Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Info: info@ubiminor.org  |  Segnalazioni: notizie@ubiminor.org  |  Proposte: redazione@ubiminor.org

Ubi minorubi-minor-progetto

La capacità degli adolescenti di entrare in empatia, di comprendere le prospettive e le emozioni degli altri e di prendersi cura del loro benessere, contribuisce in modo importante alle loro relazioni, anche con gli amici.

20210909 legame 3

Ricerche svolte in passato mostrano che gli adolescenti che hanno relazioni familiari più sicure riportano livelli più elevati di empatia per gli altri. Tuttavia poche ricerche hanno esaminato se gli adolescenti con relazioni familiari più sicure mostrano effettivamente una maggiore empatia quando vengono osservati nelle interazioni della vita reale con i coetanei, o se le loro capacità empatiche mostrano diverse modalità di crescita nel tempo.

Un nuovo studio ha testato se le relazioni familiari sicure e di sostegno degli adolescenti all'età di 14 anni fossero correlate alla loro capacità di fornire ai loro amici supporto empatico durante l'adolescenza e nella prima età adulta.

I risultati indicano che l'attaccamento sicuro (che si riflette sulle relazioni strette in modo emotivamente equilibrato, coerente e valorizzante) predice la capacità degli adolescenti di fornire supporto empatico ai loro amici intimi.

Gli amici più stretti erano anche più propensi a cercare sostegno da adolescenti che avevano relazioni familiari sicure nella prima adolescenza.

Sebbene avere relazioni familiari sicure all'età di 14 anni predicesse una maggiore empatia con i coetanei durante l'adolescenza, quegli adolescenti che non avevano relazioni familiari sicure nella prima adolescenza hanno mostrato un percorso di “recupero”, aumentando la loro empatia verso gli amici intimi man mano che si sviluppavano.

I risultati sono stati pubblicati in un articolo sullo sviluppo del bambino, scritto da ricercatori dell'Università della Virginia e guidato da Joseph P. Allen, professore di psicologia di Hugh P. Kelly.

"I nostri risultati hanno mostrato che gli adolescenti che erano più sicuri nelle loro relazioni familiari all'età di 14 anni hanno fornito un maggiore sostegno empatico ai loro amici di età compresa tra 16, 17 e 18 anni, e sono stati costantemente in grado di fornire tale supporto nel tempo" hanno affermato i ricercatori.

20210909 legame 3a

"Gli adolescenti che erano meno sicuri nelle loro relazioni familiari all'età di 14 anni hanno mostrato un supporto empatico inferiore per gli amici nella prima adolescenza, ma le loro capacità empatiche sono cresciute nel tempo. La cosa particolarmente interessante è che anche gli amici intimi hanno cercato più sostegno da adolescenti con attaccamento sicuro".

Nello studio adolescenti di 14 anni hanno risposto a un'intervista sulle loro relazioni di attaccamento, a differenza della maggior parte degli studi precedenti che utilizzavano misure di autovalutazione dello stile di attaccamento e dell'empatia.

Gli adolescenti che hanno descritto le loro relazioni di attaccamento come di supporto, che hanno valutato quelle relazioni e hanno riflettuto su di esse con coerenza ed equilibrio emotivo, sono stati valutati come più sicuri.

All'età di 16, 17 e 18 anni, gli adolescenti e il loro migliore amico indicato hanno partecipato a un'attività videoregistrata di 6 minuti in cui gli adolescenti hanno aiutato gli amici ad affrontare un problema che si trovavano di fronte. Le richieste di supporto degli amici, così come la capacità degli adolescenti di fornire supporto empatico, sono state messe in luce dai video.

I risultati suggeriscono una forte associazione tra un adolescente che ha uno stato mentale di attaccamento sicuro, o una concezione delle relazioni di attaccamento come supportive, e lo sviluppo della capacità di fornire supporto empatico agli amici intimi durante un periodo di quattro anni dell’adolescenza.

La ricerca di supporto da parte degli amici si sviluppa insieme alla capacità degli adolescenti di fornire empatia, con la ricerca di supporto che aiuta l'empatia a svilupparsi e l'empatia che favorisce anche la ricerca di supporto da parte degli amici.

"Investire nella qualità delle relazioni familiari degli adolescenti all'inizio dell'adolescenza può essere importante per costruire empatia e interazioni positive con i coetanei.

I programmi genitoriali, la terapia familiare quando necessario e gli interventi scolastici che aiutano i giovani adolescenti a sentirsi al sicuro e supportati nelle loro relazioni con gli adulti - non solo i genitori, ma anche insegnanti, tutor e parenti allargati - possono fornire agli adolescenti l'opportunità di ricambiare in futuro nella loro empatia e cura per gli altri.

Il lavoro futuro dei ricercatori potrebbe prendere in considerazione altre potenziali fonti di stabilità e cambiamento dell'amicizia, come la vicinanza e la fiducia, per fornire un quadro più completo della ricerca di sostegno da parte degli amici.

Scopri Arimo Cooperativa Sociale

Iscriviti alla newsletter

Accetto Termini e condizioni d'uso

Seguici anche su Facebook

UbiminorYoutube1

UbiminorYoutube1

logo sharewood

logo SPIAZZA ok

Master accompagnare al futro 1

Link amici

Area riservata

Garante

logo cnca