Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Gli adolescenti sono impulsivi per natura, dice la saggezza popolare. Sono come bombe pronte ad esplodere alla minima sollecitazione. I genitori pensano di dover incrociare le dita, sperando che nessuno accenda la miccia che porterà a un'esplosione.

20180306 macchine rischio 2

Gli adulti spesso tentano di limitare e monitorare il comportamento degli adolescenti, nel tentativo di proteggerli da esperienze avventate e gesti pericolosi.

Le ricerche della neuroscienza sembrano rafforzare l’opinione che gli adolescenti siano strutturati in modo da prendere solo decisioni sbagliate. Gli studi suggeriscono che le regioni del cervello associate all'autocontrollo e alla pianificazione a lungo termine, come la corteccia prefrontale, sono ancora in via di sviluppo.

Allo stesso tempo, l'adolescenza è il momento di maggiore attività in una regione del cervello associata alla ricompensa, lo striato ventrale. Di conseguenza si dice che questi adolescenti fuori controllo sono anche estremamente sensibili alle ricompense e incapaci di frenare gli impulsi - e quindi sono “naturalmente” a rischio. Non riescono a controllarsi perché i loro cervelli sono sviluppati in modo non uniforme.

Ci sono importanti questioni evolutive che fanno sì che gli adolescenti agiscano così come agiscono. Sono spinti ad esplorare i loro ambienti e ad imparare tutto quello che possono su quanto li circonda. Il lavoro di un adolescente, parlando in termini evolutivi, è quello di provare nuovi comportamenti e ruoli. Farlo comporta a volte dei rischi, ma non necessariamente il rischio fine a se stesso.


Gli adolescenti hanno le loro priorità

Gli adolescenti sono altrettanto capaci quanto gli adulti di controllare i loro comportamenti per raggiungere i loro obiettivi.

Di fatto, gli adolescenti sono in realtà più precisi di quanto non siano gli adulti nelle esperienze di laboratorio che verificano il controllo cognitivo. Le differenze da un ragazzo all’altro in questo tipo di abilità all'interno dei gruppi di pari età sono maggiori rispetto al dato di essere un adolescente o un adulto.

Gli adolescenti portano a termine altrettanto bene, se non meglio, degli adulti quei compiti che comportano potenziali ricompense. Ad esempio, gli adolescenti sono più veloci e più precisi degli adulti quando si astengono dal fare una certa cosa sapendo che una prestazione adeguata in questo impegno  porta a una ricompensa. Gli adolescenti ottengono risultati migliori anche in contesti emotivi se vengono premiati per riuscire in una certa cosa.

In entrambi questi scenari, essere focalizzati sull'ottenere una ricompensa è utile. In effetti, se la posta in gioco è alta, i ragazzi sono più determinati e mostrano più attività nelle regioni di controllo del cervello rispetto agli adulti.

Tuttavia, se i ricercatori utilizzano gli incentivi come una distrazione, gli adolescenti fanno peggio degli adulti nei compiti che implicano il controllo cognitivo. Ad esempio, uno studio ha rilevato che gli adolescenti erano più lenti e meno accurati nell'ignorare gli stimoli precedentemente gratificanti quando avevano bisogno di dirigere la loro attenzione decisionale altrove.

Quindi gli adolescenti non prendono decisioni come gli adulti. La vera differenza sta in ciò che gli adolescenti apprezzano: ottenere l'accettazione tra pari o una ricompensa può superare il valore e l’importanza che gli adulti attribuiscono al rimandare la ricompensa per un obiettivo “non sociale” a lungo termine, come la stabilità finanziaria.

20180306 macchine rischio 2a


Un tempo di esplorazione e apprendimento

Nel passato, nella storia evolutiva umana, quando la durata della vita era più breve, gli adolescenti avevano bisogno di esplorare il loro mondo per trovare cibo e compagni. Sebbene i contesti siano molto differenti per gli adolescenti moderni, l'esplorazione è ancora importante, in quanto per questa via apprendono le abilità essenziali per l'età adulta.

L'adolescenza è il momento in cui gli adolescenti imparano come affrontare e vivere le relazioni sociali, sviluppare un’idea di sé e capire come fare le cose in modo indipendente.

Imparare ed esplorare, per definizione, richiede agli adolescenti di fare esperienze il cui risultato è sconosciuto. Una grande parte di ciò significa prendere alcuni rischi per esplorare e acquisire e comprendere nuove informazioni.

