Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Sono all’ordine del giorno anche nel nostro paese episodi di violenza, offesa, umiliazione a danni degli insegnanti, da parte di alunni e a volte anche di loro familiari.

20231130 teach 5

Per la prima volta, gli insegnanti in uno studio nazionale hanno spiegato ai ricercatori quali strategie secondo loro funzionano meglio per affrontare la violenza degli studenti contro di loro.

Gli insegnanti ritengono che la sospensione o l’espulsione degli studenti sia il modo meno efficace per affrontare la violenza, nonostante la popolarità delle politiche di “tolleranza zero” in molti distretti scolastici.

Al contrario, gli insegnanti hanno valutato le politiche e le attività di prevenzione, come la consulenza per gli studenti in difficoltà e il miglioramento del clima scolastico, che sarebbero la migliore strategia per affrontare la violenza.

"Gli insegnanti sono gli esperti sul campo, e i nostri risultati mostrano che credono che le strategie di prevenzione siano quelle che funzionano davvero meglio nelle scuole, molto più che escludere i ragazzi che si mettono nei guai" ha affermato Andrew Perry, autore principale dello studio, uno studioso post-dottorato presso il Dipartimento di studi educativi presso la Ohio State University.

Lo studio è stato pubblicato recentemente sulla rivista School Psychology.

I risultati hanno mostrato che l’uso da parte delle scuole di pratiche disciplinari di esclusione – come l’espulsione o la sospensione degli studenti – era collegato a una maggiore probabilità che gli insegnanti denunciassero violenze contro di loro. Questo includeva attacchi e minacce verbali e violenza fisica e sui beni di loro proprietà.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che sospendere o espellere gli studenti li rende ancora più arrabbiati e porta a maggiore violenza, ha affermato il coautore dello studio Eric Anderman, professore di psicologia dell’educazione presso l’Ohio State.

"Allontanare lo studente non rende la scuola più sicura nel lungo termine" spiega lo studioso. "E certamente non affronta il problema di fondo di ciò che ha causato, in primo luogo, il comportamento violento”.

I dati per lo studio provengono da un’indagine web, condotta nel 2020-21, su 4.471 insegnanti dalla scuola materna alla fine delle superiori di tutto il territorio americano.

Gli insegnanti hanno riferito se la loro scuola utilizzava 21 misure di sicurezza comuni. Queste misure rientrano in quattro categorie. Insieme alla disciplina di esclusione e alle misure di prevenzione, le altre due categorie erano l’inasprimento delle regole e del controllo scolastico (come l’uso di metal detector e telecamere di sicurezza) e l’intervento in caso di crisi (come l’uso della contenzione fisica durante gli episodi violenti).

Gli insegnanti hanno anche valutato l'efficacia della loro scuola nell'utilizzare le 21 misure di sicurezza.

Infine, i partecipanti hanno valutato la frequenza con cui hanno subito 13 diversi tipi di violenza da parte degli studenti nell’ultimo anno.

I risultati hanno mostrato che oltre il 95% degli insegnanti ha riferito che le proprie scuole hanno utilizzato tutte e quattro le categorie di misure scolastiche per affrontare la violenza.

Gli insegnanti hanno valutato la prevenzione come la strategia più efficace per affrontare la violenza. L’intervento in caso di crisi è stato classificato al secondo posto, l’inasprimento scolastico al terzo e le pratiche di esclusione sono state valutate come meno efficaci.

20231130 teach 1

In generale, più gli insegnanti ritengono che le strategie siano efficaci per affrontare la violenza, meno violenza denunciano contro loro stessi, hanno detto i ricercatori.

Come accennato sopra, l’uso di pratiche di esclusione è stato associato a maggiori segnalazioni di violenza contro gli insegnanti. L'uso di pratiche di prevenzione e di rafforzamento scolastico non ha avuto alcuna associazione con le denunce di violenza da parte degli insegnanti. Il ricorso all’intervento di crisi è stato associato a una probabilità relativamente più elevata di violenza.

Nel complesso i risultati mostrano che le esperienze degli insegnanti concordano con ricerche precedenti che dimostravano che sospendere ed espellere gli studenti non aiuta a rendere le scuole più sicure, ha affermato Anderman.

Ciò è preoccupante perché, in alcune elezioni dei consigli scolastici locali, i candidati hanno adottato strategie di tolleranza zero che renderebbero le politiche di esclusione ancora più radicate.

"Ci sono alcune persone che pensano che la risposta alla violenza scolastica sia allontanare i ragazzi indisciplinati dalla scuola, ma i nostri dati mostrano che gli insegnanti non pensano che funzioni. Altre ricerche supportano questa convinzione".

Ciò che sembra funzionare sono le politiche di prevenzione. Offrire consulenza e supporto agli studenti invece di tenerli fuori dalla scuola è una di queste misure. Un altro è migliorare il clima scolastico in modo che insegnanti, studenti e amministratori scolastici lavorino insieme per rendere la scuola un luogo dove tutti vogliono essere.

"Si tratta di approcci proattivi che le scuole possono utilizzare per cercare di ridurre e prevenire eventi violenti prima che si verifichino".

I ricercatori credono che insegnare abilità socio-emotive a scuola – come l’autoconsapevolezza, l’autocontrollo e le capacità di relazione interpersonale – può essere una parte importante della prevenzione della violenza, anche se alcuni critici vogliono che le scuole si concentrino solo su “lettura, scrittura e matematica”.

Questo approccio preventivo è simile a quello utilizzato dai funzionari della sanità pubblica per prevenire malattie e problemi di salute cronici.

"Gli esperti di sanità pubblica sanno che è più facile e meno costoso pagare per un test in grado di identificare precocemente un problema di salute piuttosto che pagare per un trattamento in un secondo momento. Le scuole possono trarne una lezione per prevenire la violenza".


Riferimento bibliografico

Andrew H. Perry, Andrew Martinez, Linda A. Reddy et alii.
Addressing violence against educators: What do teachers say works?
School Psychology, 2023.