Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

violenza

  • Filastrocca dell’urgenza

    È un crescendo di violenza, di disumanità. Solo per stare agli ultimi, a Verona il tentativo di bruciare la casa di una coppia gay e loro stessi, in Toscana la morte di un bimbo di un anno per mano del padre (voleva sterminare tutta la famiglia), in troppi luoghi continue aggressioni a persone straniere, anche bambini o ragazzi. Mi sembra urgente…

    Mi sembra urgente un luogo aperto, una piazza
    forse una chiesa aperta ad ogni razza

    20180917 urgenza

  • Filastrocca della cattiva coscienza

    La filastrocca è scaturita dalla storia di ragazze costrette alla prostituzione dai propri genitori. 

    Immerse nel Dixan

    le mamme maman

    e il marito pappone

    20150119 coscienza2

  • Filastrocca della competenza minorile

    Dedicata allo schema di legge delega approvato il 29.08.14 [1]

    Sarà pure normale 
    ma io non mi rassegno
    che una giustizia un po' speciale 
    cambi per il disegno
    di chi, del minore
    non sa nemmeno l’odore.  

    GIG 3

  • Filastrocca della costola rotta

    Quando bruciano i maltrattamenti i ragazzi lo chiedono: portami dovunque ma non farmi tornare a casa. Dopo qualche mese di allontanamento si pongono i problemi veri, i conflitti interni, i sensi di colpa. Meglio ritornare nella violenza, sentendosi parte di una famiglia, o restarsene fuori, con un buon prezzo di solitudine?

    20160126 filastrocca costola rotta 4

  • Filastrocca della mamma bambina

    Tre anni fa voleva studiare da cuoca e vivere come le sue compagne italiane. Oggi ha una faccia rom, abiti rom, polvere rom, e 7 mesi di gravidanza per un secondo cugino violento con lei fino all’ultimo giorno della loro relazione. Riflettendo davanti al giudice su questa trasformazione ammette: "Lo so, il mio progetto era fare la cuoca e vivere in una casa, ma è troppo difficile per una come me essere quella che volevo diventare. Non ci puoi riuscire quando fai questa vita qui, con queste persone qui. Devo capire che questo è il mio destino". 

    GIG 3

  • Filastrocca della mamma che non vuole stare senza

    Il papà le dà le botte
    Lei lo cerca giorno e notte 

    20150318 filastrocca stare senza

  • Filastrocca della mamma in gabbia

    A 13 anni m'han fidanzata
    perché il futuro fosse gentile.
    Così l'infanzia è terminata,
    finiti i giochi giù, nel cortile.

    20150630 filastrocca mamma giovane 

  • Filastrocca della rivoluzione

    Mi ha aiutata mio figlio Antonio 
    a rompere il matrimonio 
    e la piccola Maria
    che ha chiamato la polizia 

    20161017 rivoluzione 3a

  • Filastrocca delle infinite doglie

    Sento ancora le doglie
    e son più di dieci anni 
    perché essendo sua moglie 
    sono tanti gli affanni. 

    20150505filastrocca doglie

  • Filastrocca di un assassino

    Io l'importante l'ho individuato,

    è che mio figlio sia un bimbo educato.

    20150203 filastrocca assassino

  • Filastrocca di un marito afflitto

    Mi sento afflitto.
    Come, paghi l’affitto
    e non mi paghi il vino?
    Ah, me tapino!

    20151006 filastrocca marito1

  • Filastrocca sulla forza dell’amore di una ragazzina albanese

    (con l’amichevole partecipazione di Enzo Jannacci)

    Arrivo sul più bello
    Lui punta il suo coltello
    Alla gola della mamma
    Questa volta l’ammazza

    e ho tanta paura
    e ho tanto paura
    e ho tanto paura
    e ho tanto paura

     20151020 filastrocca albanese a

  • Filastrocca tra due poli

    Caschetto d’oro, 12 anni: “È vero, dopo che vado da papà torno dalla mamma e le dico cose bruttissime. Non so neanch’io perché lo faccio. Scatta qualcosa dentro la mia testa, non riesco proprio a controllarmi”. Poi: “…sì, in effetti… sono le stesse cose che dice papà quando litiga con mamma…”.

