.

Sfruttare al meglio l'ipersensibilità

La ricerca sulla dipendenza e sui disturbi dell'umore ha dimostrato che la corteccia prefrontale mediale svolge un ruolo importante nell'autocontrollo e che un maggiore controllo degli impulsi in risposta a stimoli positivi è legato a una ridotta assunzione di rischi e comportamenti di dipendenza.

Questa ricerca suggerisce che una maggiore sensibilità, unita a un ambiente di sviluppo sano, potrebbe essere un fattore nella prevenzione della dipendenza.

Questo perché i giovani altamente sensibili possono avere meno probabilità di esibire comportamenti abusivi o problematici (correlati all'uso di Internet, giochi online o gioco d'azzardo, ecc.) o di diventare dipendenti dopo aver usato stupefacenti.

Tutti questi studi concordano sull'importanza vitale di un'infanzia e di un ambiente sani. Dato che i fattori ambientali rappresentano circa la metà di tutte le variazioni individuali di sensibilità, è essenziale limitare eventuali esperienze negative (o mitigare gli effetti deleteri) che possono essere esacerbate da un tratto sensibile della personalità.

Identificare correttamente i livelli di sensibilità individuali potrebbe rivelarsi utile per misurare il successo di determinate terapie e programmi di intervento. L'importanza di questo particolare fattore di successo è tale che la ricerca sulla genetica della terapia si sta attualmente muovendo verso una psicoterapia più personalizzata, spiegano gli esperti della questione.

Come crescere bene attraverso l'ipersensibilità

Gli studi sulla sensibilità ambientale stanno già iniziando a comprendere le differenze evolutive individuali in contesti specifici e la relativa suscettibilità a determinate psicopatologie. Questa ricerca può anche essere utile nell'intervento precoce per prevenire sviluppi anormali in individui altamente sensibili, dicono i terapeuti, fornendo loro gli strumenti per prosperare nella nostra società moderna, con i suoi numerosi effetti stimolanti.

Una maggiore sensibilità o ipersensibilità può quindi essere un bene prezioso, spiega la psicologia. Lungi dall'essere un disturbo mentale svolge un ruolo fondamentale nel modo in cui ci adattiamo al nostro ambiente.

Le sue innumerevoli implicazioni evolutive, mediche e sociali sono già state delineate in molti studi in corso in psicologia, biologia genetica e neuroscienze. La speranza è che tale ricerca permetta alle persone interessate di superare i pregiudizi che troppo spesso vengono loro attribuiti.