Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Gli uomini commettono la maggior parte degli omicidi. Gli esperti, i politici e i media si spendono molto per spiegare, di volta in volta, le tragedie che si verificano, chiedendosi se siano dovute a malattia mentale, alla scarsa efficacia delle attività di prevenzione e di contrasto del disagio sociale o alla facile disponibilità di armi da fuoco. Tutte queste possibili spiegazioni ruotano intorno a domande più grandi e centrali: perché c'è sempre un uomo dietro queste sparatorie? E perché è quasi sempre un giovane uomo?

20180731 armi 5

Recenti studi effettuati negli Stati Uniti espongono a riguardo delle cifre molto significative. Gli uomini commettono oltre l'85% degli omicidi, il 91% degli omicidi che avvengono tra persone dello stesso sesso e il 97% di tutti gli omicidi dello stesso sesso in cui la vittima e l’assassino non hanno legami tra loro.

Queste statistiche allarmanti vengono confermate anche dalle ultime notizie relative a fatti di cronaca e stragi.

Perché dunque dietro un'arma da fuoco c'è sempre un machio, e quasi sempre giovane?

La psicologia evolutiva sembra in grado di fornire alcune possibili risposte.

La virilità precaria

Gli psicologi Joseph Vandello e Jennifer Bosson hanno coniato il termine " virilità precaria " per descrivere un dilemma che solo gli uomini sembrano dover affrontare.

In poche parole, sostengono che "virilità" – in qualunque modo la cultura individuale di un maschio possa essere definita - è uno stato che deve essere di continuo conquistato. E l’autostima di ognuno è legata al fatto di essere percepito come un "vero uomo".

È precaria perché può essere facilmente persa - soprattutto se l'uomo non riesce a misurarsi con le sfide implacabili che la vita getta di continuo su di lui, siano esse prove di coraggio fisico o la competizione con gli altri uomini per ottenere rispetto e status sociale.

"Quando presento questo concetto ai miei studenti di sesso maschile", spiega il professor Frank T. McAndrew professore di psicologia al Knox College dell’Università del Maine, "capiscono immediatamente di cosa sto parlando. Ma quando chiedo alle ragazze se esista un equivalente femminile, mi imbatto spesso nei loro sguardi confusi. (Alcune di loro a volte osservano, per fare un parallelo, che l'impossibilità di avere un bambino possa essere una minaccia per la femminilità). In effetti, diventa subito chiaro nella discussione che segue, che la 'virilità' è più precaria della 'femminilità'".

Le radici di questo dilemma tutto maschile sono profonde e risalgono al nostro passato preistorico. In tutto il regno animale, il sesso che investe meno nella riproduzione della prole (i maschi, quasi sempre) sono in competizione tra di loro per avere accesso sessualmente alle femmine.

20160831 armi 2a

Storicamente, gli uomini potenti hanno sempre goduto di una maggiore possibilità sessuale con le donne rispetto agli uomini che stavano a un livello più basso nella gerarchia, e la violenza può essere fatta spesso risalire a questa triste lotta per lo status.

L'antropologo Napoleon Chagnon ha trascorso anni a studiare la gente yanomamo del Sud America. Ha scoperto che gli uomini che avevano ucciso altri uomini acquisivano significativamente più mogli di uomini che non avevano ucciso nessuno. E tutte le indicazioni rilevate andavano in questa direzione, lo status di un uomo del gruppo dipendeva spesso da quanto credibili risultavano le sue minacce di violenza fisica.

In altre culture, la "lotta per il dominio" maschile si può giocare in modi diversi, certo, ma indipendentemente da ciò la lotta per il predominio è chiaramente un principio motivante a livello universale, tra i maschi. Consente il raggiungimento di una posizione dominante soddisfacente e gratificante per coloro che la vincono. Come ha detto uno studente di Jonathan Gottschall: Dominare fisicamente un altro uomo è inebriante.

E così, la violenza commessa contro le persone giuste al momento giusto, è diventata un biglietto d’accesso per il successo sociale.

Impulsi competitivi

Per buone ragioni evolutive, gli uomini più giovani si trovano ad essere particolarmente preoccupati riguardo al loro status e alla posizione dominante.

Nelle prime società umane, il successo o il fallimento competitivo nella prima età adulta, determinavano la posizione di un uomo all’interno di un gruppo sociale per il resto della sua vita . Non era possibile pigiare semplicemente il pulsante "reset" e unirsi a un altro gruppo, così quello che era capitato durante l’adolescenza contava molto.

Per questo motivo, la competizione ad alto rischio tra i giovani maschi ha fornito l'occasione per "mettere in mostra" le abilità necessarie per acquisire risorse, esibire la forza e rispondere a ogni sfida per il proprio status. Di conseguenza, un comportamento eroico o anche incautamente temerario veniva premiato con lo status e con il rispetto - assumendo, naturalmente, che il giovane sopravvivesse alla prova.

Oggi, la diffusa promozione dello sport nella nostra cultura ha senza dubbio sviluppato un'alternativa costruttiva per affrontare le inclinazioni dei giovani maschi che si sono evoluti in un tempo molto diverso da quello delle società primitive. In un'arena da gladiatori legalmente riconosciuta, i giovani possono esibire le stesse competenze - lancio, corsa, lotta, pugilato, coordinazione occhio-mani - che avrebbe reso loro combattenti o cacciatori di successo in un contesto sociale antico.

