Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

I vostri ragazzi avranno quell’età solo per un breve periodo di tempo, non dimenticatelo: cercate di esserci mentre loro ci sono. Non perdete il contatto.

20161130 burnout 7a

È questa l’esortazione che Jon Beaty, trainer, padre e autore di testi sull’educazione, rivolge ai genitori, a partire dalla sua stessa, difficile esperienza di padre.

Ero esaurito dal mio lavoro e questo stava influenzando negativamente il mio essere genitore. Arrivavo a sempre a casa emotivamente e fisicamente esausto. Mia figlia di quattro anni mi chiedeva di giocare con lei. Io volevo solo mangiare, buttarmi sul divano e guardare la TV. Avevo bisogno di ripulire la mia mente dallo stress del lavoro.

In ufficio, mi sentivo in ansia, fomentato dalle pressioni di lavoro e da un capo pignolo che controllava in modo ossessivo la mia attività. Anche il mio essere pendolare, mi stava sfiancando. Ho pensato di cercare un altro lavoro o un cambiamento di strada professionale, ma non riuscivo a trovare motivazione e energie sufficienti per perseguire qualcosa di diverso.


altri segni possono essere la perdita di appetito, disturbi del sonno,
disturbi fisici, e l'utilizzo del cibo e del mangiare, di droghe o dell’alcool
per intorpidire se stessi o cercare di sentirsi meglio


Dopo cena, guardavo l'ora e mi affrettavo a mettere mia figlia a dormire, così potevo sdraiarmi nel letto a guardare la TV con più tranquillità. Io e mia moglie non comunicavamo molto. Almeno, però, non litigavamo.

Gli esperti medici affermano che i sintomi di burnout possono includere il doversi trascinare al lavoro, il diventare cinici o critici sul posto di lavoro, il non aver l’energia necessaria per svolgere il proprio mestiere, e la mancanza di soddisfazioni per la propria attività professionale.

Altri segni possono essere la perdita di appetito, disturbi del sonno, disturbi fisici, e l'utilizzo del cibo e del mangiare, di droghe o dell’alcool per intorpidire se stessi o cercare di sentirsi meglio.

Gli effetti del burnout da lavoro, in genere, si riflettono pesantemente in casa, sul matrimonio e sulla genitorialità. I coniugi possono allontanarsi o il conflitto tra loro può crescere pericolosamente. I genitori possono dimostrarsi emotivamente non disponibili verso i loro figli - o perdere interesse per le loro esigenze.

20161130 burnout 7

C'è anche una remota possibilità che cambiare azienda possa riuscire a ripristinare l’entusiasmo verso il lavoro. Ma piuttosto che adagiarsi in un’impotente attesa, l’intraprendere azioni per cercare di superare il burnout produrrà un positivo senso di poter controllare la propria situazione.

Quanto la vostra felicità sul posto di lavoro migliorerà, tanto più ci si sentirà coinvolti e si avrà più energia per la famiglia e le responsabilità in casa. Questa è la mia esperienza, continua il professor Beaty.

Essendo riuscito a superare il burnout da lavoro, e dopo aver lavorato con un certo numero di persone che hanno lottato con le varie fasi del burnout e dei suoi effetti negativi sulla loro famiglia, io di solito consiglio di seguire alcuni o tutti i seguenti passaggi per vincerlo.


occorre alleviare i sintomi del burnout
facendo pause da cinque a 10 minuti ogni 90 minuti


Ma se vi sentite totalmente sopraffatti, prendete in considerazione di avvalervi subito di un esperto che vi aiuti da vicino.

1.) Fare delle pause durante il lavoro

Circa 50 anni fa, il pionieristico ricercatore della terapia del sonno Nathan Kleitman, ha scoperto che i nostri corpi operano su un ritmo di 90 minuti durante il sonno e la veglia. Durante questi cicli, ci spostiamo tra bassi e alti livelli di attenzione.

Quando siamo svegli, circa ogni 90 minuti il ​​nostro corpo ci invia segnali che abbiamo bisogno di riposo. Questi segnali possono includere irrequietezza, fame, senso di fatica o perdita della capacità di messa a fuoco.

Quando ci spingiamo oltre il ciclo di 90 minuti, ignorando i segni che ci indicano che abbiamo bisogno di una pausa, generiamo ulteriore stress corporeo, che può contribuire a un deterioramento mentale e fisico.

Occorre alleviare i sintomi del burnout facendo pause da cinque a 10 minuti ogni 90 minuti. Fate un salto al bagno. Bevete acqua e fate qualche respiro “rinfrescante”. Mettetevi in contatto con vostra moglie o con i vostri figli. Se siete stati in piedi, sedetevi o sdraiatevi. Se siete stati seduti, alzatevi e muovetevi.

20161130 burnout 6

2.) Creare confini tra lavoro e casa

Il lunedì mattina, spesso trovo e-mail nella mia casella di posta inviate durante il fine settimana dalle persone con cui lavoro nei giorni feriali.

