Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Mentre molti genitori, operatori sanitari, psicologi, sono preoccupati e mettono in guardia dai rischi dell’online. Una nuova ricerca, in controtendenza, mette a confronto l'autostima e le attività sociali degli adolescenti senza o con uno scarso accesso a Internet da casa, con quella degli adolescenti che sono abituali utilizzatori della connessione virtuale.

20221121 rural 4

Lo studio ha inoltre preso in considerazione gli adolescenti con genitori che controllano o limitano strettamente il loro utilizzo dei dispositivi elettronici, arrivando alla conclusione di non preoccuparsi del tempo trascorso davanti allo schermo.

Keith Hampton, professore al Dipartimento di Media e Informazione della Michigan University, sostiene che bisogna preoccuparsi degli adolescenti che sono disconnessi perché hanno un accesso limitato a Internet.

"Gli adolescenti che sono disconnessi dalle tecnologie odierne sono più isolati dai loro coetanei, il che può portare a problemi. Molti giovani stanno incontrando pesanti problemi di salute mentale. Nel periodo della vita in cui gli adolescenti sono spesso alle prese con problemi di autostima legati all'immagine corporea, ai coetanei, alla famiglia e alla scuola, la disconnessione è una minaccia molto più grande del tempo trascorso davanti allo schermo.

I social media e i videogiochi sono profondamente integrati in cultura giovanile e fanno molto di più che intrattenere. Aiutano i ragazzi a socializzare, contribuiscono alla formazione dell'identità e forniscono un canale per il supporto sociale".

Hampton e i suoi colleghi studiano la disconnessione. Per la maggior parte degli adolescenti, l'accesso a Internet fa parte della vita quotidiana. Questi adolescenti sperimentano la disconnessione solo quando scelgono di limitare l'uso dei dispositivi o quando i genitori intervengono per controllare il tempo che trascorrono online.

Tuttavia, una gran parte di adolescenti, che vive principalmente nell'America rurale, è disconnessa per una ragione molto diversa. Vivono in famiglie dove c'è un'infrastruttura estremamente debole per la connettività a banda larga. Questi adolescenti spesso non hanno accesso a Internet al di fuori della scuola, un accesso molto lento a casa o una copertura dati irregolare, quando utilizzano uno smartphone.

"Gli adolescenti delle aree rurali sono l'ultimo gruppo di controllo naturale rimasto se vogliamo informazioni sulla salute mentale degli adolescenti che non hanno altra scelta che essere disconnessi dai video" spiega Hampton.

In uno studio su un’indagine condotta su 3.258 adolescenti delle aree rurali, il gruppo di ricercatori ha confrontato l'autostima e le attività sociali di adolescenti senza o con scarso accesso a Internet da casa con adolescenti che sono utenti molto coinvolti dall’interazione online e adolescenti con genitori che controllano o limitano strettamente l'uso dello schermo.

Hanno riscontrato che il più grande predittore di avere una bassa autostima era, semplicemente, essere una ragazza. Ciò non sorprende, poiché il pesante carico dell'adolescenza sulle ragazze è stato studiato a fondo.

Il secondo fattore determinante dell'autostima, per ragazze e ragazzi, erano i voti scarsi a scuola.

20221121 rural 4a

Gli adolescenti che avevano uno scarso accesso a Internet da casa e gli adolescenti che avevano genitori che esercitavano il maggior controllo sull'uso dei media, avevano anche un'autostima sostanzialmente inferiore, sebbene solo circa la metà della minore autostima sperimentata da una ragazza in genere o da quelle con basso rendimento scolastico.

La quantità di tempo che gli adolescenti trascorrono sugli schermi, sia che si tratti di guardare video, giocare o utilizzare i social media, non ha avuto un ruolo importante nell'autostima degli adolescenti. Anche gli adolescenti che erano utenti "eccessivi" dei dispositivi elettronici hanno riportato una maggiore autostima rispetto a quelli che erano disconnessi perché avevano uno scarso accesso a Internet o i loro genitori esercitavano molto controllo sul loro tempo online.

Come mai? Perché i media sono profondamente integrati nella cultura giovanile, osservano i ricercatori.

"L'isolamento non deriva dall'essere online, deriva dall'essere disconnessi da quelle fonti di intrattenimento e socializzazione che permeano la vita degli adolescenti di oggi. Per la maggior parte degli adolescenti, si tratta di social media, videogiochi e condivisione dei video che guardano online. Spesso è il modo in cui gli adolescenti ottengono le loro informazioni, comunicano e condividono esperienze".

Ciò non significa che gli adolescenti non passino il tempo a socializzare di persona. Gli adolescenti che trascorrono più tempo a utilizzare i social media e a guardare video trascorrono anche più tempo a socializzare nella vita reale. Hampton ha scoperto che ogni ora trascorsa sui social media era accompagnata da 21 minuti trascorsi con gli amici. Gli utenti "eccessivi" dei dispositivi trascorrevano più tempo con la famiglia e gli amici.

"Perpetuare il mito che gli adolescenti che trascorrono più tempo sui loro dispositivi trascorrono meno tempo con amici e familiari e che il tempo 'eccessivo' online stia danneggiando la salute mentale della maggior parte degli adolescenti, fa più male che bene" ha affermato il professor Hampton.

"Quando i genitori esercitano troppo controllo sul tempo che i loro figli trascorrono sugli schermi, tagliano fuori i ragazzi dalla relazione con i coetanei e dal supporto sociale che protegge la salute mentale. Sebbene questa rilevazione sia stata condotta prima della pandemia, questo lavoro non può che sottolineare il terribile svantaggio sperimentato dagli adolescenti delle aree rurali che sono stati disconnessi durante la pandemia e l'urgente necessità di colmare le lacune nelle infrastrutture rurali a banda larga".

Hampton ha affermato che ciò non implica che le piattaforme di social media siano di per sé benigne. Esistono rischi reali per la salute mentale derivanti dal bullismo online e dagli algoritmi che concentrano gli adolescenti su contenuti che possono essere dannosi. E alcuni adolescenti sono più suscettibili ai danni di altri.

Tuttavia, questa ricerca mostra che quando i genitori hanno conversazioni con i loro figli sui rischi dell'uso dei media, si concentrano sull'aiutare gli adolescenti a sviluppare abilità multimediali critiche e danno agli adolescenti una maggiore autonomia sull'uso dei media, gli adolescenti riportano di conseguenza una maggiore autostima.

"Consiglio ai genitori di non concentrarsi su quanto tempo i figli trascorrono sugli schermi, ma di interessarsi a ciò che i ragazzi fanno online e di trascorrere del tempo insieme" conclude il professor Hampton.


Riferimento bibliografico
Keith N. Hampton, Inyoung Shin.
Disconnection More Problematic for Adolescent Self-Esteem than Heavy Social Media Use:
Evidence from Access Inequalities and Restrictive Media Parenting in Rural America.

Social Science Computer Review, 2022.
Ubiminor