Si immagini di non lasciare mai il proprio quartiere poiché si sa che è sicuro. Camminare verso una nuova area potrebbe essere più pericoloso, ma potrebbe offrire ristoranti migliori o più posti di lavoro part-time. Potrebbe anche offrire opportunità sociali più diversificate, come campi per sport di squadra o la possibilità di fare incontri e avere ulteriori prospettive di relazioni affettive.

L'essenza dell'esplorazione è avventurarsi nell'ignoto per avere la possibilità di qualcosa di meglio.

Questo ha un ruolo nel modo in cui gli adolescenti hanno una maggiore tolleranza per l'ambiguità rispetto agli adulti. Data la possibilità di ottenere un premio maggiore, i ragazzi sono più propensi a scegliere un'opzione con più "rischio" o incertezza di vincere o perdere, rispetto all'opzione "sicura" in cui sono indicate le probabilità di vincere e perdere.

Alla fine, conoscere il mondo implica necessariamente dei rischi. Non sai per certo cosa potresti imparare finché non lo provi. Questo fatto si riflette nella struttura del cervello, poiché le stesse regioni attivate durante l'elaborazione della ricompensa e l'assunzione del rischio sono anche coinvolte nell'apprendimento. In effetti, le persone che hanno attivato quelle regioni di ricompensa durante un compito di assunzione di rischi in laboratorio hanno anche appreso in modo più veloce come eseguire il compito.


Esplorando il sé

C'è un altro aspetto dell'esplorazione adolescenziale che non si adatta alla visione standard che si ha di loro: l’esplorazione si presenta in modo diverso da adolescente a adolescente.

La maggior parte degli adolescenti non rispondono allo stereotipo del ragazzo incontrollabile che si assume dei rischi. Se l'adolescenza si concentra sull'apprendimento del mondo più che sull'assunzione di rischi fini a se stessi, molti adolescenti impareranno senza mettersi in pericolo. Cosa determina la natura dell'esplorazione adolescenziale?

Parte del compito dell'adolescenza è provare diversi "sé" e scoprire chi si è. L'esplorazione adolescenziale aiuta gli adolescenti a strutturare la loro identità. Questo periodo è un periodo di maggiore autonomia, socializzazione e autocoscienza.

I modi in cui gli adolescenti scelgono di esplorare il loro mondo dipendono dal modo in cui pensano a se stessi e al loro mondo sociale.

Ad esempio, si prenda in considerazione un ragazzo delle superiori che decida di non andare a un allenamento di calcio a seguito di una cotta per una ragazza, e decida invece di andare furtivamente al centro commerciale per parlarle. L'adolescente identifica se stesso come un atleta? Il calcio è una parte importante del suo sé?

20180306 macchine rischio 8

Nel corso dell'adolescenza, i ragazzi iniziano a mettersi in discussione e a pensare attivamente alla propria identità . Anche le regioni del cervello che aiutano a elaborare le informazioni personali e sociali continuano a maturare in questi anni. Quando gli adolescenti pensano a se stessi e a ciò che gli altri pensano di loro, queste stesse regioni del cervello si attivano.

Una scoperta interessante è che la stessa regione del cervello che svolge un ruolo nell'elaborazione dell'apprendimento e della ricompensa è attiva anche quando gli adolescenti pensano a se stessi. Questo suggerisce che per gli adolescenti la valutazione di se stessi è strettamente connessa con l'apprendimento di se stessi, e possono essere intrinsecamente motivati ​​a fare entrambe le cose.


Occorre pensare a cosa stanno cercando di fare gli adolescenti

Gran parte della discussione pubblica sugli adolescenti ruota attorno al motivo per cui si assumono rischi apparentemente inutili. Un modo migliore di pensare all'adolescenza potrebbe essere  quello di considerarloun periodo molto delicato nel quale si conosce se stessi e si esplora il mondo sociale.

A volte l'esplorazione può portare a maggiori rischi. Ma quei rischi vengono presi a favore della preparazione all'età adulta, per acquisire abilità e conoscenza; e non tutto l'apprendimento comporta dei rischi.

Cosa significa questo per genitori e insegnanti? Qualche comportamento adolescenziale appare irrazionale o di cattivo gusto per gli adulti. I cervelli adulti e adolescenti affrontano sfide diverse e quindi apprezzano cose diverse.

Gli adolescenti stanno ancora esplorando il mondo che gli adulti hanno già imparato a conoscere. Nel giudicare gli adolescenti, gli adulti dovrebbero considerare il grande bisogno che hanno gli adolescenti di conoscere se stessi e il loro mondo sociale. Il loro comportamento, di conseguenza, potrebbe iniziare a sembrare meno irrazionale.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Seguici anche su Facebook

Link amici

Area riservata