Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

 facebook iconinstagram iconyoutube icon

Relazioni positive con i genitori e con altri adulti di riferimento durante l’infanzia e l’adolescenza sono associate a una migliore salute mentale in età adulta, indipendentemente dall’esposizione dei ragazzi ad esperienze infantili avverse.

20240125 sup 6

Lo stabilisce uno studio della Columbia University che ha cercato di identificare i fattori che potrebbero rafforzare la resilienza dei giovani emarginati e appartenenti a minoranze, utilizzando i dati del Boricua Youth Study, uno studio longitudinale che ha seguito tre generazioni di famiglie per oltre 20 anni sia a Porto Rico che nel South Bronx, New York.

I risultati, pubblicati su JAMA Psychiatry, suggeriscono che gli interventi che promuovono connessioni di supporto tra adulti durante l’infanzia potrebbero dare risultati positivi nella salute della giovane adulta, riducendo il rischio socioculturale di disturbi mentali, come depressione e ansia.

"Per i ragazzi, un fattore di resilienza estremamente importante è una relazione calda e premurosa con un genitore, un caregiver o un altro adulto" ha affermato l'autrice principale dello studio Sara VanBronkhorst, della Columbia.

"Il nostro studio dimostra che i giovani che hanno almeno una relazione con un adulto positiva e impegnata hanno meno probabilità di sperimentare depressione, ansia e stress percepito più avanti nella vita".

Lo studio ha cercato di colmare un’importante lacuna nella ricerca concentrandosi sui giovani emarginati e appartenenti a minoranze che hanno maggiori probabilità di sperimentare molteplici avversità, per acquisire informazioni sui fattori socioculturali che rafforzerebbero la loro resilienza nel corso della vita.

Per identificare i marcatori di resilienza, i ricercatori hanno esaminato i dati di 2.000 partecipanti al Boricua Youth Study (BYS), uno studio longitudinale che ha seguito tre generazioni di famiglie per 20 anni.

Tutti i partecipanti sono di origine portoricana, circa la metà risiede originariamente nell'isola di Porto Rico e gli altri risiedono nel South Bronx, New York.

I ricercatori hanno valutato le esperienze infantili avverse, in tre momenti durante l’infanzia.

Queste esperienze possono includere cose come abuso fisico o emotivo, abbandono, malattia mentale del caregiver, morte o incarcerazione e violenza domestica.

Hanno inoltre misurato sette fattori socioculturali associati alla resilienza, che includevano le relazioni sociali (calore materno e amicizie) e le fonti di significato (familismo e religiosità familiare). I risultati sulla salute mentale sono stati misurati durante la giovane età adulta e includevano disturbo d’ansia generalizzato, disturbo depressivo maggiore, disturbo da uso di sostanze e stress percepito.

Come ipotizzato, gli studiosi hanno scoperto che il valore delle relazioni sociali, a parte le relazioni tra pari, erano associate a minore depressione e ansia e a meno stress percepito da giovani aduti.

Sorprendentemente, i ricercatori hanno scoperto che la religiosità familiare, spesso ritenuta protettiva, era associata a uno stress percepito maggiore, e non minore, tra i giovani adulti che avevano sperimentato esperienze infantili avverse pesanti.

20240125 sup 1

Da notare che, sebbene esistessero associazioni tra fattori di resilienza e successivi stress, depressione e ansia, nessuno dei fattori di resilienza studiati era associato al disturbo da uso di sostanze.

"Con fattori come la religiosità, questi risultati potrebbero essere più sfumati" ha affermato la dottoressa VanBronkhorst.

"Una spiegazione per questa scoperta inaspettata potrebbe essere che le famiglie religiose potrebbero sperimentare livelli più elevati di vergogna e senso di colpa legati alle cause di esperienze avverse, come l'uso di sostanze da parte dei genitori o l'incarcerazione".

I ricercatori hanno affermato che il fatto che diversi marcatori associati alla resilienza non conferiscano protezione sottolinea l’importanza di prevenire le esperienze infantili avverse ed evidenzia la necessità di trovare altri modi per sostenere i minori che vivono avversità nel contesto di emarginazione e minorità.

"Potremmo aver bisogno di guardare oltre i tradizionali predittori di resilienza".

"Gli studi futuri potrebbero esaminare il ruolo, ad esempio, delle risorse finanziarie, del razzismo e dell'equità sociale sulla resilienza".

La dottoressa VanBronkhorst, che oltre al suo ruolo alla Columbia lavora come psichiatra infantile e adolescenziale presso Network180, una clinica comunitaria per la salute mentale, assiste molti minori con valori elevati di esperienze avverse.

"I genitori con cui lavoro vedono i loro figli in difficoltà, vogliono formare queste relazioni positive, ma ci sono così tante cose che si frappongono".

"Dovremmo aiutarli con corsi per genitori e terapie familiari; possiamo educare insegnanti e membri della comunità. Ma dovremmo anche considerare interventi più ampi e strutturali che potrebbero ridurre le esperienze di avversità e le cause di stress che interferiscono con la formazione degli adulti. legami che possono proteggere i ragazzi dallo stress."

In questo studio volevamo riconoscere che la resilienza non può essere ridotta agli attributi individuali con cui si nasce" sottolineano i ricercatori. "La resilienza è un processo. Per impegnarsi in questo processo, i ragazzi e coloro che si prendono cura di loro hanno bisogno di accedere alle risorse del loro ambiente che favoriscano relazioni forti e reattive ed esperienze significative”.


Riferimento bibliografico

Sara B. VanBronkhorst, Eyal Abraham, Renald Dambreville et alii.
Sociocultural Risk and Resilience in the Context of Adverse Childhood Experiences.
JAMA Psychiatry, 2023.