Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

I ragazzi fanno esperienza della depressione in modo più pesante e per periodi di tempo molto più lunghi di quanto i loro genitori siano consapevoli. Alla base di questa sottovalutazione, ci sono diverse ragioni, incluso lo stigma della malattia mentale, e gli adolescenti non sono disponibili a parlarne e a chiedere aiuto, in quanto incolpano se stessi  di sentirsi depressi e non vogliono turbare i genitori.

20180911 negligenza 5a

Michael Shapiro, psichiatra dell’Università della Florida, in un recente articolo ha affrontato questa delicata questione, alla luce della sua lunga esperienza con adolescenti che soffrivano di depressione e con i loro familiari.

Negli Stati Uniti, spiega, le visite ospedaliere per ragazzi che avevano pensato e anche progettato di suicidarsi, sono aumentate drasticamente.

Come psichiatra infantile e adolescenziale, questo non mi sorprende, continua. Per anni ho gestito un ospedale psichiatrico infantile, dove prendiamo in cura ragazzi che hanno tentato il suicidio. Di solito, quando diagnostico a un adolescente la depressione, è quasi sempre troppo tardi. Quasi. Si stima che un adolescente su cinque soffrirà di depressione, ma due terzi di loro non vengono diagnosticati.

La mancanza di screening per la depressione è una parte del problema della salute mentale dei ragazzi, sono in corso tentativi per migliorare lo screening e l'individuazione della depressione. L'accesso alle cure è un altro problema, poiché nel nostro Paese esiste una grave carenza di psichiatri infantili.

Inoltre, i genitori possono anche non riconoscere i sintomi di un problema di salute mentale o non essere consapevoli di quanto tale problema sia grave, a causa della mancanza di conoscenza o comprensione della depressione negli adolescenti.

Questi sono alcuni degli ostacoli che possono diventare fatali per il trattamento. Tuttavia, una barriera che raramente viene affrontata è quella dei genitori che ignorano i segni evidenti della depressione o semplicemente non vogliono aiuto. Gli studi hanno rilevato che tra il 12 e il 26% dei genitori riferisce di non volere o di non aver bisogno di aiuto, o di non essere disposto a cercare aiuto per la depressione di un figlio.

Mi chiedo, in relazione a questo: potrebbe essere considerato un abuso di minori, per un genitore, il fatto di non chiedere e ricevere assistenza medica per un figlio adolescente depresso?

20180911 negligenza 5


Una malattia grave, spesso vissuta nella solitudine

I genitori spesso non si rendono pienamente conto della gravità della situazione e della sofferenza dei figli depressi. Questo si deve sia allo stigma della malattia mentale, sia al fatto che i ragazzi se ne fanno una colpa e tendono a non parlarne per non angustiare i geneitori.

In effetti, sentire quello che accade come una propria colpa, è uno dei sintomi della depressione. Siamo fortunati se un adolescente confessa ai suoi genitori che si sente depresso o se un genitore vede segni premonitori e porta il ragazzo a fare una visita, perché la depressione è probabilmente molto più grave di quanto i genitori non credano. A volte, però, non siamo tanto fortunati.

Nella mia esperienza, molti ragazzi che tentano il suicidio non sono mai stati esaminati o trattati per la depressione in precedenza. Dopo che un ragazzo tenta il suicidio e che un genitore inizia a rendersi conto della sua depressione, molti genitori sono disposti a fare qualsiasi cosa per aiutare il figlio. Ma in alcuni casi, questo non succede.

Questo risulta incredibilmente doloroso per gli adolescenti che chiedono cure e aiuto: il messaggio che ricevono è che la loro sofferenza non è abbastanza importante da essere presa in considerazione.


La depressione è la malattia più letale dell'adolescenza

Il dottor Shapiro parla della depressione adolescenziale come una delle principali cause di suicidio adolescenziale.

La depressione e il suo peggior rischio, il suicidio, sono problemi gravi e comuni nei bambini e negli adolescenti. Il suicidio è la seconda causa di morte negli adolescenti statunitensi, causa più morti del cancro o di qualsiasi altro disturbo o malattia.

In aggiunta alle morti per suicidio, la depressione può causare progressivamente un peggioramento dello sviluppo cerebrale, secondo quanto riscontrano nuove ricerche. Eppure, anche dopo che un professionista della salute mentale ha diagnosticato a un ragazzo la depressione, alcuni genitori rifiutano il trattamento. Questo può accadere nonostante questi ragazzi lo desiderino e lo richiedano.

