Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Le ragazze hanno meno probabilità di intraprendere comportamenti sessuali a rischio quando i loro padri comunicano apertamente con loro e si prendono cura di che sta accadendo nelle loro vite.

20190326 padrefiglia 2a

Gli autori di un recente studio sul tema hanno scoperto che i padri "di alta qualità", che hanno cura di verificare, in un positivo e comunicativo, il tipo di legami e di attività con i pari delle loro figlie, possono aiutare le ragazze a evitare le insidie ​​sessuali degli anni dell’adolescenza.

Questo, secondo i ricercatori, affermano i ricercatori, suggerisce che i padri non dovrebbero limitarsi a fare prediche, senza poi occuparsi davvero delle ragazze, ma essere più coinvolti e interessati alla vita delle loro figlie.

"Esserci è importante, ma non è sufficiente limitarsi al ruolo del padre seduto su un divano a guardare la TV" spiega il professor Bruce Ellis dell'Università dello Utah, coautore dello studio .

"È invece importante fare cose positive e propositive, come parlare a una figlia in modo empatico, con voce amichevole e farla sentire desideratae  benvoluta."

Allo stesso tempo lo studio suggerisce che è altrettanto importante per un padre evitare comportamenti negativi, meramente autoritari e limitanti, senza cercare un vero dialogo.

Sono stati esaminati due fattori primari delle relazioni padre-figlia, tra cui l'affetto e la comprensione da una parte e il comportamento offensivo e coercitivo dall'altra.

"La paternità di alta qualità nella nostra ricerca includeva una forte presenza di vicinanza, calore umano e di sostegno, e basse "quantità" di comportamenti duri o coercitivi diretti verso le figlie.

La nostra ricerca suggerisce che non si tratta solo del tempo, di per sé, che i padri passano con le loro figlie, ma di che cosa fanno durante questo tempo" spiega lo studioso.

20190326 padrefiglia 2

Isolare e mettere a fuoco l'influenza di un padre su una figlia (indipendentemente da variabili confondenti come la genetica e l'ambiente) può essere complicato, così i ricercatori hanno osservato le sorelle nelle cosiddette famiglie "biologicamente distrutte".

Ciò ha significato costruire un campione di 101 coppie di sorelle di età compresa tra i 18 ei 34 anni, di almeno quattro anni di differenza nell’età, che avevano entrambe sperimentato un diverso numero di interazioni con il padre a causa del divorzio.

Le sorelle più anziane hanno “naturalmente” ricevuto una "dose" più ampia di genitorialità da parte del padre.

I ricercatori hanno scoperto che le sorelle che hanno avuto una più alta qualità genitoriale avevano meno probabilità di intraprendere comportamenti sessuali a rischio.

"Mantenendo un rapporto di alta qualità, caratterizzato da calore e sostegno, si incoraggiano le figlie a comunicare più apertamente con i genitori, in merito a chi sono le persone che frequentano e su cosa fanno nel loro tempo libero.

Mantenere una comunicazione aperta e incoraggiare le figlie a scegliere amicizie dall’influenza positiva, può ridurre la loro probabilità di impegnarsi in comportamenti sessuali a rischio nel corso dell'adolescenza".

Ciò conferma l'opinione della maggior parte degli esperti, che sottolineano come mantenere linee aperte di comunicazione con le figlie sia essenziale.

Questo sembra essere particolarmente vero quando si tratta di scambi via social, nei quali le ragazze possono trovarsi a stabilire legami con i pari che potrebbero incoraggiare comportamenti rischiosi.

Parimenti lo studio scoraggia la coercizione, le urla e le minacce - perché, sebbene possano sembrare una risposta logica, è improbabile che abbiano l'effetto desiderato sul comportamento delle ragazze.


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito dell’Università dell’Utah