Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Alcuni ragazzi pensano di essere il centro dell'universo e si comportano come se tutti dovessero girare intorno a loro, come i pianeti orbitano intorno al sole. Dalla ragazzina "diva" di dieci anni che vuole sempre essere il centro della scena, al diciassettenne che sfoga le sue frustrazioni sulla sua famiglia quando la sua ragazza lo lascia. Questo comportamento di ricerca di attenzione può essere estenuante per tutti.

20201118 dominano 3

Quando tutta l’organizzazione familiare inizia a girare attorno al bisogno di attenzione di un figlio in modo negativo, è tempo che un genitore agisca.

I genitori spesso fanno sentire in modo naturale i loro figli come se fossero il centro dell'universo. Quando i bambini sono piccoli, richiedono molta cura. Questo livello di attenzione, tuttavia, dovrebbe diminuire gradualmente man mano che i ragazzi crescono.

Per un genitore è fantastico nutrire e veder crescere un bambino di un anno, ma nessuno vorrebbe imboccare un bambino di sette anni. La crescita prevede un allontanamento fisico del bambino. Ha la sua importanza in questo anche la forte connessione emotiva che molti genitori hanno difficoltà a gestire e, a volte, rimangono intrappolati emotivamente, e arrivano a far sentire il loro ragazzo come se fosse il centro dell'universo.

Non c'è niente di sbagliato nel far sentire un figlio speciale, importante e amato. Il problema è quando lo si fa escludendo altri figli o familiari. Proprio come non si può lasciare che uno dei propri figli abbia per sé tutto per il tempo il computer o la TV, è anche un errore lasciare che abbia tutta la concentrazione emotiva della famiglia.

I ragazzi devono imparare a condividere e fare a turno, sotto tutti gli aspetti.


Se un ragazzo si aspetta che la sua famiglia ruoti intorno a lui

Se si vuol cambiare il modo in cui il proprio figlio si comporta perché pensa che la sua famiglia dovrebbe girare intorno a lui, occorre guardare al fatto che questo sia o meno corretto. Non c'è niente di sbagliato nel far sentire importante ogni figlio, ma se ci sono più ragazzi in famiglia, occorre assicurarsi che anche gli altri si sentano importanti.

Allora cosa è giusto se si hanno tre figli? Come lo si decide? Come un computer può essere spento a volte e non deve essere acceso solo perché è lì, neanche i videogiochi devono funzionare costantemente. Così pure non deve sempre essere il turno di qualcuno. Il tempo per cui ogni figlio ha diritto a una certa cosa non deve essere semplicemente legato a una divisione matematica del tempo di disponibilità per il numero dei figli.

Occorre dare una struttura e regole. Ad esempio, se non si rispettano gli impegni (compiti scolastici o altro), la televisione resta semplicemente spenta per il tempo in cui un ragazzo potrebbe fruirne. In questo modo si combatte la sua idea di essere al centro dell’universo con un principio di equità.

 

Quando un figlio domina ogni conversazione

Se un ragazzo è al centro di ogni conversazione e non dà agli altri la possibilità di avere la possibilità di essere a sua volta al centro dell’attenzione, è bene essere franchi con lui parlandogli da soli, separatamente. Gli si può dire che certo fa piacere che parli di quello che sta succedendo nella sua vita, ma che non dà possibilità a fratelli e sorelle di fare altrettanto. Gli si deve chiedere di fare attenzione a loro e di lasciare finire i loro discorsi.

A volte questi ragazzi loquaci parlano senza alcuna reale consapevolezza che stanno facendo qualcosa di sbagliato; a volte parlano perché è così che gestiscono l'ansia. Probabilmente si sentono "meno" degli altri ragazzi. Quando sono ansiosi, così facendo attirano l'attenzione. Quando ci si sente ansiosi, questo spesso si manifesta verbalmente.

Quindi il modo per affrontarlo è aiutare quel ragazzo con l'ansia, andando alla fonte del problema e cercando di dargli una mano a gestirla.

Un'altra cosa che si può fare è sviluppare quello che viene chiamato un "segnale non verbale". Gli si può dire: "Stabiliamo un segno solo tra noi due. Se parli troppo e non dai una possibilità ad altre persone di farlo, ti farò un segnale e nessuno lo saprà tranne noi. Quando ricevi quel segnale, devi smettere di parlare e ascoltare gli altri per un po’".

Si può stabilire di decidere con lui quale sia il segnale, sarà un modo per stabilire una sorta di patto riferito al suo comportamento. Il punto è che un genitore, così facendo, con un segnale non verbale garantisce a un figlio parte del suo autocontrollo e parte della sua “struttura interiore”. Questo può essere molto utile per molti ragazzi che non ne hanno ancora costruita una.

20201118 dominano 2

Se i drammi e le emozioni di un figlio dominano la nostra casa

Se un figlio governa la sua famiglia con i suoi drammi o le sue emozioni, bisogna “interrompere lo spettacolo”.

È bene prenderlo da parte e fargli capire che solo perché gli sta succedendo una certa cosa, questo non la rende una tragedia per tutti gli altri. Gli si può anche dire che se non smette, verrà mandato a calmarsi da solo per qualche minuto in un’altra stanza.