Alcuni non vogliono che i loro ragazzi prendano antidepressivi.

Gli antidepressivi portano sull'etichetta la “black box warning” della Food and Drug Administration (FDA) sui pensieri di suicidio nei giovani. Ma è di comune avviso il fatto che i benefici superano i rischi, con un attento monitoraggio.

Anche la psicoterapia basata sull'evidenza tratta la depressione, ma alcune famiglie non impegnano tempo o risorse per assicurare che i loro figli abbiano frequenti incontri con uno psicoterapeuta.

Nella maggior parte degli Stati, i ragazzi sotto i 18 anni devono richiedere il permesso dei genitori per ricevere cure per la depressione. Ci sono alcune eccezioni, ma nella maggior parte dei casi, un ragazzo non può farsi curare da solo.

20180911 negligenza 3


La salute mentale potrebbe essere trascurata

Un modo possibile per superare questo sarebbe di considerare una deliberata mancanza di un trattamento per la depressione, come una forma di abuso sui minori. Il termine "negligenza sanitaria" si riferisce a un ragazzo che viene danneggiato a causa della mancanza di cure mediche.

Nei criteri delineati dall'American Academy of Pediatrics , l'incuria sanitaria si verifica quando i genitori comprendono il consiglio dato dal medico, il trattamento raccomandato avrebbe un beneficio significativo per la salute del ragazzo ed essere accessibile per la famiglia, e il genitore o colui che è responsabile per il ragazzo continua a negare o a rifiutare il trattamento o l’accesso alle cure.

Un altro modo per rendersi responsabili di trascuratezza è ignorare i segni evidenti di malattia.

Mentre questi criteri sono generalmente applicati a malattie fisiche croniche come l'HIV o l'asma, sembrano essere raramente applicati alle malattie mentali. Se raccontassi che un adolescente è stato ricoverato più volte a causa di una malattia cronica mortale, e che il genitore adolescente ha rifiutato di portare il figlio agli appuntamenti del medico o non gli ha permesso di assumere farmaci per la malattia, cosa si penserebbe di dover fare?

La mia ipotesi è che se la malattia fosse l'HIV, il diabete o l'asma, la risposta sarebbe garantire che il ragazzo venga autorizzato a prendere i farmaci e ad andare alle visite dal medico. Ma questa non è stata la risposta che ho ricevuto per un adolescente con depressione e molteplici tentativi di suicidio.

La legge in Florida, dove insegno e pratico, dice che solo quando i ragazzi raggiungono l'età di 18 anni possono acconsentire a curare la propria depressione con i farmaci o con una terapia. Mi è stato detto molte volte che un paziente adolescente avrebbe dovuto "aspettare" fino a quando non avesse raggiunto i 18 anni per ottenere il trattamento, in quanto il genitore era contrario.

La depressione è difficile da diagnosticare perché non è sempre ovvia ed evidente. I genitori potrebbero non credere a una malattia che non vedono.

Il Practice Parameter for Treating Depression dell'Americ Academy of Child and Adolescent Psychiatry (AACAP) riconosce che le famiglie "possono desiderare di non partecipare alla psicoterapia o possono opporsi all'assunzione di qualsiasi farmaco".

Tuttavia, se questi sono i due trattamenti basati sull'evidenza raccomandati e sono disponibili, quali sono le nostre opzioni per garantire che questi ragazzi ricevano cure adeguate? Una volta che un professionista fa la diagnosi, e se questa è abbastanza grave, perché è permesso lasciare andare il giovane senza che riceva un trattamento?

Quando noi - ragazzi, genitori e medici – considereremo la depressione come le altre malattie, più persone potranno essere aiutate. Noi, come medici, dovremmo lavorare per evitare che si verifichino negligenze parlando ai genitori di depressione e trattamento, fornendo istruzione e affrontando le loro preoccupazioni.

I genitori devono essere educati sul fatto che alcune malattie esistono e causano sofferenza anche se non possono sempre vederle.

I genitori dovrebbero anche sapere che noi medici non li incolpiamo per la malattia del loro ragazzo, ma che sono invece responsabili per il fatto che il loro ragazzo riceva un trattamento adeguato. Se non lo fanno, conclude il dottor Shapiro, io credo che questa sia negligenza.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accetto le regole per la Privacy e Termini di Utilizzo

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca