Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Giocare all’interno di una realtà virtuale crea un effetto chiamato "compressione del tempo", in cui il tempo scorre più velocemente di quanto si pensi.

20210526 real 4

È quanto indica il lavoro di un gruppo di ricercatori di psicologia della University of California - Santa Cruz. Il team ha confrontato la percezione del tempo durante il gioco utilizzando monitor convenzionali e realtà virtuale per determinare che questo effetto è legato in modo univoco al format della realtà virtuale.

Grayson Mullen, che all'epoca era uno studente universitario in scienze cognitive, ha lavorato con il professore di psicologia Nicolas Davidenko per progettare un esperimento che testasse come gli effetti della realtà virtuale sul senso del tempo di un giocatore differiscano da quelli dei monitor convenzionali. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Timing & Time Perception.

Mullen ha progettato un gioco di labirinti che poteva essere giocato sia nella realtà virtuale che nei formati convenzionali, quindi il team di ricerca ha reclutato 41 studenti universitari dell'UC Santa Cruz per testare il gioco. I partecipanti hanno giocato in entrambi i formati, mentre i ricercatori hanno randomizzato la versione del gioco con cui ogni studente ha iniziato a giocare. Entrambe le versioni erano essenzialmente le stesse, ma i labirinti in ciascuna variavano leggermente in modo che non ci fosse ripetizione tra i due formati.

Ai partecipanti è stato chiesto di interrompere il gioco ogni volta che si sentivano come se fossero trascorsi cinque minuti. Poiché non c'erano orologi disponibili, ogni persona doveva fare questa stima in base alla propria percezione del passare del tempo.

Studi precedenti sulla percezione del tempo nella realtà virtuale hanno spesso chiesto ai partecipanti le loro esperienze dopo il fatto, ma in questo esperimento, il team di ricerca ha voluto integrare un compito di cronometraggio nell'esperienza della realtà virtuale al fine di catturare ciò che stava accadendo nel momento.

I ricercatori hanno registrato la quantità effettiva di tempo che era trascorso quando ogni partecipante ha smesso di giocare e questo ha rivelato un divario tra la percezione del tempo dei partecipanti e la realtà.

Lo studio ha rilevato che i partecipanti che hanno giocato alla versione di realtà virtuale del gioco hanno giocato per la prima volta per una media di 72,6 secondi in più prima di sentire che erano passati cinque minuti rispetto agli studenti che hanno iniziato su un monitor convenzionale. In altre parole, gli studenti hanno giocato per il 28,5% di tempo in più di quanto si rendessero conto nella realtà virtuale, rispetto alla modalità convenzionale.

Questo effetto di compressione del tempo è stato osservato solo tra i partecipanti che hanno giocato per primi al gioco nella realtà virtuale.

Il documento ha concluso che ciò era dovuto al fatto che i partecipanti hanno basato il loro giudizio sul tempo nel secondo round su qualsiasi stima del tempo iniziale che hanno fatto durante il primo round, indipendentemente dal formato del gioco.

Ma se la compressione del tempo osservata nel primo round è traducibile in altri tipi di esperienze di realtà virtuale e intervalli di tempo più lunghi, potrebbe essere un grande passo avanti nella comprensione di come funziona questo effetto.

Sebbene ci siano molte descrizioni informali della compressione del tempo nella realtà virtuale da parte di persone che l'hanno sperimentata in prima persona, è ancora un'area di ricerca attiva.

20210526 real 4a

“Questa è la prima volta che possiamo davvero isolare il fatto che non è solo che stai giocando a un videogioco, o il contenuto di qualunque cosa tu stia vedendo", ha detto Mullen. "È davvero il fatto che è la realtà virtuale rispetto a uno schermo convenzionale che contribuisce a questo effetto di compressione del tempo".

La compressione del tempo potrebbe essere utile in alcune situazioni, come sopportare un trattamento medico spiacevole o passare il tempo su un lungo volo, ma in altre circostanze potrebbe avere conseguenze dannose.

"Poiché le cuffie per la realtà virtuale diventano più comode da indossare per periodi di tempo più lunghi e poiché i giochi più coinvolgenti sono realizzati per questo formato, penso che sarebbe bene evitare che diventasse come un casinò virtuale, dove finisci per giocare di più perché non ti rendi conto di quanto tempo stai spendendo " osserva il professor Mullen.

La ricerca sulla dipendenza dal gioco mostra che perdere la cognizione del tempo durante il gioco può influire negativamente sul ciclo del sonno e sull'umore di un giocatore. Questi effetti potrebbero essere più pronunciati nella realtà virtuale, ma Mullen afferma che i game designer possono aiutare a ridurre al minimo il rischio, magari integrando un orologio che apparirebbe a intervalli regolari durante il gioco.

Sarà anche importante scoprire perché la realtà virtuale sembra contribuire alla compressione del tempo. Nel documento, Mullen descrive una possibilità, che si riferisce al fatto che, nella realtà virtuale, un giocatore ha meno consapevolezza del corpo. Il professore di psicologia Nicolas Davidenko, coautore e consulente dell'articolo, ha spiegato perché questo potrebbe essere importante.

"Nella realtà virtuale, quando guardi in basso, potresti non vedere nulla dove sarebbe normalmente il tuo corpo, o potresti vedere uno schema di un corpo, ma non ti sembrerà il tuo corpo. Ci sono teorie secondo le quali possiamo fare affidamento sul nostro battito cardiaco e altri ritmi corporei per aiutare il nostro cervello a tenere traccia del passare del tempo, quindi se hai una percezione meno vivida del tuo corpo nella realtà virtuale, potresti perdere gli impulsi di questo meccanismo di misurazione del tempo".

Esperimenti futuri per testare questa teoria potrebbero fornire nuove intuizioni per aiutare i progettisti a massimizzare i benefici e ridurre al minimo i danni causati dalla compressione del tempo, poiché la tecnologia della realtà virtuale continua a crescere.

Sono innovazioni e cambiamenti che è bene conoscere. I giovani e ormai anche i bambini sono sempre più coinvolti dalle nuove tecnologie, soprattutto per un utilizzo ludico. La realtà virtuale sarà un ulteriore passaggio che probabilmente implementerà ancora di più il grado di interattività e astrazione dei giochi cui la gran parte di loro dedica molto tempo.


I materiali della ricerca sono disponibili sul sito della University of California - Santa Cruz.
Riferimento bibliografico:
Grayson Mullen, Nicolas Davidenko.
Time Compression in Virtual Reality. Timing & Time Perception, 2021

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca