Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

L’atteggiamento e i comportamenti che esprimono mascolinità, a livello di senso comune e nella sua accezione più superficiale, sottolineano di solito l'importanza che i ragazzi e gli uomini abbiano un aspetto duro e freddo, evitando l'espressione di emotività e mettendo a freno la loro sensibilità.

20220623 pressione 5

Una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Social and Personal Relationships ha rilevato che la pressione per aderire a queste norme può influenzare le convinzioni dei ragazzi sul comportamento prosociale e sull'aiutare agli altri.

"Sembra probabile che i ragazzi della prima adolescenza sperimentino un aumento della pressione per aderire alle norme maschili, il che è un fattore sociale importante e non da sottovalutare, perché l'adesione alle norme maschili sembra avere un impatto negativo sulle relazioni dei ragazzi con gli altri ragazzi così come sui loro desideri di aiutare gli altri" ha scritto gli autori dello studio, il dottor Matthew G. Nielson e i suoi colleghi.

La ricerca ha dimostrato che gli atteggiamenti nei confronti del comportamento prosociale (cioè, il comportamento che avvantaggia gli altri) differiscono durante l'adolescenza.

Ad esempio, è stato dimostrato che i ragazzi più grandi (14-15 anni) danno la priorità all'essere prosociali rispetto ai ragazzi più giovani (12-13 anni), che danno la priorità all'essere “mascolini”.

Un altro fattore importante per comprendere l'interazione sociale nella prima adolescenza è la competenza sociale (cioè i propri obiettivi sociali e l'autoefficacia relazionale). Gli obiettivi sociali sono i risultati desiderati per le interazioni sociali e l'autoefficacia relazionale sono le proprie convinzioni sulla propria capacità di interagire bene con i coetanei.

La ricerca sui profili sociali composti da obiettivi sociali e autoefficacia relazionale rileva che questi costrutti si combinano per influenzare il comportamento prosociale degli adolescenti orientato ai pari.

I profili sociali caratterizzati dal desiderio di un'autentica interazione tra pari e da un'elevata autoefficacia riportano un comportamento più prosociale rispetto a coloro che sono motivati ​​principalmente dall'approvazione dei loro coetanei o che hanno una bassa autoefficacia relazionale" hanno spiegato i ricercatori.

I ricercatori erano anche interessati ai diversi contesti in cui questi atteggiamenti vengono assimilati (ad esempio, con i genitori, con i coetanei e da sé stessi). I genitori possono comunicare le norme mascoline per proteggere i loro figli dall'essere presi in giro. I coetanei possono socializzare queste norme per riaffermare le norme di genere e i ragazzi possono coltivare queste norme anche interiormente.

Nielson e colleghi hanno utilizzato i dati di uno studio più ampio sugli atteggiamenti degli adolescenti e sulle convinzioni di genere del periodo 2013-2014. Per questo studio, hanno raccolto un campione di 260 ragazzi di prima media provenienti da quattro scuole elementari dal set di dati più ampio. Tutti i genitori hanno dato il consenso alla partecipazione dei propri figli.

20220623 pressione 5a

I partecipanti hanno completato test di aderenza alle norme maschili tradizionali, competenza sociale (indicata dall'orientamento agli obiettivi sociali e dall'efficacia della relazione basata sul genere), convinzioni sul comportamento prosociale e quanto hanno sentito una pressione esterna per aderire alle norme maschili tradizionali.

I risultati hanno indicato che c'erano tre profili sociali distinti: socialmente evitante (bassa aderenza alle norme maschili, basso sviluppo sociale e bassa autoefficacia relazionale), socialmente instabile (alta aderenza alle norme maschili, alto bisogno di desiderabilità sociale e alto bisogno di evitare il giudizio) e socialmente sicuro di sé (bassa aderenza alle norme maschili, basso bisogno di desiderabilità sociale e basso bisogno di evitare il giudizio).

Ulteriori analisi hanno mostrato che i ragazzi avevano maggiori probabilità di trovarsi nel profilo socialmente instabile (rispetto a quelli socialmente sicuri di sé) quando sentivano la pressione a aderire alle norme maschili da tutte e tre le fonti: genitori, coetanei e sé.

I risultati mostrano anche che quelli nel profilo socialmente sicuro di sé avevano più convinzioni prosociali rispetto a quelli nel profilo socialmente precario. I ragazzi nel profilo socialmente evitante avevano il livello più basso di convinzioni prosociali.

“I nostri risultati indicano variazioni nell'adesione dei ragazzi alle norme maschili, alla competenza sociale e alle convinzioni dei ragazzi sul comportamento prosociale nei confronti dei ragazzi. Tuttavia, i nostri risultati suggeriscono che una preponderanza (50%) di ragazzi rientra nel gruppo socialmente instabile in cui aderiscono a copioni più tradizionalmente maschili e hanno un forte desiderio di essere socialmente competenti, popolari ed evitare di apparire socialmente inetti" hanno concluso i ricercatori.

Sono indicazioni ed esiti di ricerca forse non così imprevedibili ma che fanno un certo effetto, essendo supportati da una metodologia scientifica. Sono spunti importanti per chi entra in relazione a livello educativo con gli adolescenti, nei quali è importante sostenere autonomia di pensiero e disposizione pro-sociale, limitando l’assimilazione di luoghi comuni e comportamenti che possono alterare un loro equilibrato sviluppo.


Riferimento bibliografico
Matthew G. Nielson, Diana L. Jenkins, and Ashley M. Fraser.
Too hunky to help: A person-centered approach to masculinity
and prosocial behavior beliefs among adolescent boys.

Journal of Social and Personal Relationships.