Gli smartphone e la crescita del telelavoro hanno reso più facile rimanere in contatto con il nostro lavoro. Permettere al lavoro di intromettersi nella nostra vita al di fuori fuori dell'orario di lavoro, rende difficile “ripulire” le nostre menti dallo stress correlato al lavoro e rilassarsi.

Se i confini tra il lavoro e la vita privata sono sfumati, si può a iniziare a sentire la propria occupazione come una forma di schiavitù.

Impegnatevi a iniziare e a interrompere il lavoro a una certa ora ogni giorno. Lasciate al lavoro tutto quello che avete “preso” durante le ore lavorative.

Dopo quelle ore, spegnete il telefono aziendale e le e-mail di lavoro, e siate presenti per la vostra famiglia. Eventi imprevisti possono richiedere di violare questi confini - ma fate di queste violazioni l'eccezione.


pianificare e prendersi un periodo di vacanza
offre l'opportunità di pigiare il pulsante di “reset”


3.) Godetevi le vacanze

Il cinquantacinque per cento degli americani non hanno goduto di tutti i loro giorni di vacanza nel 2015, rispetto al quarantadue per cento del 2013, secondo la US Travel Association. Il sessantuno per cento degli americani lavora mentre è in vacanza. Uno su quattro ha riferito di essere stato contattato da un collega su una questione legata al lavoro.

Io sono uno di quelli che ha portato il suo lavoro con sé durante le vacanze. Ma se si sta vivendo un burnout, lasciarsi il lavoro alle spalle è la cosa migliore. Pianificare e prendersi un periodo di vacanza offre l'opportunità di pigiare il pulsante di “reset”.

Se il vostro lavoro non vi permette di andarvene una settimana o due, pianificate un week-end lungo almeno quattro o cinque volte l'anno.

Programmate qualche periodo di tempo di qualità con la vostra famiglia in un luogo dove si possa mettere il lavoro al di fuori della propria testa e collegarsi a un livello più profondo con i propri cari.

20161130 burnout 5

4.) Ricordarsi di riposare

Franz Halberg è diventato famoso per la scoperta dell’"orologio" interno che influenza il nostro ciclo sonno-veglia. Ha chiamato quell'orologio "ritmo circadiano."

A partire dalla scoperta di Halberg, numerosi studi hanno stabilito l'importanza di avere una routine del sonno per aiutare a gestire lo stress e rimanere in buona salute.

Ricavarsi il giusto tempo per un sonno ristoratore è importante per prevenire e superare il burnout.

Halberg ha anche suggerito che il nostro corpo ha un ciclo settimanale incorporato. Il sole stabilisce il nostro ciclo annuale, la luna il nostro ciclo mensile. Halberg ritiene che, come i ritmi circadiani, il nostro corpo opera su un ciclo settimanale.


è possibile collegare ogni piccola cosa
che fate a un quadro più ampio - un obiettivo che mantiene motivati


La Bibbia insegna che il ciclo settimanale è venuto da Dio. Dopo sei giorni di lavoro per creare la Terra e tutto ciò che contiene, Dio ha riservato il settimo giorno come un Sabato, un giorno di riposo dal lavoro. Tendiamo a dimenticare l'importanza del riposo settimanale, così Dio ha aggiunto un promemoria di questo nei suoi dieci comandamenti.

Sconfiggete il burnout concedendovi un riposo sabbatico settimanale dal lavoro per rinfrescarvi e ricaricarvi per le attività con la vostra famiglia.

20161130 burnout 3

5.) Riscrivere la descrizione del lavoro

Shawn Achor, autore di "Il vantaggio della felicità," raccomanda il seguente esercizio basato su una ricerca su ciò che rende la gente felice sul posto di lavoro.

Posizionate un foglio di carta bianco in senso orizzontale. Sul lato sinistro del foglio, scrivete un compito che dovete eseguire sul posto di lavoro, che sentite privo di significato. Chiedetevi: "Qual è lo scopo di questo compito? Cosa realizzerà?" Poi, disegnate una freccia a destra del foglio e scrivere la risposta.

Continuate a porvi questa domanda e a scrivere le rispettive risposte, fino a ottenere una risposta che per voi sia significativa. Ripetere questa operazione per ogni attività che eseguite sul posto di lavoro e che sentite come priva di significato.

Facendo ciò che Achor consiglia, è possibile collegare ogni piccola cosa che fate a un quadro più ampio - un obiettivo che mantiene motivati.

Per esempio, se siete un impiegato che si occupa di fatturazione per uno studio medico, e siete stanchi di occuparvi dei sinistri pagati dalle compagnie di assicurazione, tracciate la freccia fino a quando si possa collegare a qualcosa a cui tenete, come ad esempio aiutare le persone a ottenere le dovute cure per gli infortuni e le malattie.

Quando si è più felici sul posto di lavoro, si hanno più energie e si ha molto più da dare di sé alla propria famiglia, quando poi si è a casa.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

Link amici

Area riservata