Se poi lui, magari, replicherà che non lo si ama, questo argomento va ignorato, dicendogli che si sta parlando del fatto che sia capito o amato, ma del fatto che, ad esempio, abbia rotto con la sua ragazza e ora voglia sfogarsi con tutti gli altri. Il suo comportamento in questo momento consiste nel far provare pena a tutti per lui.

Quel tipo di attenzione non è salutare per il ragazzo che la riceve. È un peso per tutti e non è nemmeno benefico per quel lui. Un genitore dovrebbe insegnargli come gestire la sua esperienza interiore senza far star male gli altri. Parte di quello che ottiene da quel dramma e dalla ricerca di attenzione è che fanno sentire i genitori e gli altri in famiglia come se dovessero prendersi cura di lui.

Un detto sostiene: "Ci sono due tipi di giorni per gli adolescenti. Giorni buoni e giorni in cui le cose non vanno come dovrebbero". Come genitori il miglior strumento è gestire il comportamento con una risposta strutturata. Se un figlio è scortese o sgradevole perché è arrabbiato per qualcosa che non è andato per il verso giusto, bisogna farglielo capire e lasciarlo da solo.

Un altro approccio è proporre un modo diverso di esprimersi. "Perché non ne scrivi? Ti porto un diario. Voglio che tu scriva tutto sui tuoi problemi con quel tuo amico, e poi una volta per sera puoi condividerlo con me per cinque minuti ".

Si possono unire questi strumenti e gestire le emozioni di quel figlio finché non impara a gestirle da solo. Impostare una struttura esterna con la speranza che la interiorizzi.


Se il tuo unico figlio è il piccolo re / o regina della casa

È probabilmente una situazione particolare perché questi ragazzi sono il centro della famiglia per buona parte della loro vita. Già da piccoli ricevono sempre un'attenzione speciale, hanno sempre due facce sorridenti che li guardano. Sono gli unici bambini che non devono condividere i loro giocattoli a Natale o essere gelosi dei regali o dell'attenzione che ricevono i loro fratelli.

È quindi importante che i genitori controllino quel loro livello di attenzione per sviluppare cose come l'empatia e la considerazione per gli altri nel figlio.

L'empatia è un'energia istintiva, ma deve ancora essere sviluppata. Potrebbe essere vissuta come un'emozione, ma è anche una spinta che porta fuori da se stessi e fa pensare agli altri.

Se si è un figlio unico non si deve competere per il tempo del computer o del videogioco. Non si ha la possibilità di passare il turno a un fratello. Non si ha l'opportunità di imparare questo tipo di lezioni a casa con dei fratelli.

Molti figli unici stanno benissimo perché imparano queste “lezioni” a scuola e hanno un proprio istinto di empatia su cui fare affidamento. Ma ci sono altri che non lo fanno. Questi ragazzi sono stati “addestrati” ad essere egocentrici, quindi come genitori bisogna allontanarli lentamente da quella percezione.

Un genitore può ad esempio sedersi con il suo unico figlio a qualsiasi età e dire: "Ho pensato a quanto siamo fortunati ad avere ciò che abbiamo. Anche se non è così tanto, ne abbiamo più di tanti altri. E penso che dovremmo trovare un modo per condividere quanto abbiamo con altre persone meno fortunate. Che tipo di cose pensi che potremmo fare?"

Si possono escogitare alcune possibilità con il ragazzo figlio e poi portale avanti insieme.


Sviluppare regole e aspettative chiare sul comportamento di ricerca dell'attenzione

È sempre importante sedersi quando le cose vanno bene e parlare con i propri figli di cose che devono essere cambiate o affrontate. E non farlo in un momento di rabbia o frustrazione o quando si sta cercando di correggere il loro comportamento.

Bisognerebbe sempre farlo quando le cose vanno bene. In questo modo, i bisogni di un figlio vengono affrontati e lui si sente considerato. Gli si offrono strumenti per correggersi e non gli si gli permette di dominare la casa.

È molto importante fissare un appuntamento per parlarne di nuovo con un figlio, in seguito.

I ragazzi imparano attraverso la ripetizione e le prove. Quindi, quando si ripete qualcosa, quando si dà loro un giorno o due per pensarci, i ragazzi sono in grado di assorbire meglio le nuove idee.

Allo stesso tempo, bisogna introdurre l'idea che i comportamenti, positivi o negativi, hanno conseguenze, positive o negative. La combinazione dell’essere molto vicini e comprensivi con quella di ritenere i ragazzi responsabili è molto potente.

I ragazzi hanno bisogno di sapere cosa succederà se non cambiano, e un genitore deve essere chiaro e conseguente. Non ci può essere molto cambiamento senza responsabilità.

Quindi è bene impostare una struttura per cambiare le cose che si vogliono cambiare. Chiedendo anche a un figlio di assumersi la responsabilità delle proprie azioni. E il modo in cui lo si induce ad assumersi la responsabilità è ritenerli responsabili di una regola, una volta che sia stata stabilita.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca