Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

La violenza giovanile è pervasiva e ha gravi conseguenze sullo sviluppo degli adolescenti, con conseguenze di lungo periodo sul loro equilibrio e sulle possibilità di una loro positiva integrazione sociale.

20180903 futuro 2

Sulla base di un recente sondaggio dei “Centri per il controllo e la prevenzione del disagio” dal primo al quarto anno delle superiori negli Stati Uniti, un giovane su sei dichiara di avere avuto per le mani un’arma negli ultimi 30 giorni e uno su quattro riferisce di essere stato coinvolto in una rissa o in uno scontro fisico nell'ultimo anno.

Ogni anno, oltre 200.000 giovani cercano assistenza al pronto soccorso negli Stati Uniti per lesioni da aggressione . Gli adolescenti maschi che vivono in ambienti urbani in condizioni di disagio, sopportano il più alto carico di esposizione alla violenza.

Come medico e ricercatore di medicina adolescenziale, spiega Alison Culyba dell’Università di Pittsburgh, studio come si possano proteggere gli adolescenti dalla violenza. La maggior parte delle ricerche si è concentrata sui fattori che aumentano i rischi di violenza, ma sappiamo molto meno sui fattori che proteggono e allontanano gli adolescenti dalla violenza.

Secondo una nuova ricerca, che la dottoressa Culyba e i suoi colleghi hanno pubblicato su JAMA Pediatrics, avere una visione positiva del futuro potrebbe proteggere gli adolescenti maschi dalla perpetrazione della violenza.


Orientamento al futuro e violenza

Un orientamento positivo per il futuro significa avere grandi speranze e progetti da realizzare. Questo può includere una vasta gamma di idee, come avere ambizioni universitarie, perseguire una carriera in un preciso ambito professionale, eccellere in attività extrascolastiche o impegnarsi per migliorare la propria comunità.

Studi realizzati in passato avevano già collegato un orientamento positivo al futuro a molti importanti esiti di successo, tra i quali ottenere buoni a risultati a scuola, evitare il consumo di sostanze illecite ed essere meno propensi a intraprendere comportamenti sessuali a rischio. Questo ha motivato la nostra squadra di ricerca, dice la studiosa, a chiedersi: "Una visione positiva del futuro può proteggere gli adolescenti dalla violenza?"

Per studiare i legami tra orientamento al futuro e violenza, abbiamo intervistato 866 ragazzi maschi di età compresa tra i 13 e i 19 anni, spiega la dottoressa Culyba, in quartieri proveri di risorse a Pittsburgh. Tutti gli adolescenti facevano parte di un gruppo scelto per realizzare uno studio di prevenzione della violenza sessuale a livello locale.

Abbiamo fatto loro una serie di domande prima di avviare il programma di intervento sulle loro aspirazioni e sui loro obiettivi, nonché sul loro grado di coinvolgimento in comportamenti violenti. Le risposte degli adolescenti sono state, ad esempio: "Ho fiducia nel fatto che il mio futuro andrà per il meglio" o "È importante per me raggiungere i miei obiettivi".

Negli ultimi nove mesi due terzi di loro, pari al 66% del campione, avevano avuto uno scontro o un combattimento. Più di un quarto, pari al 29%, avevano minacciato qualcuno con un'arma e uno su sette, cioé il 15%, aveva ferito qualcuno con un'arma.

Poco più della metà, il 58%, degli adolescenti nello studio aveva un orientamento al futuro positivo, rilevato in base alle risposte date a sette voci dell'indagine. In relazione ad affermazioni come: "La mia vita farà una differenza positiva nel mondo", hanno indicato: "proprio come la mia " o "esattamente come farò io".

Abbiamo scoperto che i giovani con un orientamento positivo futuro erano significativamente meno propensi a segnalare di aver minacciato o ferito qualcuno con un'arma negli ultimi nove mesi, o di aver subito ferite da altri.

20180903 futuro 6


Cosa indicano i risultati?

L'orientamento futuro può aiutare a proteggere gli adolescenti maschi che vivono in quartieri degradati o poveri di risorse, dalla violenza. Molti programmi eccellenti, come quello delle "Youth Empowerment Solutions", stanno già lavorando con i giovani nelle comunità con minori risorse per ridurre la violenza.

Espandere i programmi che promuovono un orientamento positivo al futuro può essere una parte importante degli interventi di prevenzione della violenza giovanile.

È importante cercare di capire e definire come possiamo aiutare i giovani a sviluppare un orientamento positivo verso quello che possono realizzare e fornire loro le competenze e le opportunità per raggiungere i loro obiettivi di vita.

I membri della famiglia, educatori e insegnanti svolgono un ruolo chiave nel supportare orientamento positivo al futuro e nell’azione di contrasto e riduzione del coinvolgimento dei ragazzi nella violenza.

Un approccio di sanità pubblica alla prevenzione della violenza giovanile richiede investimenti ponderati e continuativi nelle comunità e interventi a livello locale che riconoscano e sostengano i punti di forza esistenti. Investire nelle infrastrutture della comunità, costruire spazi sicuri dove i ragazzi possano trascorrere del tempo insieme e creare opportunità di carriera e crescita vanno di pari passo con la promozione di un orientamento al futuro.

Credo che le nostre scoperte, conclude la professoressa Culyba, insieme al lavoro di altri ricercatori e professionisti, dimostrino che è essenziale combinare interventi che rafforzino l'orientamento al futuro con opportunità significative per i giovani di impegnarsi nelle loro comunità e raggiungere gli obiettivi che hanno messo a fuoco. In tal modo, possiamo fornire a tutti i ragazzi l'opportunità di crescere bene e di avviarsi con possibilità di successo verso la strada che hanno scelto.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca