Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Perdere un familiare amato è un evento che non è mai facile da superare, ma un nuovo studio suggerisce che la perdita di una nonna, in particolare, può avere forti ripercussioni sui suoi nipoti.

20220728 loss 1

I ricercatori hanno scoperto che fino a sette anni dopo la morte della nonna, i ragazzi adolescenti manifestavano un aumento del 50% dei sintomi della depressione rispetto ai coetanei che non avevano subito questo lutto. Inoltre, questa perdita era anche associata a una maggiore probabilità che anche le madri di ragazzi e ragazze adolescenti diventassero depresse.

I ricercatori del dipartimento di Demografia e analisi dei dati sociali della Penn State, hanno affermato che i risultati suggeriscono che il riconoscimento di queste esperienze come fattore di rischio per la depressione adolescenziale potrebbe aiutare a potenziare gli interventi e prevenire ulteriori eventi dannosi per lo sviluppo dei giovani, come disturbi depressivi più gravi, abbandono scolastico, uso di sostanze stupefacenti e comportamenti devianti, fino all’ingresso nel sistema di giustizia penale.

"Come società, pensiamo che tali perdite siano normali, e in una certa misura lo sono, poiché quasi tutti perdono i nonni durante i primi decenni della loro vita" hanno spiegato gli studiosi. "Tuttavia, solo perché tali esperienze sono comuni non significa che queste perdite non siano fonte di grande tristezza per molte persone e forse un fattore di rischio specifico con pesanti ripercussioni sulla salute in un loro sottogruppo".

Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista SSM – Mental Health.

I ricercatori hanno studiato come il lutto - o la morte di una persona cara - sia aumentato durante la pandemia e come tali perdite influiscono sulla salute delle persone.

Il gruppo di ricerca ha esaminato le ricerche precedenti, notando che pochi studi avevano esplorato cosa succede a coloro che subiscono la morte di un nonno durante la loro adolescenza.

"Questo è stato sorprendente perché tali morti sono il tipo più comune di lutto che gli adolescenti dovranno affrontare e ci sono diverse ragioni che suggeriscono che queste esperienze possono essere particolarmente nocive. Questo potrebbe essere particolarmente vero per coloro che vivono con genitori single, che hanno un reddito più basso o provengono da popolazioni nere e ispaniche dove sono più comuni le coabitazioni o altre forme di interazioni frequenti con i nonni, motivo per cui ci siamo concentrati su questa particolare popolazione."

20220728 loss 4

Il lavoro precedente del gruppo ha stimato che più di quattro milioni di bambini e adolescenti negli Stati Uniti hanno avuto nonni morti di Covid-19, un dato che aumenta in modo notevole questa categoria di lutto, aggiungendosi agli oltre dieci, dodici milioni che in genere perdono i nonni ogni anno.

"Non solo i giovani hanno dovuto affrontare la chiusura delle scuole, l'allontanamento sociale e il successivo isolamento dall'inizio della pandemia, ma milioni di ragazzi stanno anche soffrendo per la perdita di un nonno".

I ricercatori hanno spiegato che siccome così tante famiglie hanno subito queste perdite, loro erano interessati a vedere in particolare se la morte di un nonno ha un impatto particolare su questi giovani come parte della loro più ampia iniziativa di studiare le ramificazioni sociali del lutto.

Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti da quasi cinquemila giovani principalmente a basso reddito e dai loro genitori in diversi momenti di verifica durante l'infanzia e l'adolescenza dei ragazzi. Di questi partecipanti, più di tremila sono stati seguiti dai 9 ai 15 anni, il periodo di tempo esaminato dagli autori in questo studio. I dati includevano informazioni sui sintomi depressivi sia negli adolescenti che nelle loro madri, il sesso degli adolescenti e se durante lo studio avessero subito la morte di un nonno.

Saranno necessarie ulteriori ricerche sul motivo per cui, in particolare, la morte di una nonna ha questo effetto molto negativo, non quanto la morte di un nonno. È possibile che anche la morte di un nonno possa colpire in modo pesante gli adolescenti, ma le conseguenze risultano diverse.

"Non abbiamo ancora esaminato se queste morti possano portare a “esternalizzazioni” come l’interruzione della frequentazione scolastica o comportamenti devianti, ma è possibile che la morte di un nonno possa avere un ruolo più importante in questi esiti. Questo potrebbe essere particolarmente vero per i ragazzi, dal momento che i nonni a volte possono fungere da modelli maschili, specialmente nelle comunità a basso reddito afflitte da alti tassi di incarcerazione e relative difficoltà".

I ricercatori hanno anche rilevato che la socializzazione di genere può spiegare la vulnerabilità particolare dei ragazzi per queste perdite. Anche se le ragazze adolescenti hanno maggiori probabilità di soffrire di depressione, tendono ad avere un maggiore sostegno da parte delle compagne e vengono educate a manifestare la sofferenza in modi più esteriori e visibili, mentre i ragazzi adolescenti possono sentire la pressione di interiorizzare le proprie emozioni per evitare di apparire deboli.

Il lutto e la conseguente sofferenza, in altre parole, dovranno essere ulteriormente indagati per capire quanto incidano sui comportamenti esternalizzanti e devianti in particolare dei maschi, che in questo periodo di particolare difficoltà psicologica per i più giovani devono essere prevenuti con strategie mirate e innovative.


Riferimento bibliografico
Michelle Livings, Emily Smith-Greenaway, Rachel Margolis, Ashton M. Verdery. 
Bereavement & mental health: The generational consequences of a grandparent's death
SSM - Mental Health, 2022