20160831 armi 3

La sindrome dei giovani maschi

Non è un segreto che la maggior parte delle persone temono comportamenti violenti da parte dei giovani più che eventuali comportamenti violenti da parte di uomini più grandi. Questa paura ha una base molto solida.

In effetti, la tendenza dei giovani a mettere in atto comportamenti a rischio e  aggressivi, ha spinto gli psicologi canadesi Margo Wilson e Martin Daly a dare a questo impulso un nome: sindrome del giovane maschio .

I due hanno studiato il rapporto tra l’età, il sesso e l’essere stati vittime di omicidio negli Stati Uniti nel 1975. Hanno scoperto che la probabilità di una donna di essere vittima di un omicidio non cambia in modo drastico in tutto il corso della sua vita. Il grafico, in riferimeno ai maschi, invece è sorprendente. All'età di 10 anni, i maschi e le femmine hanno la stessa probabilità di essere uccisi. Ma i giovani tra i venti e i trent’anni, hanno sei volte più probabilità di essere uccisi.

La probabilità di essere vittima di episodi di violenza letale tra gli uomini, ha un picco nel periodo tra la tarda adolescenza e i trent’anni, per poi far registrare una costante diminuzione nel resto della loro vita.

La natura fornisce combustibile per i fuochi della violenza maschile dotando i giovani uomini di alti livelli di testosterone, necessario perché questo accada.

I ricercatori che studiano il rapporto tra testosterone e aggressività negli esseri umani hanno concluso che la violenza alimentata dal testosterone è più probabile che si verifichi quando i maschi sono in competizione con altri maschi, o quando lo status sociale di un maschio viene in qualche modo messo in discussione. L'aumento di testosterone facilita qualunque comportamento competitivo sia necessario per affrontare una sfida, il che può significare anche la violenza fisica.

Molti studi hanno dimostrato che i livelli di testosterone nei maschi salgono e scendono a seconda che i singoli vincano o perdano in competizioni sportive, come il tennis e il wrestling – perfino negli scacchi.

Gli appassionati di sport sperimentano questo stesso picco semplicemente guardando gare sportive, il che aiuta a spiegare la violenza e i disordini distruttivi che possono avvenire dopo partite importanti (vinte o perse).

L'aggiunta di armi a questa miscela

Che ruolo giocano le pistole in questa equazione della violenza?

Nel 2006 il professor McAndrew è stato coautore di uno studio di laboratorio sulle risposte degli uomini alle armi per la rivista Psychological Science. "Abbiamo dimostrato" spiega, "che i maschi che hanno interagito con una pistola hanno mostrato un aumento maggiore dei livelli di testosterone e un comportamento più aggressivo rispetto ai maschi che hanno interagito con il videogioco Mouse Trap".

20160831 armi 4

"Nello studio, ogni partecipante ha smontato o una pistola o una trappola per topi, ha gestito le sue componenti e poi ha scritto le istruzioni per assemblare questi oggetti. Poi abbiamo dato loro l'opportunità di mettere la salsa piccante nell’acqua che stava per essere bevuta da un'altra persona. I partecipanti che avevano fatto l’attività con la pistola hanno messo salsa piccante in quantità significativamente più elevata - ed avevano più probabilità di esprimere delusione dopo aver appreso che nessuno in realtà avrebbe bevuto l'intruglio".

Così, reazioni legate a minacce, spesso non si traducono in risposte aggressive a meno che il testosterone non risulti coinvolto.

Assassini di massa = perdenti nella lotta per la posizione dominante?

La violenza dei giovani maschi ha più probabilità di essere scatenata da giovani uomini che non ottengono il rispetto degli altri. Spesso si sentono come reietti offesi, privati ​​di ciò che vogliono o sentono di meritare.

Lo psicologo clinico britannico Paul Gilbert ha sviluppato quella che lui chiama la Teoria del mantenere l’attenzione sociale . Secondo Gilbert, noi entriamo in competizione con altri per far sì che si faccia attenzione a noi; quando altre persone ci notano, noi costruiamo dentro noi stessi status. L’incremento di status che deriva dal dal fatto che altri debbano far caso a noi porta a tutti una gamma di emozioni positive. Ma essere persistentemente  ignorati dagli altri produce emozioni molto più oscure - in particolare l'invidia e la rabbia.

Non è un mistero il motivo per cui i media spesso descrivono gli autori di omicidi di massa e i terroristi come disadattati o solitari. In molti casi, lo sono davvero.

Nicolas Henin era un francese che è stato tenuta in ostaggio dall’ISIS per dieci mesi.  Ecco come ha descritto i suoi giovani, sanguinari rapitori jihadisti:

Si presentano al pubblico come supereroi, ma lontano dalla telecamera sono un po’ patetici, in molti modi diversi: bambini di strada ubriachi di ideologia e potere. In Francia abbiamo un detto - stupido e malvagio. Li ho trovati più stupidi che malvagi. Questo non significa sottovalutare il potenziale criminale e omicida della stupidità.

A quanto pare, una mancanza di attenzione da parte degli altri sfocia in una mancanza di status, con una conseguente mancanza di accesso alle donne. In combinazione con il testosterone di un giovane uomo, si crea una velenosa, infiammabile miscela.

"Possono non esserci molte cose che possiamo fare per cambiare la struttura della mente di giovane di sesso maschile che si è evoluta nel corso di milioni di anni. Tuttavia, ignorare o negare la sua esistenza non ci è di nessun aiuto" conclude il professor McAndrew.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

Link amici

Area riservata