    20160215 filastrocca poli 2

  • Filastrocca un po’ meccanica di un bambino ipercinetico

    So-noi-per-ci-ne-ti-co
    ean-cheun-po'-bi-sbe-ti-co. 
    Di-co-con-ri-te-gno-che 
    stu-dio-col-so-ste-gno. 

    20150512 ipercinetico3

  • Filastrocche dei bambini contesi 

    1.

    Ho sfoderato un sorriso 
    e se lo sono diviso.
    Ho teso a entrambi una mano.
    Mamma a papà: Sta' lontano.

    GIG 1

  • Giovani devianti spesso vittime di violenza domestica

    Un progetto innovativo che lavora con alcuni dei giovani autori di reato scozzesi a più alto rischio, ha rivelato che la maggior parte di loro sono cresciuti assistendo o subendo un trauma significativo all’interno del loro contesto familiare, e che i tre quarti di loro hanno avuto almeno un’esperienza di violenza consumata all'interno delle mura di casa.

    20180313 devianza 1

  • Giovani e violenza

    Forse una delle verità più politicamente impopolari riguardo alla violenza è che sono i giovani il gruppo sociale che di fatto risulta più vulnerabile e vittima di violenze - non le persone anziane o i bambini. Stime globali della Organizzazione Mondiale della Sanità dicono che, ogni anno, 200.000 giovani di età compresa tra i 10 e i 29 vengono uccisi, e la maggioranza di loro sono maschi.

    20171031 prevenzione violenza 2

  • Gli incontri affettivi tra adolescenti prendono spesso una piega violenta

    Gli incontri sentimentali, gli appuntamenti finalizzati a trovare un partner (il cosiddetto “dating”), tra gli adolescenti prendono spesso una svolta violenta. Accade per un giovane su sei. Ragazzi di entrambi i sessi dichiarano di essere state vittime o responsabili di atti violenti come pugni, tirate di capelli, spintoni e lancio di oggetti, in occasione di incontri che avrebbero dovuto avere ben altri esiti.

    20140723 dating3

  • I minori davanti al giudice: raccontare la violenza familiare o negarla?

    Pubblichiamo un estratto dell'intervento di Elena Buccoliero nel quaderno "Riconoscere la violenza o negarla" (maggio 2014). ll quaderno raccoglie gli atti di un ciclo di incontri proposto dalla Scuola della Nonviolenza. Scopo del percorso era mettere a fuoco i meccanismi di negazione della violenza maschile nelle relazioni d’intimità, meccanismi presenti in tutti gli attori coinvolti: gli uomini maltrattanti per giustificare i loro comportamenti, le donne maltrattate per rimanere nella relazione nonostante tutto, i figli per giustificare i genitori e infine questi ultimi, per non intaccare la propria immagine di “bravo papà” e “brava mamma”.  L’iniziativa era inserita nell’ambito del progetto “Violenza di genere e rete locale” coordinato dal Comune di Ferrara, partecipato da Centro Donna Giustizia, Centro di ascolto uomini maltrattanti e Movimento Nonviolento, e realizzato con il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità. 

    20140603 interv buccol 4

  • I minori davanti al giudice: raccontare la violenza familiare o negarla? - Parte seconda

    Quali sono le risorse dei bambini?

    Prima di tutto il desiderio di crescere, l’apertura al futuro. L’investimento nello studio nonostante tutto, l’avvio di relazioni importanti con coetanei o adulti dentro e fuori dalla famiglia o dai servizi, l’espressione artistica, la capacità di credere o costruire un proprio mondo interiore sono espressione di questa meravigliosa energia.

     20140603 interv buccol 5

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Link amici

Area riservata