Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove riconoscermi parte di un gruppo di operatori che perseguono uno scopo comune.

 20140506 tribunale


Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove è condivisa una visione di fondo della tutela dell’infanzia che tiene in conto l’esperienza della giustizia minorile italiana degli ultimi decenni.
Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove due bambini in una situazione analoga non hanno destini completamente diversi a seconda del giudice che si occupa di loro.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove, pur all’interno di una visione d’insieme, c’è spazio per il disaccordo e per la ricerca di soluzioni il più possibile condivise.
Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove si esce soddisfatti da una discussione non perché si è riusciti a prevalere ma perché si sono comprese meglio le proprie ragioni e quelle degli altri.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove i giudici togati sono interessati a comprendere i fenomeni sociali e i giudici onorari si impegnano a capire i meccanismi del diritto;
dove tutte le discipline, anche quelle non giuridiche, hanno piena dignità;
dove i loro saperi sono ritenuti un contributo utile per leggere le informazioni di cui si dispone inserendole in una cornice di senso.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove la legge viene applicata nel confronto con la realtà e non con l’astrattezza.
Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove si decide su ogni situazione analizzando proprio quella situazione e non ciò che rappresenta.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove la dignità delle persone è un valore.
Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove non occorrono sottolineature per capire quanto questa dignità sia offesa da ogni atto di violenza, sia essa psicologica, verbale, fisica o sessuale.
Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni che non ritiene i bambini meno attendibili degli adulti.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove non ci sono dogmi, né quello dell’allontanamento dalla famiglia né il suo contrario.
Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove si è capaci di ascoltare il malessere nelle relazioni familiari che rende necessario l’intervento giudiziario.
Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni che, quando deve scegliere se tutelare gli adulti o i bambini, sta dalla parte dei bambini.

20140506 tribunale3

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni che protegge i diritti dell’individuo.
Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni che, quando un comportamento infrange i diritti di una persona, si preoccupa di chi non può difendersi da solo: il minore nel processo civile, la vittima in quello penale.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove le udienze penali non prescindono dal reato,
dove l’obiettivo augurabile non è il colpo di spugna ma lo stimolo a crescere,
dove i progetti di messa alla prova prendono sul serio le potenzialità e difficoltà degli imputati.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove si è grati di ogni confronto possibile con i giudici di altri Tribunali o con gli operatori del proprio territorio,
dove si coltiva lo spazio per una riflessione sul proprio lavoro,
dove si è consapevoli di operare in un ambito sensibile e in continuo cambiamento e per questo si cerca di aggiornarsi.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni che comprende la presenza di insufficienze al proprio interno come nei Servizi Sociali o in altre istituzioni.
Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove i problemi organizzativi vengono affrontati non disgiunti da quelli di contenuto.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove si è consapevoli che ciò che si dice non è più importante del tono con cui lo si dice.
Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove si ha a cuore la propria istituzione di riferimento.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove il dubbio di chi ha meno esperienza è l’occasione data agli altri per verificare il fondamento delle proprie ipotesi interpretative;
dove chi desidera un cambiamento incomincia con l’ascoltare chi è lì da più tempo;
dove non si demolisce una prassi consolidata prima di aver capito fino in fondo che cos’è, quali frutti ha dato, a quale problema ha risposto nel tempo e se quel problema esiste ancora.

Vorrei lavorare in un Tribunale per i Minorenni dove si comprende che in un sistema complesso, fatto di interdipendenze, l’unico mutamento possibile è quello che si fa con e non contro gli altri.

 testo precendetemente pubblicato dalla rivista MinoriGiustizia

L'autore.
Sociologa e counsellor, è giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna e lavora per il Comune di Ferrara nell’ufficio Diritti dei minori. Da molti anni aderisce al Movimento Nonviolento.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

logo SPIAZZA ok

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca