Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

violenza

  • "Ingiustizia" minorile in Austria?

    Dopo una serie di stupri e di suicidi tra i giovani autori di reati in carcere, l'Austria sta rivedendo il proprio sistema di detenzione minorile. Il ministro della Giustizia ha definito lo stupro "un caso isolato", ma da tempo sta cercando di risolvere il problema.

    Tintinnare di chiavi. Un blocco di metallo scivola in posizione di chiusura mentre un agente di custodia controlla le celle per la notte. È un suono che il ventunenne Ricardo conosce bene. Quattro anni fa, quando era ancora adolescente, fu rinchiuso per sei mesi dopo essere stato giudicato colpevole di lesioni a terzi in una rissa. Ci fornisce una visione dall’interno di quel sistema carcerario che molti temono stia mancando i suoi obiettivi di recupero con i giovani autori di reato.

    20131115 austria4

  • “Non deve essere male nascere mosca”. Henri Chinaski e Nick Adams: sinossi di due iniziazioni

    Indagare con uno sguardo pedagogico i percorsi di crescita e di iniziazione maschile [1] al mondo adulto nella letteratura del Novecento sembrerebbe portare fatalmente e scontatamente a un percorso che attraverso Salinger e Conrad rilegga il grande romanzo di formazione e ne confermi le straordinarie categorie estetiche ed educative. Ci sia consentito invece scegliere una strada laterale, indagando pedagogicamente un paio di altri contributi letterari a un discorso sulla crescita e sull’iniziazione all’età , contributi che ci porteranno ad esiti più inquieti e per certi versi meno scontati.

    20131125 iniz1

  • Adolescenti e Cyberbullismo. Connessi alle Rete, sconnessi dalle emozioni.

    Tecnicamente definiamo Cyberbullismo l’insieme di atti di molestia, da parte di un individuo o di un gruppo, effettuati tramite mezzi elettronici ( email, blog, social network, chat, telefono cellulare etc) compiuti con l’intenzione di danneggiare l’altro.

     20150427 cyberbullismo 2

  • Appunti laicamente spirituali al teorema di Arguello

    Un commento alle affermazioni sul femminicidio del leader neocatecumenale alla manifestazione convocata a Roma il 20 giugno scorso “contro la teoria del gender”.

    Vive di presupposti ben singolari la frase di Arguello, leader neocatecumentale, sul femminicidio, pronunciata a Roma sabato 20 giugno durante una manifestazione contro la cosiddetta “teoria del gender”. Per chi ha a che fare con la violenza di genere quotidianamente, come avviene (anche) alla Fondazione emiliano romagnola per le vittime dei reati così spesso chiamata ad intervenire dopo maltrattamenti o femminicidi, o in qualsiasi tribunale per i minorenni, è difficile tacere.

     20150625 intervento elena 2

  • Cocaina

    Cocaina

    nel portale Non ci sto dentro

     20160217 cocaina

  • Come adolescenza e ambiente possono svolgere un ruolo nel crimine violento

    Intervenire precocemente, iniziando con la famiglia. Coinvolgere educatori e professori.
    Sono questi alcuni dei suggerimenti dati da chi si occupa di scienza sociale, da medici, psicologi e professionisti di tematiche educative e pedagogiche, i quali sostengono che la prevenzione potrebbe essere una chiave per ridurre il crimine violento, che è in aumento nella maggior parte delle metropoli.

    20170612 ambiente 2a

  • Con voce bambina

    Non lo so cosa vedevo ma ricordo la paura.
    La ricordo così bene.

    Oggi vai al cinema con papà.
    L'ha detto mamma e per me è una sventura.
    Sola con papà, io? Perché, che cosa ho fatto di male?
    Che mi succederà?

    Presentiamo "Con voce bambina", un libro in cui si sente la voce di una bambina – ormai donna, con lo pseudonimo di Elena Dì – cresciuta nella paura di un padre violento. Un testo toccante, che espone le ferite non rimarginabili di chi è cresciuto nella minaccia della violenza.

    20131203 con voce bambina

  • Di Quanta Verità Abbiamo Bisogno?

    Non è la storia di uno solo, questa è la storia di tanti bambini e adolescenti che hanno trovato nel loro percorso di crescita adulti con gravi difficoltà e per questo anche pregiudizievoli e dannosi. Cerchiamo la verità, tutta la verità che possa pacificare il cuore di chi ascolta, di chi, è depositario dei racconti dei bambini. Ma di quanta verità abbiamo bisogno?

