Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

Per un ragazzo ansioso anche le attività apparentemente normali possono risultare difficili. I ragazzi preoccupati hanno difficoltà ad adattarsi alla scuola, a fare amicizia e ad imparare. Possono sentirsi inibiti, evitano le sfide scappando o ritirandosi in se stessi.

20210729 aiutare 1

I genitori possono sentirsi incapaci di aiutarli e i loro approcci possono ritorcersi contro i ragazzi, se non corretti. Ad esempio, cercare di parlare ai figli dei loro sentimenti o tenerli lontani da situazioni che producono ansia può inavvertitamente peggiorare l'ansia.

Una nuova ricerca suggerisce che insegnare ai ragazzi fin da piccoli a gestire i disturbi può permettere di per prevenire l'ansia più avanti nella loro vita.

L'ansia è uno dei disturbi mentali più comuni dell'infanzia. Circa il 7% dei bambini ne soffre in un dato momento, quasi 1 adolescente su 3 che ne soffre durante l'adolescenza.

Per aiutare i giovani ansiosi, i medici hanno sviluppato trattamenti come la terapia cognitivo-comportamentale, per alleviare i sintomi. Ma questi trattamenti possono essere gravosi e anche costosi, e non sempre funzionano.

L'ansia nei bambini di età prescolare può essere un segno di problemi futuri, un precursore di disturbi successivi, come l'ansia sociale, le fobie o il disturbo ossessivo-compulsivo. Eppure si poco su come contrastare l'ansia in giovane età, quando i bambini potrebbero non avere nemmeno le capacità cognitive per beneficiare del trattamento.

E se i ragazzi già da piccoli potessero essere “vaccinati” in qualche modo contro l'ansia, risparmiando loro un futuro di preoccupazioni e inibizioni? Una nuova linea di ricerca l'Università del Michigan, suggerisce che questo potrebbe essere possibile.

I ricercatori hanno studiato bambini molto piccoli con sintomi di ansia e hanno fatto importanti scoperte sui marcatori cerebrali dell'ansia infantile. Basandosi su questo lavoro, team ha creato un programma di formazione per bambini piccoli volto ad aumentare le loro capacità cognitive, contribuendo a ridurre la loro ansia, sia immediatamente che, possibilmente, in futuro.

"Speriamo che il nostro lavoro dimostrerà che l'ansia infantile non è inevitabile, ma potrebbe essere prevenuta con il giusto intervento" afferma gli autori dello studio. "Finora, sembra promettente."

La neuroscienza dell'ansia

Quando si affrontano situazioni difficili o spaventose nella vita, il nostro cervello entra naturalmente in azione. L'amigdala emette sostanze neurochimiche (come l'adrenalina) per far battere forte il nostro cuore e preparare i nostri corpi a "combattere, fuggire o immobilizzarsi" in caso di pericolo. Allo stesso tempo, i lobi frontali impegnano la nostra cognizione per valutare la situazione, attingere all'esperienza passata e risolvere i problemi per trovare una risposta appropriata. Nelle persone sane, questi doppi sistemi funzionano in tandem, uno che spinge e l'altro che frena, a seconda di ciò che è necessario.

Nel contesto di questo processo, un po' di ansia può avere un lato positivo, come quando ci motiva a esercitarci duramente per padroneggiare un pezzo per pianoforte o a studiare per un test. Ma, nelle persone ansiose, il pedale dell'acceleratore agisce ogni volta, facendo venire loro voglia di precipitarsi o sfuggire alla sfida. Può essere anche debilitante ed estenuante, poiché spesso le persone ansiose devono esercitare un controllo molto faticoso solo per sopportare la situazione.

Affrontare situazioni stressanti mentre si reprime la risposta alla paura è la chiave per superare l'ansia, negli adulti e nei bambini più grandi.

Ma nei bambini piccoli, come il team di ricerca sta scoprendo, il cervello può rispondere in modo leggermente diverso. Ad esempio, i bambini dai quattro ai sette anni hanno una risposta di allarme superiore al normale in "situazioni neutre" - dove non sta accadendo nulla di minaccioso - ma hanno una risposta di allarme normale in situazioni allarmanti a cui qualsiasi bambino reagirebbe. Questo suggerisce che hanno molto da superare quando affrontano le sfide quotidiane, come andare a scuola o incontrare nuove persone.

