Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

lavoro

  • Di loro dicono che rubano i bambini, che non bisogna fidarsi anche se si fingono amichevoli, anche se sono donne disarmate e all'apparenza ben intenzionate, ché in realtà complottano sempre contro i tuoi interessi.
    Molti di loro sono stati insultati, anche pubblicamente, altri addirittura aggrediti fisicamente.
    Se poi sono loro, di loro iniziativa, a bussare alla tua porta, si dice che non convenga farli entrare in casa, perché sono capaci di trascinare in disgrazia la famiglia e rovinarti l'esistenza.

    20141016 assistente1

     

  • Quando passo da quelle parti in bicicletta, vedo che è rimasto tutto uguale – stesse baracche e roulotte e piste di fango nel campo che accompagna per due, trecento metri una traversa della provinciale, persa tra capannoni industriali e muri ciechi e grate di cemento. Dietro le grate, un nulla di rovi e vetri rotti.

    20131206 Lennon4

  • Sì va beh era l’oro della mamma…

    Sì va beh il denaro si guadagna…

    20141223 filastrocca va beh

  • La famiglia è il cuore del mondo affettivo, qui si sviluppano relazioni di reciprocità e di dono che aiutano a proteggere l’individuo, rassicurandolo rispetto alle necessità materiali, in una prospettiva di futuro.

    20150722 Bonato lavoro 2

  • "Il crimine è tutto quello che ho conosciuto per più di dieci anni... Una volta che entri in quel sistema, sei fregato". Danny ha 25 anni ed è stato arrestato più di 50 volte e ha avuto 18 condanne per diversi reati tra cui furto, possesso di droghe leggere e reati contro l'ordine pubblico.

    20170125 lavoro reinserimento

  • "La figura di Adele è centrale. Donna dal carattere asciutto, silenzioso e schivo, dedita ai sacrifici e al duro lavoro per il forte senso di responsabilità e della famiglia allargata da mantenere, ma anche poco incline all’accettazione di altri stili e scelte di vita, come il desiderio di recitare di Maria Concetta da Adele denigrato e schernito, e l’inquietudine e la rabbia adolescenziale di Ina che rifiuta di studiare per prendere la maturità".

    20150224 grazia

  • Il vecchio John soffriva di una malattia mentale e la sua famiglia faceva parte di una gang malavitosa. Da quando i suoi genitori si erano separati viveva con la madre, che era una forte bevitrice. La violenza è sempre stata una presenza costante nella sua casa. "Mia madre ci picchiava spesso. Una volta ha addirittura colpito mio fratello in faccia con un grosso bastone".

    20171205 storia

  • Ogni volta che vengo chiamata a parlare di immigrazione porto come me sempre tre opere: la Costituzione per ritrovare l'inviolabilità dei diritti umani, il manifesto della razza del 1938 per ricordare i danni prodotti dall'ignoranza e dunque dal razzismo e la sintesi del dossier statistico sull'immigrazione per stupire con la realtà la platea (qualunque essa sia) contaminata suo malgrado da notizie infondate ed illogici pregiudizi.

    20151109 dossier ballerini

  • Per gentile concessione dell'autore, pubblichiamo l'introduzione del saggio "La famiglia flessibile" di Riccardo Bonato (Franco Angeli Editore).

    La regolazione dei rapporti di lavoro nel nostro Paese è stata oggetto di importanti trasformazioni negli ultimi decenni, a partire dal “Pacchetto Treu” (L. 196/1997), proseguendo con la “Riforma Biagi” (L. 30/2003), la “Riforma Fornero” (L. 92/2012) e, da ultimo, il “Jobs Act” (L. 183/2014, con decreti attuativi). Queste riforme hanno avuto lo scopo di rendere più flessibile il mercato del lavoro italiano.
    La retorica politica, con lo scopo di supportare i cambiamenti legislativi, ha attribuito, per oltre vent’anni, poteri taumaturgici alla flessibilità lavorativa: maggiore occupazione, capacità di aiutare i giovani a inserirsi nel mondo del lavoro e maggiore produttività del sistema-Paese sono solo alcuni dei meno improbabili.

    20160628 copertina la famiglia flessibile

  • Accentuare la flessibilità numerica dei lavoratori esterni all’azienda, sembra essere una via irta di rischi e priva di sicurezze nel raggiungimento degli obiettivi di aumento dell’occupazione e della produttività, ma utile al solo abbassamento del costo del lavoro.
    La mancanza degli strumenti di sostegno e tutela dei lavoratori strutturalmente meno produttivi (come le lavoratrici madri) potrebbe riversarsi non solo sul benessere e sulle scelte di vita delle famiglie di oggi, ma anche nelle generazioni future: lo sviluppo del bambino è connesso anche agli strumenti di tutela alla maternità e alla paternità che i suoi genitori ricevono.

    20150715 Famiglia Flessibilel1

  • Quando i ricercatori hanno chiesto ai ragazzi di individuare soluzioni e proposte per ridurre la violenza nella loro comunità, gli adolescenti hanno espresso raccomandazioni chiare: migliori opportunità di lavoro, più attività di dopo-scuola e un ambiente più pulito nella città.

     20151209 lavoro violenza 3

  • Stavamo tornando da Porta Vittoria con il passante. Pomeriggio, pochi viaggiatori. Matteo aveva appoggiato la testa al finestrino, guardava il nero delle gallerie. Un po’ intontito, come sempre. Lo sguardo intelligente spento dalla droga. Il Tribunale gli aveva consentito l’uso dell’hashish per aiutarlo a smettere con la cocaina.

     20131030 profilo

  • I vostri ragazzi avranno quell’età solo per un breve periodo di tempo, non dimenticatelo: cercate di esserci mentre loro ci sono. Non perdete il contatto.

    20161130 burnout 7a

  • Francesca Bonello, 24 anni
    Elisa Valent, 24 anni
    Valentina Gallo, 22 anni
    Elena Maestrini, 22 anni
    Lucrezia Borghi, 22 anni
    Serena Saracino, 22 anni
    Elisa Scarascia Mugnozza, 22 anni

    20160321 Erasmus 2

Iscriviti alla newsletter