    20150526 verità

  • Distruggere la Fortezza da(l) Basso (dei semplicismi): note a margine del caso fiorentino di assoluzione dal reato di violenza sessuale di gruppo.

    Il pericolo più grande è non farsi alcuna domanda, non essere critici e ragionare solo e soltanto per semplificazioni e luoghi comuni. Questi temi non possono e non devono essere racchiusi dentro sterili semplicismi che non rendono giustizia al valore ed allo spessore umano di chiunque, vittima o autore di reato. I pensieri difficili, quelli complessi e anche un po’ nascosti, sono ciò che andrebbe sempre ricercato. La semplicità non racchiude la verità, ammesso che questa esista.

    20150730 cardilli firenze

  • Dopo la notte

    I ragazzi che ospitiamo nei nostri servizi residenziali spesso si muovono come animali selvatici, vigili e in perenne allarme, attenti a difendere il proprio territorio e a non invadere quello altrui, in una apparente convivenza pacifica, col colpo in canna sempre pronto.

    20170404 notte 5a

  • Dopo la notte - parte seconda

    Questo, Luca, non lo dovevi fare...
    E il bello è che anche Mattia la pensa così.
    Prima mi manda un sms per sapere se anch’io ci sarò all’incontro fissato con il suo assistente sociale. Non gli rispondo perché so già dove vuole arrivare: se ci sono io lui non viene. Quando si presenta, la visiera del cappellino che gli nasconde metà faccia ancora livida per i pugni, il volto che guarda per terra, la voce spezzata dalla recente paura, gli occhi feriti che a malapena riescono a guardarmi.

    20170404 notte 3a

  • Filastrocca che stringe alla gola

    Nicola, un bimbo di 6 anni. Entra in un negozio di abbigliamento insieme all’affidataria e si mette a tremare davanti a un mazzo di cinture appese.
    Ne indica una borchiata: “Pensa se papà mi picchiava con quella”.
    Questa filastrocca è per lui, ed è stata scritta canticchiando. Forse per quietare la paura la rabbia che non lo hanno mai lasciato in pace, neppure dopo.

    Laccio, cintola, cinghia,
    m’hanno chiuso il cuore dentro una conchiglia.

    20150909 filastrocca gola 1 

  • Filastrocca dei 13 anni

    Io, sono stata
    quella che ha fatto 
    la telefonata.

    20151006 filastrocca 13 anni 2

  • Filastrocca dei perché

    La ragazzina è in affido da diversi anni dopo un allontanamento in età prescolare per maltrattamenti raccapriccianti che le hanno procurato, tra l’altro, 80 giorni di prognosi e per i quali entrambi i genitori naturali sono stati condannati a pene severe e decaduti dall’esercizio della responsabilità genitoriale.

    Sono i miei affidatari,
    così dice la legge. 
    Io li chiamo genitori, 
    sono chi mi protegge.

    20150916 filastrocca perché 2

  • Filastrocca del democratico

    Mia moglie è libera 
    fa ciò che vuole 
    purché lo faccia
    senza rumore.

    20150617 filastrocca padre 2 

  • Filastrocca del giudice dei genitori

    Quel giudice dei minori
    difendeva i genitori
    e per i bimbi veri eran dolori.

    filastrocca giudice

  • Filastrocca dell’occhio nero della mamma. Filastrocca del giudice bizzarro

    Filastrocca dell’occhio nero della mamma 

    La mia mamma ha un occhio nero.
    Non lo so se è proprio vero,
    lei m’ha detto questa volta
    che ha sbattuto nella porta.

    20141021 violenza donne

  • Filastrocca dell’offesa

    Affido alle filastrocche tante voci, in una piena ho messo in scena la mia.
    “E se hai qualcosa da dire tu dillo adesso, non aspettare che ci sia un momento più conveniente per parlare…” (Niccolò Fabi)

    Mi offende
    chi non comprende

    chi tratta un bambino
    come un cretino

    chi nega l’abuso
    ed è colluso

    20170720 offesa 1

  • Filastrocca della cattiva coscienza

    La filastrocca è scaturita dalla storia di ragazze costrette alla prostituzione dai propri genitori. 

    Immerse nel Dixan

    le mamme maman

    e il marito pappone

    20150119 coscienza2

  • Filastrocca della competenza minorile

    Dedicata allo schema di legge delega approvato il 29.08.14 [1]

    Sarà pure normale 
    ma io non mi rassegno
    che una giustizia un po' speciale 
    cambi per il disegno
    di chi, del minore
    non sa nemmeno l’odore.  

    GIG 3

Iscriviti alla newsletter