Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Università del Texas mira a ridurre il suicidio tra i giovani adulti LGBTQ, dopo che un’inchiesta del 2018 ha rilevato che il 40% dei giovani adulti LGBTQ nel Texas centrale aveva preso in considerazione propositi suicidari.

20221020 prim 1

"Quando pensiamo a veloci interventi di prevenzione del suicidio, rileviamo che non ce ne sono stati per i giovani adulti LGBTQ+, o per le persone LGBTQ in generale, il che è un po' sorprendente" ha affermato Phillip Schnarrs, uno dei ricercatori principali del progetto.

I ricercatori della Dell Medical School, della Steve Hicks School of Social Work, dell'UT Southwestern e del Texas Health Institute hanno collaborato per il progetto Reach Out and Connect, insieme a partner di cliniche sanitarie e con un gruppo di coinvolgimento per reclutare giovani adulti che partecipassero allo studio.

Schnarrs, un professore associato di salute della popolazione dell'UT, ha affermato che lo scopo del progetto è adattare gli interventi di prevenzione del suicidio esistenti in modo che siano più efficaci per i giovani di età compresa tra i 18 ei 24 anni nella comunità LGBTQ.

Schnarrs ha affermato che i ricercatori hanno completato la prima fase del progetto, che consisteva in conversazioni con giovani adulti LGBTQ, medici e operatori nell’ambito della salute mentale. Il prossimo passo, ha detto Schnarrs, sarà confrontare due interventi che i ricercatori hanno modificato utilizzando ciò che hanno appreso dalle conversazioni testandoli in cliniche con pazienti reclutati per lo studio.

Il professore ha identificato l'esposizione a discriminazioni e maltrattamenti, timori di rifiuto e mancanza di supporto sociale e sentimenti di appartenenza come alcune ragioni alla base dell'alto tasso di suicidi e di pensieri suicidari nei giovani adulti LGBTQ.

La maggior parte delle attività di prevenzione del suicidio si verifica dopo un tentativo di suicidio, ma il progetto Reach Out and Connect è interessato a spostare la prevenzione del suicidio dalla gestione delle crisi alle strutture di assistenza primaria, che includono medici curanti e cliniche per il benessere sessuale.

"Stiamo perdendo così tanti giovani non eterosessuali perché non sanno che le risorse ci sono e non sanno come trovarle" ha detto Eduardo González, amministratore della Kind Clinic di South Austin, una clinica per il benessere sessuale e un sito di reclutamento per il progetto Reach Out and Connect.

20221020 prim 1a

Esponenti rappresentativi della comunità LGBT che hanno vissuto l’esperienza dell’ideazione suicidaria, hanno affermato che un intervento con il loro medico di base, in cui avrebbero potuto ricevere strumenti e consigli concreti prima del loro tentativo di suicidio l'anno scorso, avrebbe fatto una differenza significativa.

"Se fossi stato in grado di avere conversazioni più aperte e empatiche, confronti più approfonditi con il mio medico, non sarei arrivato a quel livello di crisi, perché quel momento è stato un accumulo di tensioni".

I responsabili della ricerca hanno discusso gli ostacoli che i giovani adulti LGBTQ devono affrontare nell'assistenza sanitaria, tra cui discriminazione, perdita di autonomia e uso improprio di pronomi e nomi.

Hanno anche discusso di come gli operatori sanitari possono destigmatizzare le conversazioni sul suicidio in modo che i medici di base possano intervenire prima che un paziente precipiti in una condizione di crisi.

"Spero che ciò che esce da questo progetto sia uno standard molto più concreto di cura, un modo per affrontare il pensiero di suicidio nei giovani che non li faccia sentire ancora più alienati o ritraumatizzati dall'esperienza".

Il progetto non ha solo lo scopo di identificare l'intervento di prevenzione suicidaria più efficace, ha affermato Schnarrs, ma anche di implementarlo concretamente nelle cliniche sanitarie partner.

"Abbiamo una reale opportunità di aumentare rapidamente questi interventi in tutto il Texas", ha affermato Schnarrs. “Ciò avrà un impatto diretto sulla salute mentale dei giovani LGBTQ”.

Un obiettivo e una progettualità che dovrebbero essere raccolte anche nel nostro paese, considerando le sofferenze mentali che spesso vivono gli appartenenti alla comunità LGBT, che devono affrontare in tante situazioni il peso della discriminazione e dell’aggressività sociale.