20210729 aiutare 1a

I ricercatori hanno anche scoperto che una parte del cervello che risponde quando le persone commettono un errore - la negatività correlata all'errore (o ERN) - è più debole nei bambini ansiosi dai cinque ai sette anni che nei bambini più grandi e negli adulti preoccupati. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che i bambini piccoli non hanno capacità cognitive ben sviluppate che potrebbero aiutarli a capire che gli errori accadono, non sono spaventosi e spesso possono essere corretti. Senza un maggiore controllo cognitivo, la loro reazione di allarme vince, rendendoli ansiosi.

Un bambino con un basso controllo cognitivo ha anche maggiori probabilità di sviluppare ansia più avanti nell'infanzia, mentre uno con una maggiore capacità sarà più resistente allo stress. L'aumento del controllo cognitivo (che può essere misurato dall'ERN) potrebbe sia trattare l'ansia nei bambini piccoli che potenzialmente impedire che peggiori nel tempo.

"Se potessimo solo aiutare i bambini a ottenere un certo controllo cognitivo quando sono ansiosi, questo potrebbe davvero fare la differenza nel modo in cui affrontano le situazioni stressanti", affermano i ricercatori. "Dobbiamo solo renderli più capaci".

Prevenire l'ansia dannosa

Per testare questa idea, i ricercatori hanno condotto uno studio pilota con bambini ansiosi dai quattro ai sette anni. I bambini sono andati in un "campo" progettato dai ricercatori chiamato “Kid Power” per quattro sessioni di mezza giornata nell'arco di due settimane. Al campo, i bambini hanno fatto giochi divertenti e ordinari che aiutano a rafforzare il controllo cognitivo.

I consulenti del campo hanno gradualmente aumentato l’impegno all'interno dei giochi per aiutare i bambini a padroneggiare le abilità necessarie per fare bene, come essere flessibili, usare la memoria di lavoro e inibire le risposte indesiderate (come muoversi quando dovrebbero star fermi). Hanno anche goduto della compagnia di altri bambini, con i quali hanno fatto brainstorming su come migliorare le loro prestazioni. E i genitori hanno partecipato alla fine di ogni sessione, imparando i giochi dai loro figli in modo che potessero esercitarsi a giocare insieme a casa.

Per vedere gli effetti che questa formazione ha avuto sul cervello e sul comportamento dei bambini, i ricercatori hanno misurato la loro risposta d’impulso e l'ERN prima di partecipare al campo “Kid Power” e da quattro a sei settimane dopo. Per farlo, hanno fatto giocare i bambini a giochi con il computer che richiedevano il controllo cognitivo, mentre indossavano monitor speciali in grado di catturare le loro risposte di allarme e ERN quando commettevano errori. Inoltre, i ricercatori hanno raccolto informazioni dai genitori e dai bambini stessi sui sintomi dell'ansia prima e dopo il campo.

Dopo aver analizzato i dati, il team ha scoperto che le ERN dei bambini sono aumentate (indicando un maggiore controllo cognitivo), mentre le loro risposte di allarme sono diminuite, un dato che indica una diminuzione dell’ansia a quell'età.

"Il segnale cerebrale correlato al rilevamento di un errore è effettivamente aumentato, ma in senso positivo. I bambini stavano migliorando nel fare le cose difficili, interrompendo la risposta istintiva, inclusa la risposta alla paura”.

Queste rilevazioni rispecchiavano le valutazioni dei bambini e dei loro genitori. I piccoli hanno riportato meno sintomi di ansia, tra cui paura ed evitare situazioni difficili, dopo l'allenamento, qualcosa che i ricercatori hanno trovato particolarmente gratificante.

I ricercatori ricordano un partecipante di cinque anni che aveva avuto molta paura di commettere errori nella sua classe dell'asilo, che ha portato a attacchi di pianto e altri comportamenti distruttivi che richiedevano chiamate quotidiane a casa. Dopo aver frequentato il campo, però, e aver imparato a calmare l'ansia, tutto è cambiato per lui.

"Dopo una settimana di giochi che facevano parte dell'intervento, quelle chiamate a casa si sono fermate. Sua madre è rimasta colpita, perché la consulenza precedente con un terapista qualificato non aveva portato a miglioramenti. Solo dopo Kid Power il bambino si è adattato con successo all'asilo e ha iniziato a goderselo".

Se le scoperte iniziali del team di ricerca saranno confermate, il suo lavoro potrebbe avere ampie implicazioni, fornendo un modello che altri potrebbero seguire per trattare e prevenire i disturbi d'ansia infantile in futuro.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca