Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Diventare genitori spesso porta grande gioia, ma non sempre. La genitorialità comporta anche sfide, stress e, in alcune persone, può scatenare la depressione.

20210722 neo 1

Un nuovo studio dell'Università di Lund in Svezia mostra che la depressione postnatale maschile è più comune negli uomini che sono insicuri nella relazione con il proprio partner.

La depressione colpisce circa il 10-12 per cento delle neomamme e almeno l'8 per cento dei neo-papà. Le cifre sono ancora più alte se si considerano i sintomi depressivi.

Secondo un nuovo studio condotto da Elia Psouni, psicologa e professore associato di psicologia presso l'Università di Lund in Svezia, e Anna Eichbichler, psicologa clinica, ben un neo-papà su cinque presenta sintomi di disagio e sofferenza.

Lo studio si è concentrato sulle ragioni alla base dei sintomi depressivi dei padri.

Gli uomini affetti da depressione spesso hanno una visione negativa di se stessi e sono preoccupati di essere inadeguati nelle loro relazioni intime; una preoccupazione che può essere basata sulle esperienze dell'infanzia con i propri genitori.

"Avere una visione negativa di se stessi, delle proprie caratteristiche e capacità, mentre si apprezzano molto gli altri, spesso porta a una costante preoccupazione di non essere abbastanza bravi, di deludere gli altri e, potenzialmente, di perderli" afferma il professor Elia Psouni.

Lo studio ha anche tentato di determinare quale aspetto specifico della bassa autostima nelle relazioni intime ha innescato la depressione.

20210722 neo 1a

È una questione di difficoltà relazionali in generale o di stress per non essere abbastanza bravi come genitori? Le risposte hanno mostrato che era il secondo caso.

"La scarsa fiducia in se stessi nelle relazioni strette sembra innescare lo stress dei genitori, che a sua volta innesca i sintomi della depressione” afferma lo studioso.

Questo è il secondo studio in cui Psouni e i suoi colleghi mostrano che più di un padre su cinque di bambini di età compresa tra 1 e 18 mesi sperimenta sintomi debilitanti della depressione.

Lo studio ha anche rivelato che gli uomini le cui partner femminili soffrivano di depressione post-partum erano sovra-rappresentati e che pochissimi di loro erano in contatto con un professionista per ottenere aiuto.

"Lo studio mostra senza dubbio che i genitori si influenzano a vicenda e rivela l'importanza di monitorare il modo in cui i genitori nelle varie relazioni e costellazioni familiari gestiscono e se la passano per un lungo periodo".

La professoressa e i suoi colleghi stanno ora conducendo un progetto longitudinale che monitorerà le famiglie nel tempo per generare conoscenze sul benessere e lo sviluppo di bambini e genitori in varie costellazioni familiari.

Alla ricerca hanno partecipato 530 padri. 143 aveva sintomi di depressione che giustificherebbero un rinvio per un'ulteriore valutazione. Di questi, 43 padri hanno descritto sintomi molto debilitanti e 22 hanno descritto sintomi molto gravi.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca