Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Il solo fatto anagrafico che un figlio abbia raggiunto la maggiore età non basta, ovviamente, a indicare che sia pronto a gestirsi in autonomia. Se non ha acquisito le abilità necessarie per vivere nel mondo reale, farà molta fatica ad essere indipendente, soprattutto quando andrà a vivere da solo.

20220217 indipendenza 1

Molti adolescenti, una volta raggiunta la giovane età adulta, diventano una sorta di boomerang, perché non sanno districarsi e affrontare da soli le difficoltà e le sfide della vita. Faticano a cavarsela senza il supporto finanziario, fisico ed emotivo dei genitori.

Tra le principali capacità necessarie all’indipendenza, ci sono anzitutto quelle lavorative.

Non bisogna dare per scontato che solo perché un ragazzo ha ottenuto un diploma o anche una laurea sia in grado di trovare e di mantenere un lavoro. Le regole del mercato del lavoro sono molto diverse da quelle che valgono all’interno della dimensione scolastica. Gli adolescenti devono sapere come cercare, come proporsi e poi come comportarsi in un contesto lavorativo, rispondendo alle richieste di un responsabile.

Un lavoro part-time durante le superiori o un lavoro estivo può aiutare a preparare un giovane alle responsabilità di una futura carriera. Inoltre, abituarlo fin da piccolo a collaborare alle faccende domestiche può aiutarlo a prepararsi al mondo del lavoro.

Occorre poi fare in modo che sviluppi capacità di movimento in autonomia,  con i mezzi pubblici, conoscendo bene la struttura urbana, soprattutto se andrà a vivere in una città sconosciuta.

Affinché poi possa raggiungere un positivo equilibrio personale, riuscendo a trovare un posto all’interno di un organigramma aziendale, con propositi di crescita professionale, è importante che abbia le capacità di definizione degli obiettivi.

Occorre insegnargli presto come stabilire un obiettivo e, poi, parlare con lui di come agire per raggiungerlo. È infatti molto più facile, per un giovane, restare motivato quando è in grado di monitorare i suoi progressi.

Un genitore dovrebbe pertanto lavorare spesso con un figlio sulle capacità di definizione degli obiettivi, aiutandolo a identificare una cosa che vuole ottenere e poi a raggiungerla. Ogni nuovo obiettivo che raggiungerà gli consentirà di acquisire fiducia nelle sue capacità di arrivare a risultati ancora più alti in futuro.

È importante poi che gli adolescenti sappiano come regolare le proprie emozioni. Se un giovane non riesce a controllare il proprio temperamento, non reggerà bene le battute d'arresto e i fallimenti. Se non riesce a gestire la sua ansia, potrebbe avere la tendenza a non uscire dalla sua zona di comfort.

Per questo è bene insegnare a un adolescente come affrontare le emozioni spiacevoli in modo sano e dare esempi in prima persona di come si fa. Col tempo, acquisirà sempre maggiore fiducia nelle sue capacità di fare cose difficili.20220217 indipendenza 1a

Quando un ragazzo dovrà affrontare un'emergenza, non avrà tempo per pensare. Pertanto, è fondamentale che i genitori si prendano il tempo per insegnare ai loro figli come affrontare efficacemente le emergenze mentre sono ancora a casa. Quando sarà solo si troverà a dover affrontare anche situazioni gravi e pesanti.

Meglio dunque che sappia da subito come affrontare piccole emergenze domestiche, anche solo l’interruzione della corrente o guasti di quella tecnologia con cui i ragazzi oggi crescono, in modo che non dimentichino che nei momenti di vera emergenza l'elettronica non è sempre disponibile.

Anche se si potrebbe essere tentati di sollevare un figlio da guai, impegni, vincoli, quando si tratta di problemi ordinari di casa, è tuttavia bene tenere presente che per lui è importante sapere come si gestisce una casa e le relazioni al suo interno. Sia che andrà a vivere con altre persone o da solo in un appartamento, avrà bisogno di possedere le abilità minime di gestione della situazione.

Dunque è importante che sappia come preparare da mangiare, come eseguire semplici riparazioni e quando invece è il caso di chiamare un aiuto professionale, e poi lavare i panni, mantenere una sufficiente igiene degli ambienti, e così via. Sembrano cose banali ma molti giovani non saprebbero farle.

Una delle abilità più importanti che da insegnare a un giovane è come gestire i soldi. Molti adolescenti escono di casa senza sapere come creare un budget o come tenere in equilibrio un conto corrente. Molti di loro si ritroveranno inevitabilmente con un sacco di debiti in poco tempo.

Un giovane dovrebbe saper padroneggiare le abilità di base della gestione del denaro, conoscendo i pericoli del contrarre debiti, i rischi connessi all'assunzione di ulteriori prestiti ​​e l'importanza di investire il denaro risparmiato.

Insegnare queste abilità da subito, quando è ancora molto piccolo, potrebbe fare una grande differenza nella qualità della vita di un figlio e aiutarlo a costruire la sicurezza di vita necessaria per il suo futuro.