Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Può bastare un piccolo incidente, una contrarietà da niente perché l’umore diventi negativo, con inevitabili ripercussioni sul nostro equilibrio e sulla qualità delle relazioni.

20210401 piccole 4

Ad esempio, stiamo per uscire di casa e urtiamo la tazza con il caffè, macchiando ovunque e sporcandoci i vestiti. Può bastare un fatto del genere per metterci di malumore e magari indisporci nei confronti degli altri. A chi ci incontrerà questa mattina risponderemo con un saluto frettoloso e chiuso oppure allegramente?

In un nuovo studio sull'attività cerebrale condotto da psicologi dell'Università di Miami, i ricercatori hanno scoperto che il modo in cui il cervello di una persona valuta gli stimoli negativi fugaci - come quello della tazza rovesciata - può influenzare il benessere psicologico a lungo termine.

"Un modo per considerarlo è che più a lungo il tuo cervello si aggrappa a un evento negativo, o uno stimolo, più infelici si riferirà di essere" spiega Nikki Puccetti, Ph.D. del Dipartimento di Psicologia e autrice principale dello studio pubblicato sul Journal of Neuroscience.

"Fondamentalmente, abbiamo scoperto che la persistenza del cervello di una persona nel trattenere uno stimolo negativo è ciò che predice esperienze emotive quotidiane più negative e meno positive. Ciò a sua volta predice quanto questi individui pensano di star bene nella loro vita".

"La maggior parte della ricerca sulle neuroscienze esamina l'intensità con cui il cervello reagisce agli stimoli negativi, non quanto a lungo il cervello trattiene uno stimolo. Abbiamo preso in considerazione il cosiddetto spillover - come la colorazione emotiva di un evento si riversa su altre cose che accadono. Comprendere i meccanismi biologici di ciò è di fondamentale importanza per comprendere le differenze nella funzione cerebrale, nelle emozioni quotidiane e nel benessere".

Per il loro studio, i ricercatori hanno deciso di apprendere come le diverse reazioni nel cervello alle immagini emotive si relazionano a esperienze emotive momentanee nella vita quotidiana e persino al benessere psicologico nel tempo. Hanno ipotizzato che l'amigdala, la struttura a forma di mandorla su entrambi i lati del cervello che valuta gli stimoli e sostiene l'emozione e la memoria, giochi un ruolo importante.

Hanno confermato i loro sospetti analizzando i dati dello studio Midlife in the United States (MIDUS), uno degli studi longitudinali più ricchi e unici sulla salute e il benessere di migliaia di persone. Con altri ricercatori affiliati al progetto MIDUS, gli studiosi di Miami hanno analizzato i dati di 52 partecipanti MIDUS che avevano completato un questionario sul loro benessere psicologico e, in una telefonata serale, hanno riferito gli eventi stressanti e le emozioni positive e negative che avevano vissuto ciascuno giorno per circa una settimana.

20210401 piccole 4a

I soggetti dello studio sono stati inoltre sottoposti a scansioni di risonanza magnetica funzionale (fMRI) che hanno misurato e mappato la loro attività cerebrale mentre osservavano e valutavano 60 immagini positive e 60 immagini negative, intervallate da 60 immagini di espressioni facciali neutre.

Collegando i dati dei questionari, i diari delle telefonate quotidiane e le istantanee cerebrali delle fMRI, i ricercatori hanno stabilito che le persone la cui amigdala sinistra si aggrappava a stimoli negativi per meno secondi avevano maggiori probabilità di riportare più emozioni positive e meno emozioni negative nella loro vita quotidiana - - che si è poi riversata nel tempo in un benessere più duraturo.

Al contrario, le persone la cui amigdala sinistra ha reagito in modo più persistente alle immagini negative nel tempo hanno riportato emozioni più negative e meno positive nella loro vita quotidiana.

"Può darsi che per gli individui con una maggiore persistenza dell'amigdala, i momenti negativi possano essere amplificati o prolungati impregnando momenti non correlati che seguono con una valutazione negativa. Questo collegamento del comportamento cerebrale tra la persistenza dell'amigdala sinistra e l'affetto quotidiano può informare la nostra comprensione di valutazioni del benessere più durature e a lungo termine".

E potrebbe spiegare, ha detto la dottoressa Puccetti, perché alcune persone potrebbero lasciare che una tazza di caffè caduta rovini la loro giornata, mentre altri non ci penserebbero più dopo aver ripulito il pasticcio creatosi. Sarebbe importante ripetere lo studio con soggetti che, a differenza dei partecipanti MIDUS, sono ad alto rischio di sviluppare depressione o ansia.

"Potrebbe essere che si mostri in loro una persistenza ancora maggiore, e forse ci direbbe che potrebbero di conseguenza essere più propensi a sviluppare un disturbo psichiatrico" conclude la ricercatrice.

Indicazioni che possono essere utili per affrontare il quotidiano per gli adulti, sia per se stessi sia per i giovani con cui sono in relazione educativa, per cercare di individuare e tentare di eliminare da subito quelle piccole avversità che diventano a volte causa di conflitti e dissapori ben più pesanti.


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della University of Miami
Riferimento bibliografico
Nikki A. Puccetti et alii. Linking Amygdala Persistence
to Real-World Emotional Experience and Psychological Well-Being
.
The Journal of Neuroscience, 2021.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca