Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Una nuova ricerca mostra che una disciplina eccessivamente severa espone i figli a un rischio maggiore di sviluppare problemi di salute mentale duraturi.

20230413 hrsh 4

Lo studio è stato condotto su oltre 7.500 bambini in Irlanda e ha rilevato che quelli che erano stati esposti a genitori "ostili" all'età di tre anni avevano una probabilità 1,5 volte maggiore di avere sintomi di salute mentale "ad alto rischio" all'età di nove anni.

La genitorialità avversa è caratterizzata da comportamenti aggressivi o molto severi: urlare regolarmente contro i figli, isolarli come punizione o prendere decisioni e fare cose imprevedibili a seconda dell'umore del genitore. Sebbene la genitorialità sia solo uno dei fattori che influenzano la salute mentale, lo studio raccomanda gli esperti di salute mentale e gli insegnanti di fare molta attenzione al suo potenziale impatto.

I ricercatori dell'Università di Cambridge e dell'University College di Dublino spiegano che i genitori "ostili" esercitano un’educazione molto severa fisicamente o psicologicamente. Urla, punizioni fisiche frequenti, isolamento, offese alla loro autostima, punizioni imprevedibili a seconda dell'umore.

I ricercatori hanno rilevato i sintomi della salute mentale dei bambini all'età di tre, cinque e nove anni. Hanno studiato sia i sintomi di salute mentale interiorizzanti (come l'ansia e il ritiro sociale) sia i sintomi di esternalizzazione (come il comportamento impulsivo e aggressivo e l'iperattività).

Circa il 10% dei bambini è risultato essere in una fascia ad alto rischio per problemi di salute mentale. I bambini che hanno sperimentato genitori ostili avevano molte più probabilità di rientrare in questo gruppo.

È importante sottolineare che lo studio chiarisce che lo stile genitoriale non determina completamente la qualità della salute mentale. La salute mentale dei bambini è determinata da molteplici fattori di rischio, tra cui il genere, la salute fisica e lo stato socioeconomico.

I ricercatori sostengono, tuttavia, che psicologi, insegnanti e educatori dovrebbero essere attenti alla potenziale influenza dei genitori su un bambino che mostra segni di cattiva salute mentale. Aggiungono che un sostegno extra per i genitori di bambini che sono già considerati a rischio potrebbe aiutare a prevenire lo sviluppo di questi problemi.

"Il fatto che un bambino su dieci fosse nella categoria ad alto rischio per problemi di salute mentale è motivo di preoccupazione e dovremmo essere consapevoli del ruolo che i genitori possono svolgere in questo" spiegano i ricercatori. "Non stiamo suggerendo che i genitori non debbano stabilire limiti precisi per il comportamento dei loro figli, ma è difficile giustificare una frequente disciplina severa, date le sue implicazioni per la salute mentale".

Symonds ha dichiarato: "I nostri risultati sottolineano l'importanza di fare tutto il possibile per garantire che i genitori siano supportati per dare ai propri figli un'educazione calorosa e positiva, soprattutto se circostanze più ampie mettono quei bambini a rischio di scarsi risultati di salute mentale. Evitare un clima emotivo ostile a casa non impedirà necessariamente il verificarsi di problemi di salute mentale, ma probabilmente aiuterà".

20230413 hrsh 6

Sebbene la genitorialità sia ampiamente riconosciuta come un fattore che influenza la salute mentale dei bambini, la maggior parte degli studi non ha indagato in che modo influisce sulla loro salute mentale nel tempo o in che modo si collega sia all'interiorizzazione che all'esternalizzazione dei sintomi.

I ricercatori hanno utilizzato i dati dei partecipanti allo studio longitudinale "Growing up in Ireland" effettuato su bambini e giovani. I dati sulla salute mentale sono stati acquisiti utilizzando uno strumento di valutazione standard chiamato Questionario sui punti di forza e sulle difficoltà. Ad ogni bambino è stato assegnato un punteggio composito fino al valore di dieci per i sintomi esternalizzanti e interiorizzanti all'età di tre, cinque e nove anni.

Una seconda valutazione standard è stata utilizzata per misurare lo stile genitoriale sperimentato dai bambini all'età di tre anni. I genitori sono stati profilati in base a quanto erano inclini a ciascuno dei tre stili: genitorialità calorosa (supportiva e attenta ai bisogni del figlio); coerente (definendo aspettative e regole chiare); e ostile.

I ricercatori hanno scoperto che, sulla base delle traiettorie lungo le quali i loro sintomi di salute mentale si sono sviluppati tra i tre e i nove anni, i bambini rientravano in tre grandi categorie. La maggior parte (83,5%) era a basso rischio, con bassi punteggi dei sintomi internalizzanti ed esternalizzanti all'età di tre anni che poi sono diminuiti o sono rimasti stabili. Alcuni (6,43%) erano a rischio lieve, con punteggi iniziali elevati che diminuivano nel tempo, ma rimanevano superiori rispetto al primo gruppo. Il restante 10,07% era ad alto rischio, con punteggi iniziali elevati che aumentavano all'età di nove anni.

La genitorialità ostile ha aumentato le possibilità di un bambino di essere nella categoria ad alto rischio di 1,5 volte e nella categoria di rischio lieve di 1,6 volte, all'età di nove anni. È stato riscontrato che la genitorialità coerente ha un ruolo protettivo limitato, ma solo nei confronti dei bambini che rientrano nella categoria del "rischio lieve". Con sorpresa dei ricercatori, tuttavia, la genitorialità calorosa non ha aumentato la probabilità che i bambini appartenessero al gruppo a basso rischio, probabilmente a causa dell'influenza di altri fattori sugli esiti della salute mentale.

Precedenti ricerche hanno evidenziato l'importanza di questi altri fattori, molti dei quali confermati anche dal nuovo studio. Le ragazze, ad esempio, avevano maggiori probabilità di essere nella categoria ad alto rischio rispetto ai ragazzi; i bambini con genitori single avevano una probabilità 1,4 volte maggiore di essere ad alto rischio e quelli provenienti da ambienti più ricchi avevano meno probabilità di mostrare sintomi di salute mentale preoccupanti entro la metà dell’infanzia.

I ricercatori hanno affermato che i risultati hanno sottolineato l'importanza dell'intervento precoce e del supporto per i bambini che sono a rischio di difficoltà di salute mentale e che ciò dovrebbe comportare supporto, guida e formazione su misura per i nuovi genitori.

"Il supporto appropriato potrebbe essere qualcosa di semplice come fornire ai nuovi genitori informazioni chiare e aggiornate su come gestire al meglio il comportamento dei bambini piccoli in diverse situazioni. Esiste chiaramente il pericolo che lo stile genitoriale possa esacerbare i rischi per la salute mentale. Questo è qualcosa che possiamo prevenire, prendendo provvedimenti adeguati a intervenire per modificarlo".